multe e Don Bastiano, cimitero e cassonetti in centro

Don Bastiano. Le multe dei parcheggi a pagamento a Latisana, strisce blu.

L’art. 157 del “Codice della Strada” definisce i vari concetti di sosta e di fermata e altri argomenti. L’art. 7, sempre del “Codice della Strada” al punto 1, comma f, stabilisce che il Comune con ordinanza sindacale stabilisce le aree destinate a parcheggio con sosta subordinata al pagamento. Vi è da dire che esistono due tipi di sosta a pagamento:

1.      Sosta a pagamento senza limite orario;

2.      Sosta a pagamento con limite d’orario (ad esempio massimo 2 ore) Al successivo punto 14 dell’art. 7 troviamo che la violazione per omesso pagamento ammonta da € 39.00 a € 159.00.

Sulla base delle disposizioni sopra accennate (ma non solo) si sono susseguite pronunce interpretative sia di prassi ministeriale, sia della suprema corte di cassazione. Ad esempio cito il parere del Ministero Infrastrutture e Trasporti prot. 25783 del 22/03/2010 che dice, fra l’altro, che se la sosta si protrae oltre l’orario del ticket si deve dar corso SOLO al recupero delle ulteriori somme dovute ma NON può essere applicata la sanzione di cui all’art. 7 comma 15 di € 24.00. NON la faccio lunga, in sintesi, comparando la normativa, la giurisprudenza, la prassi ministeriale e la dottrina prevalente è consolidato e applicato ovunque che sia per scontrino non esposto che per scontrino con orario scaduto la sanzione massima è di Euro E          24.00 (art. 7, comma 1, lettera f) e comma 15) essendo i parcheggi cittadini latisanesi a strisce blu a pagamento ma NON sottoposti a limitazione temporale cioè, ad esempio, con sosta massima a pagamento stabilita dal comune di 2 ore o altro. (vedasi segnaletica presente). – Quindi:

1.      Parcheggi blu a pagamento senza limite orario: € 24.00

2.      Parcheggi blu a pagamento con limite orario: € 39.00

E allora tutte le multe emesse dai vari agenti di polizia urbana (di Latisana) sulle strisce blu latisanesi ai sensi dell’art. 157 così come barrato sulla casella “senza esporre il ticket” ed aventi come importo della multa € 39.00 (cifra random perché a volte € 38.00, altre volte € 36.00 …) sono gravate da € 15.00 indebitamente richiesti ed incassati.  Indebitamente richiesti perché le nostre strisce blu non hanno limitazione d’orario ed indebitamente incassati perché la gente non conosce la norma e si fida delle autorità. E i cittadini latisanesi e non hanno pagato creando così un “indebito arricchimento” alle casse comunali. E poi ricordare le affermazioni e le dichiarazioni dei risultati delle multe. Ma possibile che gli amministratori locali o il comando di polizia urbana o i singoli agenti MAI abbiano controllato l’esattezza delle sanzioni che applicavano. Credo che il tutto sia passato attraverso un voto di giunta o di consiglio comunale. Ed il controllo che quello che stava scritto fosse stato giusto? Eppure la popolazione protestava e bastava magari chiedere ad altri corpi di polizia locali contermini per verificare le dimensioni delle multe a parità di condizione di infrazione. E questi € 15.00 in più pagati oltre agli € 24.00 (più del 50%) indebitamente incassati fin’ora possono essere motivo di una class action (ma non siamo in America) da intentare al Comune per indebito arricchimento ai danni di categorie di consumatori. Quindi si possono interessare le categorie dei consumatori, i giornali, financo il Gabibbo …per il caso descritto. In ogni caso il futuro DOVRA’ prevedere la multa a € 24.00 e non più a € 39.00. Questo per ristabilire la legalità e per un atto concreto di risparmio per i cittadini inadempienti. Ma è più grave l’inadempienza di un parcheggio senza ticket o l’indebito prelievo di danaro da parte dell’amministrazione comunale? Credo doveroso sottolineare che questa questione DEVE essere portata all’attenzione della gente attraverso i giornali ecc. prima di passare per le sedi istituzionali perché, conoscendo gli amministratori locali che attualmente governano Latisana, potrebbero trasformare immediatamente le zone a parcheggio linee blu attuali che sono senza limite orario in zone con limite orario e quindi riportando legalmente la multa a € 39.00 e nessuno se ne accorgerebbe. In pratica applicando il detto del Marchese del Grillo: io sono io e voi non siete un cazzo.

