Mercoledì: Paperopoli; lettera ai politici; San Michele; Giove e Venere; Corale

Giove e Venere

Lo sapevate?.. ora lo sapete….. http://www.3bmeteo.com/giornale-meteo/astronomia–stasera-il–bacio–tra-giove-e-venere-alle-ore-22–70559

Corale

Buonasera Bacucco, Le invio i numeri estratti della lotteria del gruppo corale latisanese. Se gentilmente li pubblica. Un saluto Costanza Odorico Cargnelutti Presidente del gruppo corale latisanese

lotteria corale

Lettera ai politici

Dai commenti ci pare utile copiare questa bella lettera di Riccardo.

– Il comune di Latisana ed i comuni limitrofi hanno dato i natali almeno ad una decina di musicisti e cantanti di livello internazionale di età attualmente compresa tra i 30 e i 45 anni, ovvero che lavorano ad alto livello professionale sia in Italia che all’estero (Europa e non solo). Se l’assessore alla cultura sapesse fare i nomi di almeno metà di loro potremmo ritenerci soddisfatti. Inutile aggiungere che molti di questi hanno riempito le valigie di necessità&virtù e si sono trasferiti altrove. Si vede che è gente strutturalmente inadeguata a vivere qui.

– Con la nuova illuminazione ed il rinnovato manto stradale Via Trieste sta per diventare la pista di decollo più lunga della bassa friulana (tanto per citare il commento di Adriano di qualche giorno fa). Peccato lasciarla ancora aperta a biciclette (pedalate insistentemente da minori ed anziani) e pedoni. Se poi è troppo stretta per farci passare due autobus (ogni mattina dalle 8 alle 8.30 ne passano almeno 4 o 5) o se continua ad allagarsi amen, rinunceremo ai decolli nelle ore di punta e nella stagione delle piogge. (E’ vero inoltre che le fondamenta della nuova illuminazione hanno occupato volumi di fossato e parzialmente ostruito le superfici di passaggio dell’acqua sotto gli accessi alle aree coltivabili)

– Sempre in merito alla ciclabilità: era ora che si togliesse alle bici (sempre insistentemente pedalate da anziani e minori) l’unico possibile transito da Latisanotta verso il centro cittadino, ovvero sotto l’argine dietro la COOP rendendolo un senso unico in direzione opposta (con parcheggio a lato). Basta con tutta sta gente che vuole andare al parco in bicicletta!

.. e a Paperopoli, che si dice?

Dunque dopo aver fatto pagare la TASI che nei comuni vicini non si paga, il Comune di Latisana scopre di avere un avanzo di bilancio di circa 3 milioni di euro. Ora, o il Sindaco ha vinto al Superenalotto o sapeva benissimo che ci sarebbe stato un surplus di entrate rispetto alle uscite: è lui l’assessore al bilancio.

zio-paperone

San Michele al Tagliamento

La Presidenza del Consiglio dei Ministri sceglie San Michele al Tagliamento per i Campi scuola di Protezione Civile con i Giovani. Il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale insieme alle Direzioni Regionali di protezione Civile, promuove ogni anno sul territorio italiano, nel periodo estivo, l’organizzazione di campi scuola per ragazzi, volti a favorire la diffusione della conoscenza della protezione civile e della consapevolezza dei rischi.

La realizzazione e la gestione dei campi sono affidate alle Organizzazioni di volontariato di protezione civile nazionali e regionali che accompagnano i ragazzi in un percorso importante di crescita come cittadini attivi, attenti alla salvaguardia dell’ambiente e all’autoprotezione come misura per la riduzione dei rischi. Collaborano alle attività il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale dello Stato e l’Arma dei Carabinieri che, con la loro competenza e passione, rendono l’esperienza ancora più avvincete ed utile per i ragazzi. Quest’anno la Presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento della Protezione Civile, ha scelto il progetto del Gruppo Comunale di Volontari di San Michele al Tagliamento che prevede un Campo Scuola che si svolgerà dal 24 agosto al 30 agosto 2015. Si tratta di una preferenza di grande significato e può costituire un’opportunità per rafforzare il sistema di protezione civile comunale, anche attraverso la verifica del piano di emergenza locale ed il coinvolgimento delle strutture operative in loco.

