nati per leggere, sigle strane, multe, san martino, tartufi, tintoretto, net, canne e soia e wwf e nautilia

Anche Latisana nella settimana “Nati per leggere”

Le iniziative regionali della settimana “Nati per leggere” coinvolgono anche Latisana, con due appuntamenti: lunedì 19 novembre alle 20.30: Fiabe nella primisima infanzia per formare un essere umano”.  Conferenza con Piera Giacconi, I° parte. Poi ancora, lunedì 26 novembre, sempre alle 20.30 in Biblioteca, la seconda parte.

Una bella festa, che valorizza il territorio: Muzzana del Turgnano (Udine) – Fiera del tartufo bianco pregiato friulano. Il trionfo del palato in una tre giorni che profuma di cultura e tradizione; 23, 24, 25 novembre 2012

Una golosa, preziosa e imperdibile tre giorni tra profumi e sapori del pregiato tartufo bianco friulano di Muzzana del Turgnano (Udine). È quanto propone per il fine settimana del 23, 24 e 25 novembre 2012 l’associazione “Mat”, “Muzzana Amatori Tartufi”, che rinnova l’invito ai turisti-gourmet, ma anche a tutti i curiosi e appassionati di funghi e tartufi, a scoprire i prodotti d’eccellenza dell’enogastronomia friulana. Un’occasione unica per poter degustare, accompagnati da esperti tartufai, uno dei prodotti più prelibati e rari del Friuli Venezia Giulia, una delizia che viene raccolta 15 giorni prima della fiera a Muzzana del Turgnano, suggestivo paese della Bassa Friulana dove, da centinaia di anni, cresce, intatto, un raro esempio di bosco planiziale: un vero e proprio “relitto” dell’era glaciale, una macchia sopravvissuta alle bonifiche che hanno interessato questa zona della regione nel secolo scorso. Il tartufo bianco di Muzzana del Turgnano è il primo tartufo al mondo raccolto in un bosco che rispetta lo schema della certificazione forestale sostenibile. I suoi pregi sono racchiusi nel suo profumo tipico e particolarmente spiccato che lo rende inconfondibile e caratteristico e nel suo sapore gradevole e molto gustoso a maturità, assai apprezzato in gastronomia. La fiera “Trìfule in fieste”, a ingresso libero, permette di degustare il tartufo bianco pregiato friulano di Muzzana del Turgnano in abbinamento coi migliori vini del Friuli, in menu sopraffini, serviti in un ristorante, coperto e riscaldato, allestito per l’occasione nel cuore del paese. Ad abbinare il pregiato tubero con polenta, pasta fresca e manzo saranno i cuochi di alcuni dei migliori ristoratori della zona: “Da Nando” di Mortegliano, “Il Cacciatore” di Piancada di Palazzolo dello Stella, “La Bricola” di Aprilia Marittima (Latisana), “Principato di Ariis” di Rivignano. Circa 200 i posti a sedere nel cuore di Muzzana: gli ospiti assaporeranno le portate in un elegante servizio di piatti di porcellana, bicchieri di cristallo e tovaglie bianche marchiate rigorosamente “Tipicamente friulano”, con unito il logo del ricercatissimo cane da tartufo, simbolo dell’associazione “Mat”.  Chi invece opta per una visita classica può trovare nell’annesso ristorante “Friulano” i piatti della cucina carnica preparati dallo chef Daniele Cortiula coi prodotti di Sante Rugo, assieme a quelli delle Valli  del Natisone, proposti dal ristorante “Truogolo” di Cividale del Friuli. Non mancheranno le delizie della Bassa Friulana e le golosità della “Blave di Mortean”.  Oltre 40 gli originali stand allestiti in paese per chi vorrà curiosare alla fiera passeggiando tra fiori, composte e marmellate, formaggi, artigianato locale e ovviamente tartufi, provenienti anche da Istria, Marche e Umbria. La fiera, inserita nella “Via dei Sapori” del “Consorzio Fvg Via dei Sapori” e sostenuta dalla Banca di Credito Cooperativo della Bassa Friulana, prende avvio venerdì sera 23 novembre 2012 con una cena per soci, esperti del settore e simpatizzanti (su prenotazione, dal 15 novembre). Sabato pomeriggio, giornata di inaugurazione, alle ore 15 nel ricreatorio “San Vitale”, alla presenza della presidente dell’associazione “Mat”, Anna Maria Viola, del sindaco di Muzzana del Turgnano, Vittorino Gallo, e dell’assessore regionale all’agricoltura Claudio Violino.  Seguirà un convegno sulle tematiche delle frodi e contraffazioni nel mondo del tartufo; relatore maresciallo Gianluca Baiocchi del Corpo Forestale dello Stato di Ancona. Alle 16.15 uno degli eventi più attesi: l’asta dei tartufi. Numerosi tuberi raccolti nel bosco di Muzzana saranno battuti all’asta e aggiudicati al migliore offerente in un’appassionante gara di gusto che durerà un’ora e mezza. È un’iniziativa benefica: tutto l’utile sarà devoluto, infatti, a favore di associazioni onlus che operano nel settore del sociale. In serata apertura dei due ristoranti e domenica festa tutto il giorno.  Per l’intera durata della fiera gli esperti tartufai saranno a disposizione per spiegare l’arte della raccolta e la storia del pregiato tubero bianco friulano.

