movimento 5 stelle, elezioni, giornata dell’acqua, incidente, parco junior e zoo, diritto al futuro, palasport e trabalza, e..dilla dalla della….mora

Da Stefano Trabalza riceviamo e volentieri pubblichiamo

il progetto per il nuovo, ospedale di Pordenone pare sia saltato definitivamente. I 150 milioni di euro previsti rimangono in cascina. Ora i soldi per salvare il punto nascite di Latisana ci sono e non ci sono più scuse.  Mandi

Da Valerio Formentini riceviamo e volentieri pubblichiamo

Non so se ho sentito bene. I Mondiali femminili di Pallavolo 2014 a Trieste perchè unica struttura regionale adatta? Va bene che Trieste è Trieste (capoluogo come le altre città designate), ma sarà possibile sfruttare in qualche modo, con manifestazioni minori, il nostro Palazzetto costruito per la serie A?

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Consiglio Comunale dei Ragazzi di Latisana: un evento a misura di ragazzo per celebrare la Giornata Mondiale dell’Acqua. — segue  — clicca —

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Latisana in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua  organizza, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo e la Biblioteca Civica, una manifestazione per sensibilizzare la comunità sul tema delle risorse idriche e della cooperazione.  I 22 giovani consiglieri, che già un anno fa avevano proposto di attivarsi per l’iniziativa, con il supporto dell’Assessore Garbuio, del Settore Affari Generali del comune e dell’Informagiovani, hanno lavorato  partecipando con slancio alla realizzazione dell’evento.   Venerdì 22 marzo 2013, presso la sala ottagonale del Centro Polifunzionale, alle ore 16.30 si aprirà  la manifestazione con una seduta pubblica del Consiglio Comunale dei Ragazzi, in cui sarà presentato il nuovo Sindaco Emiliano Frattolin eletto lo scorso 24 gennaio. Seguirà alle ore 17.00 un’importante testimonianza da parte di Alessio Turco, giovane amministratore muzzanese impegnato in attività di cooperazione internazionale con l’Associazione “Chain Of Love”.  Tra gli interventi ci saranno letture animate e musica proposte dall’Associazione Molino Rosenkranz.    A partire dal 22 marzo e fino al 05 aprile, negli orari di apertura della Biblioteca e dell’Informagiovani, sarà inoltre possibile visitare la mostra dei lavori sull’acqua preparati dalla Scuola Primaria e dalla Scuola Secondaria di I Grado di Latisana. Per le scolaresche e per i gruppi sarà possibile prenotare una visita accompagnata dalle mini-guide museali del Consiglio Comunale.  Si annuncia quindi come una grande festa all’insegna della partecipazione e come un’ottima occasione per riflettere tutti assieme sulla preziosità dell’acqua sotto molteplici punti di vista.   Siete tutti invitati a partecipare numerosi. L’ingresso è gratuito.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Il Diritto al futuro: ecco i manifesti dei bambini.  Nelle strade, nelle scuole, nei bar e nei luoghi chiave dove vivono le loro relazioni.  350 bambini gireranno per le strade dei loro paesi per affiggere i loro pensieri sul futuro. 21 e 22 marzo 2013: alzate lo sguardo e ascoltate i loro pensieri.  Dove?  Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano, Ronchis, Teor, San Giorgio di Nogaro, Torviscosa. – Come si immaginano il futuro i bambini? Ma, soprattutto, gli adulti sono proprio convinti di sapere che cosa i bambini vogliono o non vogliono nel loro avvenire? Forse sì o forse anche no. Sicuramente, per saperlo, bisognerebbe chiederlo direttamente a loro, ascoltando le loro voci e i loro pensieri, magari attraverso dei manifesti affissi lungo le strade, nelle scuole, nei bar e nei luoghi chiave dove ogni giorno i piccoli vivono le loro relazioni e le loro esperienze.  È questa l’originale iniziativa lanciata dai Comuni afferenti all’Ambito Distrettuale di Latisana e realizzata dalla Cooperativa Damatrà, in sinergia con le scuole e le biblioteche del territorio con l’obiettivo di favorire la valorizzazione dell’infanzia e il ruolo propositivo dei giovani cittadini. Da alcuni anni infatti il Servizio Sociale dell’Ambito Distrettuale di Latisana programma delle attività ispirate alla Convenzione Internazionale dei Diritti Dell’Infanzia, per quest’anno scolastico al centro della riflessione è stato il “Diritto al futuro”.  “L’Ambito Distrettuale di Latisana – riferisce il presidente, Salvatore Benigno – riserva uno spazio importante al tema infanzia-diritti, come valore aggiunto alla programmazione della politica sociale. L’iniziativa di quest’anno acquista un significato particolare anche rispetto al momento storico che stiamo vivendo, che “richiama” a gran voce la responsabilità degli adulti per garantire ai cittadini del domani il futuro che in maniera molto semplice ma altrettanto significativa hanno espresso nei loro disegni e pensieri”.  350 bambini – Nei prossimi giorni, oltre 350 bambini delle classi IV e V delle scuole primarie di Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano, Ronchis, Teor, San Giorgio di Nogaro, Torviscosa, accompagnati dalle loro maestre gireranno per le strade dei propri paesi per affiggere i loro pensieri sul “futuro”, consegnandoli alla riflessione dell’opinione adulta.  “Il percorso – spiega Elisabetta Cocetta della Cooperativa Damatrà – nasce in continuità educativa con l’esperienza nata lo scorso anno sul tema dei diritti. In questa annualità abbiamo deciso di sviluppare, su stimolo dell’Ambito, il tema del diritto al futuro. I giovani cittadini sono stati coinvolti in una serie di laboratori creativi e riflessioni maieutiche per provare a costruire il loro immaginario sul futuro”. I manifesti rappresentano così la sintesi e la testimonianza di questo percorso, iniziato a novembre con lo spettacolo “I figli della guerra”, tratto dai “Monologhi di Gaza” e realizzato dai bambini dell’associazione “Arte per la vita” di San Michele al Tagliamento e rivolto a tutte le venti classi coinvolte, e proseguito nella aule scolastiche e nelle biblioteche con le narrazioni e i laboratori degli educatori della Cooperativa Damatrà.  “Un progetto – conclude la Cocetta – che vuole chiudersi con un invito rivolto agli adulti: il 21 e 22 marzo alzate il vostro sguardo e ascoltate i loro pensieri. Resterete piacevolmente stupiti!”.

