Oggi parliamo di: Piazza Indipendenza; TAV TAC e NCD

TAV TAC e NDC

tav tac

Martedì 18 febbraio alle 20.15 in Latisana, Palazzo Molin Vianello, il Nuovo Centro Destra organizza l’incontro sul tema:  Alta Velocità, Alta Capacità, riflessioni per nuove alternative. Saranno presenti Alessandro Colautti e Paride Cargnelutti del NCD in Consiglio Regionale, Giacomo SClosa e Claudio Serafini del Circolo NCD di Latisana. Si parla quindi di ferrovia e infrastrutture, e ovviamente di urbanistica e lavori pubblici; sarà interessante vedere se il punto di riferimento in giunta, ovvero il vicesindaco Angelo Valvason (NCD) sarà presente e cosà dirà.

Piazza Indipendenza. Così è disastrata, da sistemare, ma una volta sistemata è da chiudere o….rovinarla ancora??  Voi che ne dite? Abbiamo posto la domanda sul nostro facebook (Latisana Sito), ecco alcune risposte:

Latisana Sito. Piazza Indipendenza: cosa preferite: sistemata e poi chiusa alle auto? o sistemata e poi tutto come prima???

la piazza di una volta

piazza indipendenza dall'altro lato

Bruna Pagliani sistemata e chiusa alle auto

Tatiana Dereani se vi sono parcheggi a sufficienza vicini meglio chiusa  ma vi saranno elementi attrattivi?   Tatiana Dereani  musica, cultura, cibo… eventi, giochi …promozione e valorizzazione

Marco Olivier Vedo che il termine “sistemata” lo usate sia in un modo che in un altro… significa che avete già i soldini da spendere come comune… beati voi…

Tatiana Dereani non sviliamo Latisana…in altri Stati hanno molto meno e generano flusso turistico…noi abbiamo il fiume e Lignano -Bibione vicine..

Marco Olivier sarebbe da valorizzare il fiume autentica risorsa della cittadina mai stata presa in considerazione come tale

Marco Olivier e non penso alle solite darsene con le imbarcazioni che distruggono il fiume…

Roberto Mattiussi Io sto ancora aspettando la locandina degli “eventi” di carnevale a Latisana. Credo sia intelligente, come del resto fanno gli altri paesi, uscire con i programmi e le proposte per tempo in modo che le famiglie possano organizzarsi e scegliere dove andare. Se si arriva per ultimi è chiaro che ciò non giova.

Serena Del Piccolo Sistemata, che valorizzi il centro. Chiusa alle auto.

Bruno Morello Chiusa alle auto, con elementi di arredo urbano belli.

Marco Olivier Spero che non la pensate come via Udine a Lignano un vero obbrobrio …

Claudio Valvason I centri urbani saranno sempre più vuoti per colpa degli outlet e dei centri commerciali! Il fatto di chiudere il traffico o no alle auto non risolve nulla!

Anna Sbrugnera  la prima ipotesi!

Marco Olivier Chiudete alle auto chiudono i negozi chiude il paese mi sembra un futuro sicuro, il problema è l’offerta di servizi che date in quell’area che deve competere con tutta la bassa friulana e veneto orientale… prima di fare questo bisogna fare un progetto strutturato con ricerche di marketing precise e non lasciato all’improvvisazione della solita Giunta che si deve inventare qualcosa per le prossime elezioni… ( n.d.b. ricordo che il comune ha già speso 30.000 euro per studiare il centro commerciale naturale, con i risultati che sono evidenti..)

