Nel blog: Tozmania; Ospedale (3); elettorale; albero da tagliare, o no; truffa all’assicurazione

Ospedale

Riceviamo e pubblichiamo: Annalisa Altieri. Hotel Tamanaco Lignano. Non capisco come si possa solo pensare alla chiusura dell Ospedale di Latisana , e mi domando con quale criterio vengono adottate certe scelte . sono solo ed esclusivamente scelte della politica , mentre dovrebbero essere dei cittadini . Perché a Palmanova , perché tutto a Palmanova e soprattutto perché tutto adesso , Ospedale , Protezione Civile, Ecc ecc , non é forse perché il Sindaco appena eletto é di Centro Sinistra e la nostra giunta anche !!!!!!!!!! Allora vediamo un pò facciamo i conti della serva come si dice Lignano 2 milioni e poco + di Turisti dati istat della ultima Stagione 2013 , Bibione se non ricordo male quasi 4 milioni di Turisti sempre dati ufficiali istat con comuni importanti come San Michele al Tagliamento , Latisana , Lignano stessa , come si può pensare ad un declassamento del Ospedale in Causa , Attenzione Politica stiamo parlano di comunque 7 milioni di presenze ed e nostro obbligo morale oltre che civile garantire il massimo dei nostri servizi . E inutile andare a fare Promozione in Russia se poi non siamo in grado di accoglierli e dare loro il massimo dei nostri servizi . Come Pensano a Trieste di fare Promozione Turistica nel Litorale, senza avere come supporto una Struttura Sanitaria . Ecco chiudo un po’ le mie considerazione dicendo che non se ne puo più di questo atteggiamento che si percepisce uscire dai Palazzi .allora il mio auspicio va a tutti i Sindaci della Bassa Friulana , compreso quello di Bibione affinché prendano una posizione chiara e legittima.

Ospedale (unico)

Articolo a piena pagina giovedì su La Nuova Venezia per l’Ospedale Unico di San Donà di Piave. A parlare è la Presidente della Provincia di Venezia ed ex Sindaca di San Donà di Piave Francesca Zaccariotto che cita il parere della Commissione regionale incaricata della scelta. La cosa riguarda ovviamente anche Latisana e il Friuli Venezia Giulia: ospedale unico a San Donà significa indebolimento di quello di Portogruaro, maggiore attrazione onerosa dei pazienti veneti verso Latisana e, in definitiva, ottime chances per Latisana appunto. Pare però che al Sindaco Benigno questo importi relativamente; non vorrei mai che si goda nel dare eventualmente la colpa al centro sinistra (Serracchiani – Telesca) per scelte che danneggiano Latisana (di centro destra) o viceversa per non  dire “brave” alle esponenti del Centro Sinistra se sceglieranno su basi oggettive Latisana.

Ospedale, 5 Stelle

Caro Bacucco, in risposta alla signora Annamaria e a tutti i lettori, ti invio file di proposta riforma sanitaria fatta dal meetup bassa friulana e poi presentata al meetup regionale aTolmezzo ai nostri rappresentanti regionali e nello specifico al consigliere regionale M5S Ussai Andrea componente della commissione sanità.   Ricordiamoci che i nostri rappresentanti in regione sono solo 5  e sono naturalmente all’opposizione e pertanto propongono e spesso non vengono ascoltati. A volte riusciamo a fare approvare degli emendamenti perchè li prendiamo per stanchezza. Inoltre il potenziamento di Palmanova è stato voluto dalle amministrazioni regionali di centro destra e lega. Pertanto anche se non siamo in campagna elettorale a Latisana noi cerchiamo di portare le proposte dei cittadini ai nostri amministratori sia  a livello comunale, dove non abbiamo rappresentanti, che a livello regionale con i nostri rappresentanti. In particolare invito la signora Annamaria e chiunque voglia portare il suo contributo  a fornirci dati e proposte e noi insieme a lei e a voi le porteremo dai nostri rappresentanti.  Ricordatevi chela  linfa del movimento sono i cittadini e senza le loro proposte non esisterebbe

Ecco il piano M5S

proposta 5 stelle 1proposta 5 stelle 2proposta 5 stelle 3Truffa all’ssicurazione

Ne avevamo già parlato tempo fa, ora le indagini sono arrivate al dunque; sono state scoperte molte persone, napoletane perlopiù, che dichiaravano dati e documenti falsi al fine di pagare di meno, da finti cittadini locali, rispetto alle tariffe campane. Denunciati.

Albero da tagliare, o no

C’è una questione tra privati e Comune, e riguarda un albero centenario, un ippocastano davanti al Condominio Colombo, in Viale Stazione. Parte, molti ma non tutti, parte dei condomini vorrebbe abbattere l’albero, adducendo la scusa, o la verità, che è malato e pericoloso. Altri si oppongono e quindi è stato tirato in ballo il Comune (come da regolamento). Ora si parla di perizia, anzi di perizie, che, come spesso succede (ricordate l’Ospedale??) possono dire tutto e/o il contrario di tutto. A me tagliare fa sempre un certo non so che….e a voi?

