Oggi parliamo di: Latisana, Lignano e 5 Stelle; rimpasto di giunta; Punto Nascita, Latisana resta chiude Palmanova? Stagione concertistica; attività formative e di promozione del libro; pulizia caditoie; IMU Lascito Toniatti; monitoraggio emissioni elettromagnetiche; Piano Urbano del Traffico; lettera al Sindaco e ai Capi gruppo; Paperopoli; Centri Estivi 2013

Movimento 5 Stelle, Latisana e Lignano

Mercoledì 15, alle 20.30, alla Antica Trattoria Ai Tubi di Palazzolo, si terrà una riunione del Movimento 5 Stelle, che interessa gli elettori di Latisana, di Palazzolo, di Lignano e ovviamente di Precenicco. Si parlerà anche delle prossime elezioni di primavera di Precenicco, ma in generale della situazione politica di questa zona omogenea. L’occasione ci è gradita per fare un ragionamento sulla NON presenza del Movimento 5 Stelle a Latisana e sulla difficoltà di essere rappresentati anche a Lignano Sabbiadoro. Ma puntiamo il faro su Latisana. Movimento 5 Stelle praticamente assente: nessuna voce ufficiale, nessuna presenza alle elezioni, nessun portavoce capace di intercettare i tanti elettori che hanno votato per Grillo. Se prendiamo come base le ultime regionali, a Latisana il 10% e a Lignano il 13% sono elettori del M5S e, con una affluenza pari a circa il 50% degli aventi diritto, possiamo stimare nel doppio circa la potenzialità di questo movimento – partito. Eppure non c’è nessuno che impersonifichi il Movimento e nessuno che sia attivo sulla scena politica, anche semplicemente con una presenza sui mass media. A Latisana abbiamo due consiglieri che fondano un Circolo del NCD (diciamo…2? 3%?), abbiamo un assessore che rappresenta ancora l’UDC (..2%? forse), due consiglieri che viaggiano verso…. (% sconosciuta), un gruppo di persone (Officina) che ancora non hanno simbolo e percentuale, ma di questo 10 sicuro, possibile 20% pentastellato , nessuno se ne cura. E’ politicamente incomprensibile e strategicamente assurdo. Il motivo non lo sappiamo, possiamo azzardare una ipotesi: sia Latisana che Lignano sono fatti da persone o che governano, o che sono governate; manca la fascia della protesta e della proposta, che storicamente era appannaggio del PCI, DS, PD… e che oggi non trova interlocutori credibili. Quindi  dovrebbe essere appunto il M5S a incarnare questa protesta, ma non ci sono persone da tirare per la giacca o semplicemente da fermare per strada e chiedergli di intervenire. Francamente è un mistero. Magari da domani qualche cosa nascerà, ce lo auguriamo.

Rimpasto e ricambio

Abbiamo atteso fino a fine dicembre, come sussurrato e come preannunciato, abbiamo atteso fino a metà gennaio, ma dell’atteso rimpasto in giunta nessuna traccia. Non parliamo di cose misteriose, ma di situazioni note e specchiate nel risultato elettorale; ci sono due consiglieri giovani, Sandro Vignotto e Elena Spagnolo, che alle elezioni sono stati più votati di  Garbuio Claudio e di Lauretta Iuretig, e che ambivano a ricoprire incarichi di giunta o di delega. Considerazioni diverse li hanno parcheggiati tra i consiglieri, con il ragionamento di fare un cambio a metà mandato. Metà mandato passato da un pezzo (voto a maggio 2011) e nulla si muove. Affari loro direte; certo, ma un cambio di passo nella giunta potrebbe essere utile soprattutto ai latisanesi.  Discorso parallelo per il centro sinistra: Sergio Simonin e Orlando Fantin sono persone validissime e politicamente degnissime di rappresentare gli elettori di quella componente di centro…….sinistra, ma magari qualche ingresso giovane potrebbe portare alle prossime elezioni amministrative con facce e discorsi nuovi, in grado di frenare la emorragia di voti che questo CENTRO  sinistra ha provocato. Anche qui affari loro, ma l’osservazione resta.