Candidature alle regionali

Latisana super rappresentata, vediamo un po’ gli schieramenti e le persone. Partiamo dal PD che mi sorprende sempre; nella lista della Serracchiani  troviamo Patrizio Rassatti, che qui a Latisana è il “figlio di Ugo”, perché per sua scelta vive lontano dal paese natio, ad Aiello, dove insegna e scrive. Non troviamo Luca Abriola, dopo che era stato fatto circolare a lungo il suo nome, bruciato quindi poi. Nella lista di supporto de I Cittadini, troviamo Ezio Simonin, un passato da centro destra smaccato, un presente da Montiano (era nella lista poi cancellata) e un futuro da centro sinistra pare. Dura da spiegare agli elettori con la falce e il martello, se ci sono ancora. Eppure nella lista delle provinciali (ente che spero venga soppresso così com’è strutturato) troviamo la brava e nota blogger Chiara Casasola, che già è stata candidata per le comunali (una trentina di voti personali con una ventina di nomi in lista, niente male): non si poteva invertire? Mettere una  stimata latisanese alle regionali e Patrizio alle provinciali? Mah! Poi il PdL. Qui c’è l’ammucchiata. Subito un dubbio sgomberato, Paolo Della Mora, stesso nome, ma Della e Dalla Mora forse non è il fratello di Antonio. Lauretta Iuretig è la segretaria del Nuovo PSI e del direttivo del PDL e corre nel PdL. Micaela Sette non ha bisogno di presentazioni, già Sindaca stimata per dieci anni, corre nel PdL. Lanfranco Sette, fratello, corre con La Destra, sempre a favore di Tondo. Tutti questi del PDL, più Ezio Simonin, pescano voti nello stesso bacino elettorale, con una chiara dispersione che poco aiuta uno/a a vincere e essere eletto/a. Stesso bacino elettorale, ma senza concorrenza apprezzabile a Lignano invece Stefano Trabalza, che corre per Bandelli con Un’Altra Regione: ce la può fare perché Lignano è molto più unita di Latisana e molto probabilmente faranno ticket lui e Massimo Brini per Regionali e Provinciali, bella idea. Infine il Movimento 5 Stelle: parte avvantaggiato, anche se non c’è nessuno della zona, a parte il candidato Presidente Galluccio di Cervignano; ma ancora un paio di cavolate fatte in Parlamento e da vincitori sicuri rischiano di perdere tutto. La gente non è stupida.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