La birra friulana Toz arriva a Lignano: aperto il secondo “Tozmania”

3 toz

Aprirà domani 23 maggio a Lignano Sabbiadoro la seconda birreria firmata birra Toz in Regione.   Il Tozmania Lignano è situato in via Udine 29, in pieno centro cittadino e a due passi dalla Terrazza a Mare e promette di diventare il nuovo punto di riferimento per chi ama la birra artigianale di qualità. Il marchio Toz, di proprietà del birrificio friulano Gjulia dei fratelli Marco e Massimo Zorzettig, ha avuto dal suo lancio, meno di due anni fa, un boom di vendite e richieste. Tanto da far ideare ai proprietari di allargare il business. Così dopo il primo locale di Coseano, già frequentatissimo a pochi mesi dall’apertura, arriva il secondo nel maggiore località balneare della Regione.  Al suo interno gli avventori potranno dissetarsi con le tre etichette della brewery (Toz, Easy e Strong, tutte agricole e artigianali, confezionate in bottiglie long neck dove avviene anche la rifermentazione) e rifocillarsi grazie al polletto arrosto (da ben 700 grammi), oltre che gli hamburger abbinati alle tre birre di casa, panini gourmet e la nuovissima PataTOZ, una patata di campo fritta sul momento e non surgelata. Il locale sarà aperto dalle 11 di mattina alle 3 di notte e può contare su un centinaio di posti.  Il successo. Per ora, una scommessa vinta. La Toz, col suo omone in sella allo scooter, sta avendo un riscontro oltre le aspettative. I numeri parlano chiaro: al primo anno di lancio, il 2013, le bottiglie vendute sono state 200.000.   Tanto che Marco Zorzettig, che proviene da una famiglia storica di vignaioli, ha deciso di abbinare il nome Toz a iniziative diverse, che prescindono la produzione tout court e che testimoniano la sua intenzione a investire sul territorio e sul mercato italiano: oltre alle due birrerie ha deciso di investire anche nel segmento delle birra in fusto.  La Toz in fusti si chiama Miss e si può degustare nei Tozmania: ovviamente, pur essendo artigianale, la Miss ha delle caratteristiche meno complesse rispetto alla Toz in bottiglia. E’ una bionda più leggera perchè non rifermentata in bottiglia, ha meno lieviti e un carattere più beverino. Pur mantenendo un’anima artigianale. “Quella della birra è un’avventura che ci sta dando grandissime soddisfazioni – racconta Marco. Essendoci occupati sempre di vino avevamo qualche dubbio nel lanciarci. Il nostro prodotto, che abbiamo voluto fosse di estrema qualità, è piaciuto subito e adesso puntiamo a ampliare sempre più il nostro raggio d’azione. Abbiamo lasciato correre la fantasia con i concorsi a premi con il qrcode, l’ideazione di nuove ricette e la volontà di conquistare anche l’estero.  Siamo già venduti in Nord Europa, Russia e Far East, ma non vogliamo dimenticare il nostro territorio. Per questo speriamo che il Tozmania di Lignano replichi il successo di quello aperto nel collinare”.

toz 1

Elettorale

COMUNICATO CIRCOLO PD LATISANA SULLE ELEZIONI EUROPEE

L’appuntamento con il voto per il rinnovo del Parlamento europeo è alle porte. Domenica 25 aprile siamo chiamati a un voto importante, all’interno di una campagna elettorale dove non sempre c’è stato spazio per la riflessioni sui temi politici.

L’ondata populista e antieuropeista ha assunto toni allarmanti per chiunque abbia a cuore la democrazia e la pace sociale. Non cediamo al disfattismo e alle sirene catastrofiste! Ritornare indietro sarebbe disastroso per il nostro paese.

Noi pensiamo che sia importante difendere il progetto dell’Europa Unita! L’UE non è un mostro immateriale, capace solo di portare austerità e vincoli economici. Prima di tutto è un progetto di grande pacificazione dei popoli europei all’indomani della guerra mondiale. Proprio grazie a questo progetto l’Europa ha goduto di un lungo periodo senza conflitti e di prosperità economica.

Per questo vi invitiamo tutti a PARTECIPARE e a convincere amici e conoscenti a farlo.

Per la prima volta i partiti che si presentano alla competizione elettorale sono chiamati ad esprimere l’appoggio ad una candidatura alla Presidenza della Commissione europea.

Il Partito Democratico si presenta a questo appuntamento forte dell’importante decisione di aderire alla grande famiglia del socialismo europeo, il PSE, a sostegno di Martin Schulz.

A Latisana e nei comuni limitrofi si voterà per i candidati del Collegio Nord-orientale.