Punto Nascita

Martedì sul Messaggero un  lungo e documentato articoli di Anna Buttazzoni, che ben conosce sia la Regione che Latisana, getta una nuova luce sul possibile futuro del Punto Nascita dell’Ospedale di Latisana; infilato in un ragionamento assai articolato, c’è anche una frase che sembra proprio figlia della ragione e dell’evidenza: chiudere il Punto Nascita di Latisana non ha senso perché dovremmo poi pagare il conto al Veneto e invece chiudere Palmanova permetterebbe di salvare anche Gorizia e per gli abitanti della zona Udine resta a due passi. Sembra così logico che fa paura, in quanto sarebbe una delle poche volte che la logica e la ragione  guidano le scelte dei politici, ma dobbiamo dare atto all’Assessora Telesca che, se così fosse, avrebbe fatto la scelta più giusta e avrebbe tutto il nostro plauso e tutta la nostra ammirazione. Vedremo entro qualche giorno, ma la Buttazzoni è quella che ha scoperchiato il vaso dei rimborsi regionali assurdi, e quindi va dato credito alla giornalista. C’è anche da dire che molto si sono spesi quelli del PD di Latisana in incontri con la Regione, per spiegare questa cosa che è del tutto evidente e che permette anche di non danneggiare il turismo di Lignano Sabbiadoro e di Bibione. Certo che se io fossi l’addetto stampa di Latisana e di Lignano farei partire tuta una serie di commenti positivi e un fuoco di fila di dichiarazioni a sostegno, perché è certo che Palmanova & Co faranno esattamente il contrario.

Da notare che la questione Latisana Palmanova è stata al centro dell’audizione della Telesca con i membri della Commissione regionale; il testo completo si può leggere qui:

http://www.consiglio.regione.fvg.it/pagine/comunicazione/comunicatistampa.asp?comunicatoStampaId=316212

riportiamo uno stralcio:    “Con queste dotazioni finanziarie il sistema reggerà? Ha chiesto Riccardo Riccardi (Pdl), ponendo una serie di quesiti: se il sistema regge, cosa significa: che siamo in grado di fare le cose perchè se ne fanno di meno o nel tempo sono stati buttati soldi? Siccome l’assessore dice che non saranno tagliati i servizi dovremo mettere risorse con l’assestamento? E tutto ciò che effetti produrrà alla città e all’ospedale di Udine? E quando si dice che non si chiuderanno ospedali occorrerà capire cosa succederà al loro interno.

Per Stefano Pustetto (SEL) queste linee scontano un immobilismo di dieci anni. Concorde sull’obbligo dei costi standard, ha evidenziato perplessità sul decreto Balduzzi: se ci paghiamo la sanità la gestione è nostra, e anche la riforma spetta alla Regione – ha sintetizzato evidenziando, fra diversi problemi, quelli della formazione degli specializzandi, del ruolo dell’ospedale di Udine e dei punti nascita: questi ultimi si basano su dati numerici, ma la scelta finale tra Palmanova e Latisana è politica. “ ……  “Le linee di gestione sono un compito amministrativo che si interseca con le questioni di riforma, ha detto in chiusura l’assessore Telesca, senza sottrarsi a chiarimenti e spiegazioni e dichiarandosi su alcuni problemi non angosciata, ma serenamente preoccupata.

Stiamo acquisendo dati e documentazioni che ci serviranno per prendere le decisioni più corrette, per esempio sui punti nascita, perchè ci sono scelte gestionali che condizionano la politica. Prevedendo di ottenere un risparmio con queste linee di circa 60 milioni di euro sugli 80 ipotizzati, (20 si dovranno poi mettere) Telesca, rinnovando l’invito a evitare allarmismi, ha ricordato che la situazione viene monitorata di mese in mese.”

 Per esempio….da ILfriuli.it….

Punto nascite a Palmanova a rischio chiusura?  Per il sindaco Martines l’ipotesi ventilata “non trova ragioni in alcun studio regionale nè nazionale, mentre sono accertati i livelli di sicurezza e l’eccellenza dell’ospedale cittadino”

….si annuncia una lotta dura tra Palmanova e Latisana…..

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

COMITATO PER LA DIFESA E LA VALORIZZAZIONE DEL LASCITO TONIATTI”

LATISANA

Latisana 13 gennaio 2014

Al Sindaco del Comune di Latisana Sig. Salvatore Benigno

p.c.

Ai Capigruppo in Consiglio Comunale  –   Signor/a        Micaela Sette – Orlando Fantin – Roberto Cicuto – Claudio Serafini – Francesco Ambrosio – Luigi Lauricella – Maddalena Spagnolo

Oggetto: utilizzazione nel corso del 2013 del fondo vincolato del lascito Toniatti.

Con una precedente del 10.05.13, della quale si allega copia,  il Comitato aveva avanzato alcune proposte per l’utilizzo del fondo vincolato del lascito Toniatti.

Una delle proposte era quella di utilizzare parte dei fondi per:   “ un contributo destinato a tutti gli  anziani latisanesi ospiti dell’A.S.P. Umberto I° o di altre strutture similari, rivolto all’abbattimento delle rette poste a loro carico, da erogarsi con modalità e criteri da definirsi”.