“Welcome” – omaggi per il “Parco Zoo” ed il “Parco Junior” a Lignano Sabbiadoro. C’è grande curiosità ed interesse per “Welcome”, slogan di una originale iniziativa promozionale che vede coinvolti il “Parco Zoo Punta Verde” ed il “Parco Junior” di Lignano Sabbiadoro che comprende una vantaggiosa offerta per tutte quelle famiglie che, con i loro bambini, sceglieranno di visitare questi due parchi.  Nel periodo tra il 24 marzo ed il 5 di maggio, infatti, a tutti i bambini di età compresa tra i 3 e gli 11 anni, verrà regalato un ingresso omaggio al “Parco Zoo Punta Verde” per ogni abbonamento al “Parco Junior” mentre, tre gettoni omaggio da utilizzare al “Parco Junior” saranno consegnati per ogni biglietto bambino acquistato per il “Parco Zoo”.  Il “Parco Zoo Punta Verde” a Lignano Riviera dal 1979 offre la possibilità di conoscere e vedere da vicino oltre un centinaio di specie animali in un ambiente unico nel suo genere che ha fatto diventare lo zoo lignanese un punto di riferimento a livello nazionale; il “Parco Junior” a Lignano Sabbiadoro, in pochi anni è diventato un punto di riferimento per tutte quelle famiglie che vogliono offrire ai loro bambini la possibilità di divertirsi e usufruire di un’area ricca di giochi, circondati da aree verdi curatissime. “Welcome”, un bell’esempio di collaborazione tra due realtà importanti che, potrebbe riservare per il futuro altre interessanti sorprese!

Incidente in autostrada

Ieri pomeriggio verso le 17.00 tra San Giorgio e Latisana, direzione Venezia. Nessun ferito, solo danni alla vettura

Elezioni Regionali FVG,  M5S Lignano.  Giovedì  21 Marzo 2013 h 20.15 Centro Civico, Presentazione candidati

Giovedì 21 marzo, al Centro Civico di Lignano Sabbiadoro, via Treviso, ore 20.15, incontro propositivo ed informativo del Movimento 5 Stelle FVG dove la popolazione di Lignano Sabbiadoro potrà esprimere le proprie idee da portare all’attenzione dei propri PORTAVOCE in REGIONE FVG. I cittadini che vogliono partecipare attivamente sono i benvenuti !  Sarà un’ottima occasione per conoscerci, per programmare i prossimi lavori e per discutere delle problematiche del territorio. Nel corso del banchetto di questo weekend a Lignano Sabbiadoro i cittadini hanno manifestato il proprio interesse sui seguenti argomenti:

– Punto nascita di Latisana – Deve rimanere aperto;

– Nautica da diporto in ginocchio – Cosa intende fare M5S?

– Nel movimento non c’è nessun candidato della zona di Lignano in M5S;

– Terme chiuse / Kursaal, declino del turismo, cosa intende fare M5S;

– Consumo del territorio da fermare a Lignano visto che gli ultimi amministratori hanno favorito la speculazione edilizia;

– Trovare una soluzione ai danni causati dalle mareggiate.

Simpaticamente riceviamo e volentieri pubblichiamo

Omonimia tra Dalla (Della) Mora in politica? Una questione di preposizione articolata, ma puoi sempre comprare una vocale.