Sarà possibile votare per una sola lista, all’interno della quale potranno essere espresse fino a tre preferenze indicando il cognome del candidato (anche il nome in caso di omonimia).

Si ricorda che in caso vogliate esprimere tre preferenze vale l’alternanza di genere (due donne e un uomo o due uomini e una donna).

Il Circolo PD di Latisana ha deciso di promuovere due candidature: Elly Schlein ed Isabella De Monte.

Elena detta Elly Schlein è nata in Svizzera ventinove anni fa, laureata in giurisprudenza, si occupa in particolare dei diritti dei migranti e di tematiche legate al carcere e alle politiche di detenzione. Volontaria nelle campagne presidenziali di Barak Obama, ha partecipato attivamente al movimento di OccupyPD, per un Partito che vuole sempre più aperto e partecipato.

Isabella De Monte, avvocato di professione, dal  2009 è Sindaco di Pontebba (UD), carica che attualmente esercita senza percepire alcuna indennità in seguito all’elezione a Senatrice della Repubblica nel febbraio 2013. E’ membro della 1° Commissione Affari Costituzionali e Segretario della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato.

Condividi il post!

PinIt

9 commenti su “Nel blog: Tozmania; Ospedale (3); elettorale; albero da tagliare, o no; truffa all’assicurazione”

  1. Gianni ha detto:

    Tutti gli ecologisti ed amanti del verde che adesso difendono l’ippocastano (che anche senza tante perizie è visibilmente malato) come fosse un vita umana si prendono anche la responsabilità dei danni a cose (e soprattutto) persone che una caduta dell’albero potrebbe provocare. Non capisco tanta fanatica sensibilità… anche noi uomini ad un certo punto veniamo a mancare. Meglio tagliare un albero o rischiare (anche se ci fosse una probabilità su un miliardo) la vita di una persona?

  2. Il Bro ha detto:

    Io direi anche di vietare la circolazione delle auto dato che potrebbero investire ed uccidere delle persone….

  3. Guyfawkes ha detto:

    Un albero é un albero, non vedo il perché di tanti problemi. Se proprio sono tristi che ne piantino altri giovani in sostituzione.

  4. Guyfawkes ha detto:

    Riguardo l´ospedale; a mio parere, se veramente si arrivasse alla chiusura o ridimensionamento dell´ospedale, una delle strutture piú “importanti” del comune, sindaco e membri della scena politica latisanese al momento al potere dovrebbero dimettersi ed essere soggetti ad un walk of shame davanti a tutti. Non stanno modernizzando nulla, non hanno idee per ridare vita ad un paese che sta morendo, sono zeloti che mirano solamente a mantenere la loro posizione il piú a lungo possibile facendo il meno possibile e ora stanno lasciando la gente sola, in balia di decisioni politiche incomprensibili e che vanno a danneggiare non solo la base elettorale che ha scelto questi politici, ma anche i rimasugli di importanza o centralitá che questo comune ancora possiede.

  5. il_bacucco ha detto:

    @ tutti ….pr favore…nome e cognome..grazie….

  6. Alessandro ha detto:

    La superficialità di chi scrive “un albero è un albero non vedo il perché di tanti problemi” è imbarazzante, se si parla di un albero centenario, si parla di un patrimonio di tutti. Esso è un organismo vivente che (oltre a permettere la vita su questo pianeta) ha un valore estetico, culturale e sociale. E se io pianto un albero oggi, per vederlo di quella maestosità e dimensioni dovrò aspettare cent’anni…. E dunque credo che non lo vedrò. Ma nemmeno tu caro Guyfawkes ah.. già, a te non ti interessa! Quindi portare delle analisi serie e scientificamente probanti per determinarne la stabilità é il minimo che si debba fare per scongiurare pericoli o per abbatterlo se è necessario.

  7. Guyfawkes ha detto:

    Alessandro… Ma che stai dicendo? Un albero di cento anni è un patrimonio per te forse, ma che valore estetico, culturale (!!!!!!!!) e sociale (!!!!!!!!) può avere un albero? Ci troviamo ai suoi piedi a ballare in cerchio la danza della pioggia nei tempi di aridità? O è un luogo di ritrovo per i ragazzi, che amano chiaccherare alla sua imponente e maestosa ombra ?

  8. Severino ha detto:

    E sempre un dispiacere tagliare un albero di quella portata, però se l’albero e malato e si può curare mi sta bene tentar. Sennò per una piccola eutanasia, dopo tutti questi anni in cui ha fatto molta ombra magari anche a quelli che gli orinavano addosso, credo che per lui sarà un sollievo andare a riposo !! Sono d’accordo sul valore estetico, ma non vedo dove sta il valore culturale e sociale. se si riscontra pericolosità e meglio eliminare. e sostituire con un altro.

  9. Marta ha detto:

    Per una volta concordo con Severino. Se possibile, che si cerchi pure di curare l’albero. Ma non mettendo a repentaglio la vita delle persone.

I commenti sono disabilitati.