Allego documentazione normativa e fotocopie multe reperite. Don Bastiano.

Fin qui il nostro professionista latisanese che, quando lo riterrà opportuno, dirà il suo nome. Abbiamo verificato e, pur non essendo ferrati in materia, crediamo che egli abbia ragione. Un caso simile venne intentato anni fa allor’ quando vennero contestate le multe per eccesso di velocità in quanto i segnali mancavano degli estremi dell’ordinanza sindacale. Qui il caso è diverso, ovvero molto più supportato dalla casistica e giurisprudenza. Per inciso dobbiamo dire che abbiamo tutte le “pezze” giustificative, e abbiamo anche le fotocopie di alcune multe. Esse sono datate dicembre 2012, 2010, 2009, 2011, 2008. Il che significa che, “a spanne”, sono almeno 5 anni che questa storia va avanti e, sempre “a spanne” sono quante….diciamo 5.000? 10.000?? le multe di possibile contestazione. 10.000 x 15 euro fa….150.000 euro, ovvero buoni mensa e scuolabus gratuiti per tutti. Non sarebbe male.

Cassonetti e immondizie

Ecco delle foto scattate ieri, domenica mattina, in Via Vendramin, di fronte alla Canonica, e in Viale Stazione. Domanda. È colpa di chi butta o di chi non raccoglie?

Dov’è?

Dov’è questo cimitero? Non è vicinissimo, ma pur sempre in regione…….

Condividi il post!

PinIt

2 commenti su “multe e Don Bastiano, cimitero e cassonetti in centro”

  1. Complimenti a tutti i Latisanesi! Pochi giorni di raccolta differenziata e siamo già a quello che in Campania si è avuto il 20 anni! Allora non è vero che a Napoli e dintorni non sono capaci di differenziare mentre al Nord…tutto funziona, siamo tutti puliti e accorti all’ambiente? E nò, questa occasione è troppo ghiotta per farmela scappare! Dove sono finiti gli ecologisti, i cittadini integerrimi di formamentis teutonica? Dalle foto oltre al mucchio di munnezza latisanese scorgo un bellissimo schermo per computer ma non andava conferito in discarica? A proposito già che ci sono: quanti Latisanesi fanno la raccolta dell’olio esausto da cottura? Mi sà che siamo pochi pochi! Allora…..avanti facciamo pulizia e vergogniamoci un po! A proposito 4 ore di neve e la ciclabile e i marciapiedi sono delle vere e proprie lingue di ghiaccio insidiose. Non me la prendo con le istituzioni ma soprattutto con i miei concittadini. Forse una pala a testa magari solo davanti al proprio ingresso poteva limitare la formazione della lingua di ghiaccio. Sono anni che sento parlare di persone che dicono di rimboccarsi le maniche e darsi da fare. Sono anni che questi discorsi li sento nei bar poi guardo fuori e mi domando: ma dicono sul serio? Forse si rimboccano le mani aspettando un taj….Mandi mandi a tutti!

  2. andrea ha detto:

    All’ estero e’ obbligatorio pulirela neve e il ghiaccio fronte casa, anche se non di proprieta’. Pena ammenda comunale… La polizia gira e segna il civico…
    Tornando alle multe.. tutti i soldi pagati in piu’ comprate il sale per i marciapiedi e le piste ciclabili.
    Donate l’ 8 per mile ai disoccupati del proprio comune di residenza!!!!!!!!!!

I commenti sono disabilitati.