Nel corso del Suo intervento nell’assemblea pubblica organizzata dal Comitato il 27.11.13,

il sig. Sindaco affermava esplicitamente che l’Amministrazione comunale, per abbattere le rette dei Cittadini latisanesi ospitati in casa di riposo, avrebbe utilizzato i proventi del lascito Toniatti, facendo propria, di fatto, la proposta sopra citata.

Alla luce di quanto sopra, siamo a chiederLe se tali interventi a sostegno degli anziani hanno avuto luogo, quanti siano stati i Cittadini (o le famiglie di Cittadini) che hanno usufruito del sostegno finanziario e con quali criteri/modalità questi sostegni sono stati erogati.

Cogliamo l’occasione per porgere distinti saluti.

Per il Comitato

Pietro Pitacco          Gianfelice Colonna          Ernesto De Marchi

Stagione concertistica

Contributo 2013, 1.600 euro.

Attività di formazione e promozione del libro

Il Comune ha deciso di organizzare delle attività formative e di promozione del libro e della lettura rivolte agli alunni e agli studenti delle scuole primaria e secondaria di primo grado del nostro Comune durante l’anno scolastico 2013/2014, da tenersi in biblioteca con professionisti del settore, ecco i costi.

libro

Pulizia caditoie

Il Comune ha deciso di affidare alla ditta Idrospurghi di Gianni Plaino con sede a Latisana , il servizio di pulizia delle caditoie stradali sull’intero territorio comunale, per la somma complessiva di € 9.000,00 IVA inclusa;

IMU Lascito Toniatto

Nel 2013 sono state spesi 8.116 euro di IMU

Monitoraggio emissioni elettromagnetiche

Il Comune ha deciso di affidare l’incarico di per la prosecuzione della gestione del sistema di monitoraggio permanente delle emissioni elettromagnetiche per 3 (tre) anni e per l’aggiornamento e l’armonizzazione del piano della telefonia vigente ai contenuti della legge regionale 18 marzo 2011, n.3; alla Società “Sinpro Ambiente srl” con sede in Tombelle di Vigonovo (VE)  e di impegnare la somma complessiva di € 5.856,00 per tale servizio.

Piano Urbano del Traffico

Il Comune ha deciso di aggiornarlo per adeguarlo alle ultime varianti; è stato deciso pertanto di integrare il precedente incarico affidato allo Studio Novarin con determinazione n. 511 del 12.05.2009, affidando al medesimo studio le attività necessarie e di impegnare la spesa complessiva di € 7.320,00 a favore dello Studio Novarin sas

Centri Estivi 2013

Con sorpresa leggiamo che i centri estivi 2013, gestiti dalla Consula Genitori Latisana e Ronchis, hanno fattoi registrare un avanzo (attivo) di 10.940 euro, che restano a disposizione del Comune. Bene.

…e a Paperopoli, che si dice?

Sono attese facce nuove in politica, in  consiglio e in giunta….

eta beta p penultimatum

Condividi il post!

PinIt

6 commenti su “Oggi parliamo di: Latisana, Lignano e 5 Stelle; rimpasto di giunta; Punto Nascita, Latisana resta chiude Palmanova? Stagione concertistica; attività formative e di promozione del libro; pulizia caditoie; IMU Lascito Toniatti; monitoraggio emissioni elettromagnetiche; Piano Urbano del Traffico; lettera al Sindaco e ai Capi gruppo; Paperopoli; Centri Estivi 2013”

  1. marco zanetti ha detto:

    Il politico onesto è il politico CAPACE. ( B.Croce ) Non serve aggingere altro……

  2. il_bacucco ha detto:

    …servirebbe, a dire il vero, aggiungere chi, per te, è onesto e capace e chi meno…..

  3. Datemi un politico onesto e vi porterò una prostituta vergine! Con i politici ho chiuso, W i cittadini onesti e vergini che hanno voglia di spendersi per questo paese!

  4. Maurizio ha detto:

    leggendo sul Messaggero la cronaca di Latisana, tra gli articoli sulla chiusura di alcuni reparti dell’ospedale e quello riguardante gli accertamenti sull’operato di alcuni medici del medesimo, spicca questo: http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2014/01/15/news/imprenditore-deluso-basta-investire-a-latisana-1.8472217. Troppa grazia, Sant’Antonio

  5. davide ha detto:

    … abbasso la politica (dei politicanti)… viva la Politica (dei Cittadini)…

    Da Wikipedia:
    […] La prima definizione di “politica” (dal greco πολιτικος, politikós) risale ad Aristotele ed è legata al termine “polis”, che in greco significa città, la comunità dei cittadini; secondo il filosofo, “politica” significava l’amministrazione della “polis” per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano. […]

  6. marco zanetti ha detto:

    Dico bravo a Davide e dico al Bacucco quante persone conosci capaci? ti rispondi da solo ,spero.

I commenti sono disabilitati.