NET

E’ in distribuzione a Latisana un pieghevole della NET che spiega il nuovo sistema per la raccolta delle immondizie col cassonetto di prossimità; ci sono anche le brevi dichiarazioni dei sindaci dei comuni interessati, tra i quali Latisana. C’è anche l’illustrazione e la spiegazione sull’utilizzo del cassonetto per il verde (potature, erba, sfalci e orti), solo che si omette di dire che a Latisana NON ci saranno i cassonetti per il verde, per scelta del Sindaco. Così questa primavera dovrete portare tutto al magazzino comunale o alle bisarche di raccolta del verde. Come non si sa, visto che il tutto deve essere portato sfuso e non con sacchetti.

Canne e Soia

Torniamo per un attimo sulla questione della La Tisana Power e del mancato avvio della centrale a biomasse a Paludo. Secondo qualcuno, i contadini dovrebbe accendere un cero e festeggiare la mancata partenza dell’impianto. Vediamo di spiegarci. Se nel mercato il prezzo del mais, della soia e del frumento calano, i contadini (nel senso di aziende agricole), cercano nuovi sbocchi, e magari viene loro proposto di piantare canne da impianti a biomasse. Si fa una cooperativa e ci si impegna tutti: io faccio l’impianto e tu mi garantisci canne a sufficienza, a 100 lire al chilo( facciamo un esempio ovviamente).Ma se poi il mercato cambia, e soia e mail valgono molto più delle cento lire al chilo (sempre per esempio), tu in teoria sei costretto a darmi sempre canne, e sempre a cento lire e ci rimetti. Quindi meglio se l’impianto non parte e tu sei libero di fare quello che vuoi. Libero mercato in libero stato. Ma il Comune, in tutto questo, cosa c’entra?

Tintoretto

Oggi venerdì alle 17.30 nella Chiesa di Sant’Antonio, presentazione del restauro della pala cinquecentesca di scuola tintorettiana.

Nautilia

La mostra di imbarcazioni usate Nautilia, visto il mal tempo durante il ponte di Ognissanti, ha chiesto di prorogare di una settimana l’apertura della mostra, confidando nell’afflusso di gente nel week end. Sabato e domenica sono previsti pioggia e vento. Non è che Nautilia porti sfiga? ..(scherziamo ovviamente)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

LAGUNA DI GRADO E MARANO, IL WWF: “l’emergenza è finita: ora si riconvochi la COMMISSIONE SCIENTIFICA sui dragaggi”