Daniele Pecoraro Un saluto a tutti io sono per chiuderla al traffico in modo che sia più valorizzata e poi si vedra’ come diceva qualcun altro bisogna darsi da fare a far rivivere il centro e tutta la citta’

Nicolò Fantin Chiuderla alle auto significherebbe pugnalare l’economia del cuore della nostra cittadina. Sarebbe un errore madornale chiuderla… Saluti

Sandro Cassan Sicuramente va sistemato il manto sia della Piazza che di Via Rocca. Chiuderla non serve a molto se poi non si organizza nulla. Nelle aree un pò più larghe ( davanti Trevisan, Colonna) c’è posto per qualche iniziativa. So che non è facile organizzare e soprattutto capire cosa può attirare ma penso ad una sorta di mercatini con bancherelle anche tra i due negozi vicino alla scalinata per l’argine così si hanno parcheggi e aree pedonali. A Latisana ci sono già pochi parcheggi e ancora togliere quelli della piazza mi sembra controproducente per negozianti e clienti.

Latisana Sito: ricordo che il parcheggio di Via Sottopovolo è praticamente sempre vuoto, idem per la zona ex fiat; parlare di mancanza di parcheggi a Latisana non corrisponde al vero…

Marco Olivier Latisana non ha problemi di parcheggi ma di servizi che attraggano i giovani non che li facciano scappare e non penso alla scusate del termine “piazzetta” del centro ma a tutto il comune. Si dovrebbe cominciare a vedere oltre e creare interesse che non vedo a parte i soliti bar (su questo non siete male)…

Sandro Cassan Giusto! Secondo me è sbagliato il fatto di metterlo a pagamento, il disco orario potrebbe essere una soluzione. Faccio un esempio: Porto la nonna in centro a Latisana a bere un caffè e a fare una passeggiata al centro…. La scarico al volo, vado a parcheggiare e poi di corsa torno a prenderla per fare 2 passi… La piazza è talmente grande che auto e persone secondo il mio modesto parere posso convivere.

Tatiana Dereani allora se non mancano parcheggi, si può chiuderla e pensare realmente a riqualificarla…non può e non deve rimanere il giardino dei Latisanesi

Sandro Cassan Ecco una foto significativa di come potrebbe essere la Piazza senza auto….. Sì ma anche senza persone. RIPETO questo è il mio pensiero, spero che comunque qualsiasi decisione da parte dell’Amministrazione Comunale porti più movimento nel centro. Sicuramente continuerò a passeggiare come ho sempre fatto

Giulia Maria Elena Bianchini Piazza aperta! Libera circolazione delle auto e parcheggi comodi per raggiungere agevolmente i pochi negozia che ancora resistono…..si può sempre chiudere con le transenne in caso di eventi e feste in piazza! (…..anche se visto come vanno le cose ultimamente non sembra neanche un problema da porsi purtroppo!!!!!!!!)

Severino Valvason Sono d’accordo nel non chiuderla, non avrebbe senso, almeno che qualcuno non abbia la soluzione dove poi sistemare tutti quei parcheggi, che verranno a mancare quando nelle strade laterali, non si recupera niente. No farò mai chilometri a piedi per andare a visitare i due negozi rimasti in piazza, in quanto a sistemazione non vedo dove possa essere sistemata. forse due porfidi spostate, e non più a livello, questione da poco ?

Marco Martino Ovviamente la questione si presenta più complicata di così. Certamente una piazza pedonale sarebbe più gradevole, se inserita in un’ampia considerazione d’insieme circa l’arredo urbano, il piano del traffico, l’offerta commerciale. D’altronde  ciò richiederebbe un impegno economico che ora può essere impiegato in altri settori. A chi sostiene che la piazza chiusa stroncherebbe l’economia, basti far notare come chi ora parcheggia in piazza lo fa per effettuare un acquisto specifico o per frequentare un locale: la pedonalizzazione favorirebbe invece il passeggio e quindi la visita a diverse attività commerciali. Certo è che parcheggi nelle strade laterali non mancano, semmai quello che manca è la voglia di fare due passi. Ma queste sono solo considerazioni personali.  Dalla Spagna, saluti!

Tania Cicuttin si ma se pensate di chiudere la piazza pensate anche a dove farci parcheggiare la macchina perché non sempre abbiamo tempo di passeggiare per Latisana.