Cari amici Friulani, ho ricevuto in questi giorni da più persone le immagini di carta stampata, articoli Internet e di follower di Twitter che pubblicano il mio nome in maniera errata come candidato del Pdl, citandomi come fratello di Antonio, già esponente del UDC e presidente dei commercianti della bassa Friulana, quello delle “Griglie sullo stradone” per capirsi.  Io, Paolo dAlla Mora, abito a Milano da 10 anni, dove lavoro come direttore internazionale della comunicazione per una multinazionale italiana famosa per un noto liquore ambrato dal gusto di mandorla, ruolo che, ahimè, mi vede all’estero per 20 giorni al mese di media. Ciò detto, anche se è solo una questione di preposizioni articolate, sarei lieto di non vedermi confuso con questo “Paolo dElla Mora”, in quanto noi Dalla Mora (Dalla con la A, come il buon Lucio) non ci candidiamo a nessuna elezione, provinciale, regionale o galattica, né io, né il mio buon fratello Toni.

Inoltre il candidato alle regionali in questione, oltre a chiamarsi in maniera “similmente diversa”, è del 1965, mentre io, nonostante la pancia e la barba mezza bianca, sono più giovane di lui di oltre 10 anni…dannata passione per il vin bon.  Non confondiamo quindi la salsiccia col cotechino (sia io luganega o musetto, fate voi).

Spero di poter essere utile al mio Friuli in futuro e non mi resta che auspicarmi che l’equivoco sia chiarito e che possa vincere la coalizione che darà maggior benefici alla mia regione d’origine, sia essa verde, azzurra, rossa, a stelle o a strisce.

Mandi – Paolo Dalla Mora

Condividi il post!

PinIt

7 commenti su “movimento 5 stelle, elezioni, giornata dell’acqua, incidente, parco junior e zoo, diritto al futuro, palasport e trabalza, e..dilla dalla della….mora”

  1. Massimo Della Siega ha detto:

    Cosa cerca Ezio Simonin ?! Togliere voti a questo o a quello ?! Chi si candida ad una tornata elettorale credo lo faccia semplicemente per essere eletto a rappresentare le ragioni del proprio territorio ed i problemi del proprio paese, in questo caso a livello regionale. E Simonin lo saprebbe indiscutibilmente fare molto bene . Cosa semplice e logica non … dietrologica . Linea politica poco chiara? Mi sembra invece inserita in un processo logicissimo , che sarà ancor più chiaro nei prossimi giorni , per chi come lui ha preso le distanze dal PDL già per le comunali del 2011 sulla base di istanze molto precise, in un ragionamento civico comunale ( che , forse forse , se proprio vogliamo scrutare la storia, fu proprio la sinistra latisanese a non considerare appieno … ) e ha poi perseguito con costanza una via di “centro moderato “ ( che qui qualche problemuccio lo ha avuto non certo per colpa di Simonin ) e dal cui bacino arriva ora un progetto per le regionali . Un progetto su base regionale quindi , da quel che mi risulta, non una scelta autonoma di un singolo soggetto . Ad ogni buon conto , ognuno dei molti candidati chiederà i voti per la propria elezione , chissà mai che invece più presenze ( latisanesi però) in consiglio regionale non siano garanzia ancor migliore che le ragioni di Latisana ( ultimamente un po’ “pestacchiata” ) vengano tenute bene in considerazione.

  2. Cittadino ha detto:

    Caro Bacucco un po di memoria … mi smbra che Simonin stia continuando la battaglia contro un PDL inpresentabile iniziata con le sue dimissioni dalla Giunta guidata da La Sette.
    Mi pare quindi che non sia uno che lavora per la “carega”.Risulta comunque che anche dopo lo strappo autorevoli rappresentanti del PDL lo abbiano seguito e blandito per riportarlo all’ovile. Il bello delle elezioni sta nel fatto che decide il popolo. Per sapere cosa dice la gente basta aspettare i risultati elettorali.

  3. Luca C. 77 ha detto:

    Se sono di centro destra e sono coerente con le idee e i principi del centro destra MAI è poi MAI potrei in poco tempo diventare persona di centro sinistra. Se sono di centro sinistra e sono coerente con le idee e i principi del centro sinistra MAI è poi MAI potrei in poco tempo diventare persona di centro destra. Questa è pura incoerenza, è puro opportunismo… è solo voglia di arrivare con qualsiasi mezzo e schieramento… l’importante è arrivarci… Ecco io uno che si comporta così non lo voto, anzi lo sfiducio. Come può darmi fiducia uno che prima mi dice esser di destra, poi si sposta al centro, e poi di colloca a sinistra? IO NON MI FIDO di queste persone.

