Oggi abbiamo: Messaggero’s Top 5 le notizie della settimana sulla carta stampata; IAT e turismo

IAT, Turismo a Latisana

Come ben sapete  la Pro Latisana ospita anche l’ufficio regionale di Informazione Turistica IAT, e dalla Regione percepisce un sostanzioso contributo per, appunto, dare assistenza ed informazione turistica ai turisti. Come altresì sapete il periodo migliore per  fare turismo, a parte l’estate, è durante le vacanza di Pasqua e di Natale: scuole chiuse, tempo libero e ferie per uffici e fabbriche. Quindi, se qualche turista si vede a Latisana, si vede soprattutto in queste occasioni. Giustamente (!!) quindi l’Ufficio Turistico di Latisana chiude per vacanza dal 21 dicembre al 1 gennaio. Francamente mi par giusto: se hai famiglia e figli a scuola, quale periodo ti resta per qualche giorno di vacanza? Poi se magari ti chiedi a cosa serva un ufficio turistico a Latisana che chiude durante le feste, bè allora questa è solo una curiosità inutile…..

Messaggero’s Top Five

top five messaggero latisana

Rubrica settimanale delle migliori notizie della stampa locale, dal 22 al 28 dicembre 2013

1° posto: Protesta contro la Banca

Martedì foto e articolo per la protesta del medico Kussini davanti alla Banca Popolare di Cividale, rea, a suo dire, di non aver rispettato i patti e di non avergli restituito tutto l’investimento ìn azioni fatto a suo tempo; si parla di circa 90.000 EURO. A lato anche il gesto un pò così…del vice direttore che gli ha messo in tasca un euro; lo aveva scambiato, dice lui, per un mendicante. Bel rapporto banca – cliente…..   Venerdì il Messaggero riprende la notizia, nessuna novità dalla Banca; tra poco pubblicheranno anche l’estratto conto J

2° posto: 354

Venerdì la conferma, sul Messaggero, del finanziamento per le rotonde sulla 354; partiranno a fine stagione, quelle di Aprilia e Paludo.

3° posto: Tagliamento

Sul Messaggero di sabato, pagina dedicata al maltempo, troviamo la piena del fiume,  appena sopra i sei metri; grossa da vedere ma non allarmante anche perché poi ha girato il vento, per fortuna.

4° posto: Contributi

Sabato sul Messaggero secondo elenco dei contributi di fine anno alle associazioni; elenco e cifre.

5° posto: No Slot

Martedì sul Mess foto e articolo della giornata dedicata alla lotta contro le Slot Machines, ovvero le macchinette mangiasoldi, proposta dalla Associazione Artport di Palazzolo dello Stella; la mattinata è iniziata al Bar Odeon, paladino di questa protesta.

6° Posto: Comitato Toniatti

Domenica sul Messaggero viene riportato il volantino di auguri e soddisfazione del Comitato, con il risultato dichiarato di aver stoppato lo spreco di soldi pubblici della Cittadella della Salute.

7° Posto: Comune virtuoso

Sabato sul Mess il Sindaco si lamenta delle norme nazionali che penalizzano i Comuni virtuosi, ovvero quelli che non hanno aumentata l’IMU, mentre lo Stato in qualche modo premia gli altri.

8° posto: Gettoni in beneficenza

Martedì leggiamo sul Mess che i consiglieri comunali (alcuni già lo fanno spontaneamente) hanno devoluto il gettone di presenza del brevissimo consiglio comunale ai due asili privati di Latisana e Latisanotta. Non trova corrispondenza invece la cifra riportata dal giornale: siamo ben lontani dai 1.500 euro dell’articolo.

Non Classificate

Ci sono anche le notizie-che-non-ci-sono, ovvero quello che si poteva scrivere e non si è scritto, magari perché non sono notizie o non sono degne di nota o chissacché.

N.C. 1) Premio

Domenica il Gazzettino annuncia la manifestazione di domenica mattina in Comune.

N.C. 2) Blog Notes

Domenica, bontà sua, il Gazzettino ci cita nel suo Blog Notes

N.P.  Il Bacucco lettore

 

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “Oggi abbiamo: Messaggero’s Top 5 le notizie della settimana sulla carta stampata; IAT e turismo”

  1. valerio ha detto:

    Leggo, dal sito Bacucco, che il Sindaco di Latisana si lamenta che il Governo penalizzi i Comuni “virtuosi” che non hanno aumentato l’IMU. Forse che Latisana non l’ha aumentato sulle seconde case, dal 7.6 all’ 8.6? Non se ne è accorto ?

  2. Paolo Miotto ha detto:

    Vorrei segnalare un interessante articolo di Amato Da Monte,noto al pubblico per la vicenda Eluana Englaro,sul Messaggero Veneto di sabato,dove spiega il suo punto di vista sul sistema ospedaliero regionale.Da leggere,se non altro perche’ viene dall’interno degli apparati interessati.

  3. il_bacucco ha detto:

    tra le altre cose dice, giustamente, che 17 ospedali in regione sono troppi; verrebbe da dire che anche 49 consiglieri regionali sono troppi. da dove iniziamo a tagliare??

  4. luca ha detto:

    E le n°6 A.S.L. che abbiamo in regione non sono forse troppe?? Prima di pensare a tagliare gli ospedali il Sig. De Monte dovrebbe buttare un occhio anche ad altri apparati (non operativi) creati per scopi clientelari.
    E questo vale per qualsiasi settore pubblico.
    Questo dovrebbe essere il primo passo per il risanamento, poi, se non sufficiente, allora sì che si possono compiere mosse più impopolari.

I commenti sono disabilitati.