Mauro Lorenzo A mio giudizio la piazza come magari con un arredo migliore parcheggi per i pendolari che lavorano a Latisana nelle vecchie caserme a un prezzo politico con abbonamenti in modo di aver i parcheggi liberi su tutte le piazze con una movimentazione veloce . Ecco liberati centinaia di posti per i clienti che vengono a spendere a Latisana

Patrick Chiarparin se fossimo in altri paesi europei, avrebbero già pensato a come fare una copertura totale della piazza ,per poi farci un centro commerciale in centro città…

Orazio Carriero La via di mezzo è sempre la migliore…far circolare le auto, tipo dalle 9-13 e dalle 15-19…cosi facendo ci si può sfruttare la piazza in auto e cmq lasciare le ore serali per una passeggiata o per organizzare manifestazioni di vario genere…

Pier Francesco Zuzzi Quando è stato realizzato il progetto della piazza con il porfido e nuova illuminazione è stato pensato per crearla pedonale e, ricordo, che molti erano d’accordo! Poi la lobby della piazza ha prevalso! Per cui il problema della pavimentazione dissestata rimarrà sempre con il passaggio delle auto con continui costi di manutenzione! Personalmente, ancora ai tempi della mia presidenza dei negozi Amici, quando la Piazza aveva solo negozi ed anche attraenti, mi battevo per renderla pedonale, ma allora parcheggi fuori dal centro non ce n’erano! Ora che parcheggi ce ne sono sarebbe da cogliere l’occasione e non mi dite che i negozi ne risentirebbero x’ non si può parcheggiare davanti a loro, x’ vi faccio notare che quando in piazza c’è un evento o il settembre latisanese, per andare in piazza la gente parcheggia anche al palazzetto dello sport e poi viene a piedi in centro!!!

Berto Girotto Ciao anche se non vivo quasi più in paese sono anch’io del idea di lasciare la piazza con le auto. Già il paese e penalizzato di suo auto si

Riccardo Cicuttin Solo gli illusi pensano che il binomio auto-economia possa ancora reggere. È un’idea obsoleta e provinciale. A Latisana chiudono i negozi da anni nonostante le latte a 4 ruote possano circolare. Le città lungimiranti chiudono al traffico. Dai su, date un’occhiata al mondo.

n.d.b. interessante  e stimolante; una domanda: ma ascom e comune….hanno mai fatto una indagine conoscitiva?

Condividi il post!

PinIt

Un commento su “Oggi parliamo di: Piazza Indipendenza; TAV TAC e NCD”

  1. denis ha detto:

    mesiConvegno tav: mi sa che l’ incontro sullà AV-AC sia una farsa per far vedere ai latisanese che il vero centro destra é quello di Serrafini ( che 6 mesi fa mi pare che sosteneva Simonin e la Serracchiani) e non quello di valvason e perciò fanno venire a latisana i big. Regionali dell’ NCD che in realtà sono solo dei campioni del trasformismo. Cargnelutri 6 mesi fa era a Roma in ”piazza del plebiscito a gridare forza Silvio e quando era solo insegnate applaudiva comizi di Biasutti e De Mita.
    Mi chiedo cosa questi 4 sappiano della AV-AC, nulla ripeteranni soliti numeri. Almeno i veri Notav chiamano degli esperti o dell sindaci a Val di Susa, magari di parte ma hanno qualcosa da raccontare. Ricordo per chi nn lo sa che Cargnelutti quando era in provincia nn era per il no ma
    sostenne la proposta deleteria del lunotto di bagnaria pur di nn toccare San Giorgio,perchquello è il suo unico interesse da mantenere per nn staccarsi mai dalla poltrona. colletti dopo le vicende con Blasoni ormai era fuori però allora è stato giusto impedirgli di stare a Roma. Concrudo invitando Serrafini ad organizzare meglio queste iniziative politiche che servano ai cittadini e non solo alle beghe del vostro staff che si becca come in un pollaio.

I commenti sono disabilitati.