  4. Massimo Della Siega ha detto:

    Siccome la politica non è una questione solo di formule ma anche di donne, uomimi , di quello che fanno e che dicono , le semplificazioni aiutano solo quelli che vogliono reiterare le proprie posizioni di potere, esercitate per troppi anni. E poi, sulla coerenza di molti ” sedicenti coerenti” , visto che in questi vent’anni ne ho viste di tutti i colori , un giorno scriverò un libro di memorie…. Comunque , ognuno è libero di diffidare di chi vuole, io per parte mia so di chi diffidare.

  5. Luca ha detto:

    Pienamente d’accordo con Luca C. 77.
    Non è a mio parere credibile un così repentino spostamento da destra a sinistra passando per il centro….quasi per non voler fare torto a nessuno!Ma dai…
    Qui non si parla di semplificare la complessità dei comportamenti umani – Sig. Massimo Della Siega – bensì di rispetto della coerenza ideologica di chi ha voluto (e vorrebbe)ricoprire un ruolo politico e tanto più pubblico, cioè rimborsato dalle tasse dei cittadini.
    Mi spiace ma non credo a queste “fulminazioni sulla via di Damasco (leggi Trieste)”.

  6. luca menegaldo ha detto:

    Alcune precisazioni, la persona in questione ha fatto dei passaggi molto ben precisi…Ha prima deciso DA SOLO SENZA DIRE NULLA A NESSUNO di dare le dimissioni dalla sua carica adducendo a problemi di carattere personale(e tutto sommato condivisi)….Ha poi deciso DA SOLO SENZA DIRE NULLA A NESSUNO di appoggiare un certo partito politico e qui le scuse sono state del tipo” partecipare ad un programma più ampio tipo il partito delle nazioni” ma soprattutto incalzato dalle nostre domande assicurava che non ripeto NON si sarebbe presentato alle regionali perchè il suo unico pensiero era rivolto al territorio locale….e invece eccolo là candidato con i montiani a supporto dell’onorevole Serrachiani….??????…..le voci che circolano raccontano anche delle parole di fuoco espresse nei confronti della dell’acerrima rivale….allora …già più volte mi sono espresso sulla pesante delusione umana e politica della persona….non credo che possa ottenere sostegno dalla ex coalizione che lo sosteneva e che ha provveduto nel tempo a dividere e distruggere….non mi posso aspettare nulla della cosiddetta buona politica da una persona che nel tempo non ha mantenuto fede alla propria parola, se non quella del proprio opportunismo. Mi spiace Massimo mi spiace cittadino ma chi tradisce una volta e pronto a farlo di nuovo.

  7. Massimo Della Siega ha detto:

    Caro Luca ( Menegaldo ) , a parte che non posso entrare nel merito di questioni delle quali non so nulla , tipo i rapporti interni alla scorsa “alleanza” per le comunali. Non credo che la volontà di Simonin sia quella di ricreare per intero i confini di quell’esperienza ( sarebbe impossibile anche perchè , come è noto, le posizioni rispetto alla politica nazionale e regionale di quell’esperienza , erano e sono variegate ( da chi comunque guardava verso la Lega , a chi davano per politicamente più vicino alla “destra” , chi impegnato in civismi regionali , chi “amico” di Riccardi, ecc. ). Tutti questi soggetti ( te compreso , che mi pare qualche vicinanza e simpatia legittima ce l’hai) saranno ovviamente impegnati a sostenere le proprie parti nella competizione regionale . L’unico obbligato a non partecipare dovrebbe essere a quel punto Ezio Simonin , essendosi tra l’altro dimesso e non avendo più ruoli di rappresentanza rispetto a quell’esperienza. Da quanto ne so io, una parte delle persone che hanno dato una mano a Simonin per le comunali continuano a pensarla come lui , a queste probabilmente si sono aggiunte altre che magari alle comunali guardavano altrove . E’ una fase nuova , piaccia o non piaccia . PS :non diretto ovviamente al vecchio amico Menegaldo, quando mi citate in un commento , abbiate l’accortezza di qualificarvi per nome e cognome , possibilmente non di fantasia e senza lettere puntate, mi piace sapere chi interloquisce con me, anche per poter dare il giusto peso alle sue parole. Grazie .

I commenti sono disabilitati.