Soddisfatto il Sindaco Pasqualino Codognotto e tutta la struttura Comunale ed in particolare il Dott. Antonio Miorin in qualità di coordinatore del Gruppo Comunale Volontario di Protezione Civile che dichiara: “Rendere i ragazzi consapevoli del ruolo attivo che ognuno può svolgere è l’obiettivo dei campi scuola “Anch’io sono la Protezione Civile”. Il Progetto si rivolge ai giovani che hanno frequentato la classe terza secondaria di primo grado, affiancati da tutor che hanno partecipato all’edizione 2014 del campus e da circa 20 volontari che a rotazione supporteranno le diverse attività.” Soddisfazione è stata espressa anche dal Dott. Andrea Gallo Comandante della Polizia Locale nonché responsabile della Protezione Civile di San Michele al Tagliamento

Condividi il post!

PinIt

7 commenti su “Mercoledì: Paperopoli; lettera ai politici; San Michele; Giove e Venere; Corale”

  1. luca ha detto:

    bacucco siamo seri……secondo te meno di 3 milioni di euro sarebbero bastati a coprire l’esenzione della TASI per TUTTO il Comune di Latisana???? Fantaeconomia…..o fumo negli occhi???
    Che poi questo avanzo debba essere gestito da buon padre di famiglia è un altro discorso….

  2. luca ha detto:

    mi sono espresso molto male: intendevo che seppur sarebbero bastati a permettere l’esenzione TASI ritengo auspicabile x il Comune avere sopra la testa un “ombrello” come riparo per eventuali rogne oppure da investire (come il buon padre di famiglia di cui sopra) a favore della collettività l’anno successivo

  3. il_bacucco ha detto:

    @ luca. 6.000 famiglie, 3.000.000 di avanzo, (500 euro per famiglia)…vedi tu….

  4. Marta ha detto:

    Avendo chiesto l’aiuto del Comune all’assistente sociale, in quanto famiglia priva di lavoro e con un bimbo piccolo a carico, e avendo ricevuto in risposta che “il Comune non aveva soldi”, adesso posso riprovarci….. voglio vedere che scuse tirano fuori….. almeno che usino quei soldi per creare posti di lavoro per padri di famiglia o li distribuiscano alle famiglie italiane (non straniere, o singoli senza figli, o lavoratori ben pagati che stazionano nelle case popolari a prezzi stracciati) bisognose. Non parlatemi di Caritas o Croce Rossa, che sappiamo come vanno le cose…

  5. Filiberto ha detto:

    Caro Luca,
    ti consiglio di dare un’occhiata alla delibera di Consiglio Comunale n.19 del 29 Maggio scorso con la quale sono state approvate le aliquote TASI applicate nel nostro comune (con i voti contrari dei consiglieri Abriola, Simonin e Serafini tanto per la cronaca). A pagina 5 trovi una tabella dove viene riportata la stima del gettito che la tassa sui servizi indivisibili porterà nel 2015. Sono 558’553,68 €.
    Quindi la considerazione del Bacucco non è fanta-economia tanto meno fumo negli occhi. E’ un’idea che, condivisibile o meno, ha fondamento di verità. Se davvero il disavanzo è di quasi 3 milioni, ne bastava a spanne 1/5.

    Ma diciamo che a noi cittadini potrebbe anche andar giù il boccone dei tributi più alti della zona se poi questi soldi venissero investiti in qualcosa che possa portare nel medio termine a qualche risparmio di spesa pubblica. Bene, è’ stata appena rifatta l’illuminazione di via Trieste con punti luce completamente nuovi e sembra che non ci sia nemmeno l’ombra di una lampadina LED, come del resto non c’è in tutto il resto del Comune.
    Aggiungo che, come faceva notare Riccardo, il pozzetto dei nuovi pali sporge non di poco dalla sponda del canale (riducendone di conseguenza la sezione) e la terra che era stata riportata a copertura è già franata dentro il canale andando anche ad ostruire parzialmente i tubi sotto gli accessi agli appezzamenti di terreno. Ricordo che via Trieste ogni anno subisce svariati allagamenti di non poco conto.
    Ecco, questo è il modo con cui si spendono i tanti soldi dei cittadini secondo il principio del buon padre di famiglia.