Istituita nel 2001, la Commissione è ferma da dieci anni a causa del commissariamento della laguna. L’associazione ora chiede di riattivarla e di potervi partecipare. “L’era dell’emergenza è finita, ora si torni alla normalità e si riconvochi la Commissione tecnica scientifica che deve dare gli indirizzi per gli interventi di dragaggio nella Laguna di Marano e Grado”: è la richiesta inviata stamane dal WWF Friuli Venezia Giulia alla Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna della Regione Friuli Venezia Giulia, e per conoscenza al Ministero dell’ambiente. La “Commissione tecnico scientifica per l’individuazione dei criteri di sicurezza ambientale da seguire nell’attuazione degli interventi di dragaggio, trasporto e reimpiego dei fanghi estratti dai canali di Marano Lagunare e Grado”, ricorda l’associazione nella nota, era stata istituita con delibera della Giunta regionale n.787 del 15.03.2001, ma non è più stata riconvocata dopo il 2002 a seguito dell’istituzione della figura commissariale. Tale commissione aveva il compito di fissare i criteri di sicurezza ambientale per gli interventi di dragaggio, trasporto e riutilizzo dei materiali provenienti dai canali lagunari e, più specificatamente, quello di valutare – ai fini della salvaguardia ambientale della laguna, della circolazione idrica, del ricambio delle masse d’acqua e della sicurezza della navigazione – i progetti di dragaggio e deposito relativi ad interventi di particolare urgenza, dettando le necessarie disposizioni tecniche e di tutela ambientale. “Ora che la recente ridefinizione del perimetro del SIN in laguna restituisce alla normalità le aree in precedenza poste sotto la gestione del commissario delegato all’emergenza ambientale – scrive il WWF alla Regione – è auspicabile che vengano avviate nuove procedure per gli interventi di dragaggio, partendo dai livelli di inquinamento codificati dalle analisi dell’Arpa”. Di qui l’istanza di riattivazione della Commissione e la richiesta che la stessa garantisca “la vigilanza e partecipazione della società civile e delle associazioni ambientaliste riconosciute nella pianificazione di tali interventi. In precedenza, tale partecipazione era stata sancita dalla delibera n.787 più su menzionata, che richiedeva che le Associazioni riconosciute designassero un loro rappresentante in seno alla “Commissione tecnico scientifica”. L’auspicio del WWF, ribadisce il presidente Roberto Pizzutti, è chiaramente quello che venga ripristinato il principio di partecipazione e trasparenza delle Associazioni nel processi decisionali che riguardano gli interventi di manutenzione in questo vasto ambito di tutela ambientale.

WWF Friuli Venezia Giulia

San Martino 1

Raffica di multe ieri, giovedì, da parte dei vigili nel capoluogo. Già, a proposito, qualcuno ha preso una multa per divieto di sosta a Gorgo o a Latisanotta o Pertegada? Vorrei metterla in un museo….. Si diceva raffica di multe; c’era da far rispettare l’ordinanza relativa ai divieti per San Martino e, se le multe sono state fatte, sicuramente le vetture erano parcheggiate male. Ma tra il caos e la multa, non c’è un via di mezzo? Un sistema meno vessatorio e costoso e più rispettoso dei problemi dei cittadini? Chi sta nel palazzo non ha problemi per 30 o 60 euro, ma altri si, eccome se ne ha….

San Martino 2

Aperte le giostre ieri in Piazza Indipendenza; mamme e papà coi bambini che salivano e scendevano dalle giostrine…..mentre passavano le auto. Sabato e domenica non ci facciamo problemi per chiudere la statale 14 per quattro bancarelle, ma poi impediamo ai bambini di scorrazzare tranquilli per far passare quattro auto? Misteri di San Martino.

Politica

Dopo lo strappo di Renzo Tondo, che ha buttato alle ortiche il Popolo delle Libertà per fondare il suo partito, il Popolo del Friuli Venezia Giulia per Renzo Tondo, PDFVGPRT; ora a macchia d’olio si stanno allargando le questioni politiche, con la nascita di nuove sigle. A Latisana sta per nascere il PDLPSBS, ovvero il popolo di latisana per salvatore benigno sindaco, mentre sempre nel centro destra Casasola e Cicuto stanno per dare avvio al UAPDIPUAS, ovvero un altro popolo di latisana per un altro sindaco (qualsiasi). Anche la Lega Nord ha preso la strada delle autonomie, nasce infatti il LNNEPLIDPDL, lega nord nord est per l’indipendenza di pertegada da latisana. Nulla si registra sul fronte della sinistra: PD e SEL scomparsi erano e scomparsi sono tuttora.

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “nati per leggere, sigle strane, multe, san martino, tartufi, tintoretto, net, canne e soia e wwf e nautilia”

  1. piantone ha detto:

    han dato i cestini per l’umido e son spuntati i bidoni qua e la… ma il vetro?? bisogna far chilometri per trovare le campane del vetro e a quel punto si butta tutto insieme..

  2. piantone ha detto:

    la statale 14 va deviata sempre da latisana

  3. Paolo Miotto ha detto:

    La politica è diventata una cosa troppo complicata,alla faccia del bipolarismo!!!!

  4. antonino ha detto:

    Il problema del verde da sfalcio non è un problema,basta avere una concimaia nei pressi del giardino la cosa è fatta.Scusate se ho banalizzato, il sindacao ne ha fatto una priorità, visto che non ha il giardino.

I commenti sono disabilitati.