  6. Marta ha detto:

    M5S, ho visto e mi sembra strano. Noi abbiamo un Isee sui 2.500 euro , viviamo in 3 delle 800 euro mensili (comprensive dell’assegno per il nucleo familiare) del secondo anno di mobilità, quindi a noi non spetterebbe nulla, visto che per il momento io supero la soglia del reddito mensile lì indicato….. se uno ha un Isee di 6.000 euro vuol dire che guadagna un pochino di più di me…. e quindi a maggior ragione (e giustamente) ne dovrebbe essere fuori. Bisognerebbe dare un reddito non individuale, ma familiare, come si fa in Germania. Perché, se permetti, ci sono tantissime famiglie dove ad esempio la moglie è “disoccupata” poverina…. ma il marito porta a casa anche più di 1.500 euro, e se mi permetti non dovrebbero avere la pancia vuota… a meno che non abbiano scelto di vivere in una villetta da 130 mq, e allora che se la paghino! Il fatto è che lo Stato dovrebbe essere garante della sopravvivenza dei cittadini, e gli uffici di collocamento dovrebbero farsi in 4 per collocare chi vi si iscrive, in modo che O si trova il giusto lavoro per tutti, a seconda delle invalidità e della preparazione, O lo Stato deve provvedere a integrare il reddito necessario familiare (ad esempio per 3 persone che vivono in 50 mq pagando un mutuo, delle quali un bimbo piccolo, servirebbero 1.500 euro al mese al netto di asili e baby sitter, quindi se non li guadagnano i genitori, il restante li mette lo Stato). Parlare di corsi di formazione mi fa moooolto ridere. Ad esempio io sono laureata a pieni voti in lingue (non un corsetto di 50 ore….), oltre che avere 2 diplomi. OLtre ad essere invalida civile al 68% iscritta alle categorie protette e iscritta alle liste di mobilità. Quindi porto con me decine e decine di migliaia di euro di sgravi e agevolazioni…. dopo mezzo migliaio di curricola inviati… ora provo con un concorso pubblico dove so già come finirà… Organizzare corsetti finanziati coi soldi pubblici serve solo oleare le tasche delle scuole di formazione. E illudere uno con la terza media che dopo un corso di poche decine di ore di tedesco… troverà lavoro come receptionist a Lignano (mi vien da ridere!!). Questi corsi non hanno mai dato lavoro a nessuno, sono solo una riga (inutile e spesso non letta) in più da scrivere su un curriculum che finirà nel cassetto assieme a centinaia di altri. Gli uffici di collocamento dovrebbero inserire le persone, non solo stampare documenti vari e iscriverti in banche dati inutili. Bisognerebbe costringere le grandi aziende (quelle che succhiano contributi statali) ad assumere periodicamente, bisognerebbe vedere perché le ditte che falliscono (facendo pagare stipendi e tfr all’Inps, coi soldi pubblici) hanno sempre i propri ex titolari in perenne vacanza, a mangiare al ristorante e vivere nelle ville possedute….I soldi in Italia ci sono, bisognerebbe redistribuirli. A me l’assistente sociale ha detto che fino a quando ho ma mobilità non ho bisogno di aiuti, anzi, per molti motivi mi ha “convinta” a spendere 350 euro al mese per mandare il bimbo al nido (non vi dico i debiti che sto facendo…), e mi ha avvisata che fino a quando risulto proprietaria di casa (mutuo di 30 anni per 50 mq di appartamento) risulto proprietaria di casa e quindi non posso nemmeno iscrivermi alle graduatorie per le case popolari, date come sempre a singoli o coppie senza figli, famiglie straniere, tossicodipendenti o altro…… che la Serracchiani abbia approvato questo… mi suona strano. Lei è una di quelle che da me vuole ancora avere e avere. Che voglia dare, forse, sicuramente non a quelli come me….

I commenti sono disabilitati.