Oggi: trova la differenza; elenco contributi alle associazioni; Viabilità a Bevazzana; tariffe e ricavi del Comune; integrazione e interazione

Un quiz

Trovate la differenza tra la prima e la seconda foto.

DSCN9249

DSCN9248

Risposta: entrambi sono scooter ed entrambi sono esposti alla pioggia per tutto l’inverno; ma il primo è acquistato con sacrificio e con soldi privati, personali e il proprietario ci tiene e lo ripara; i secondi sono acquistati con soldi pubblici, ovvero non sono di “nessuno” e se piove e si arrugginiscono, chi se ne frega.

Viabilità a Bevazzana

Rivoluzionata la viabilità di quella frazione con moltissimi nuove prescrizioni e divieti; sono moltissimi e gli abitanti diranno se sono anche funzionali.

Ecco i contributi di fine anno.

elenco contributi 1

elenco contributi 2

elenco contributi 3

elenco contributi 4

…ed inoltre: all’Associazione Culturale no profit “La Riviera Friulana” di Lignano Sabbiadoro, l’erogazione di un contributo di € 700,00.

Tariffe e ricavi del Comune

Ecco alcuni quadri, interessanti da leggere; ricordiamo che, se qualcuno si lamenta di aumenti di costi, basta andare a vedere come vengono spesi i soldi (vedi prima), come per esempio i 700 euro dati a un’associazione di Lignano e non sono i primi. Per una visione completa, andate nell’albo pretorio del Comune.

tabella servizi 1

tariffe 1

tariffe 2

tariffe 3

tariffa 4

tariffa 5

tariffa 6

tariffa 7

tariffa 8

Integrazione e interazione

Ci segnalano questa situazione in un noto supermercato del centro. Piace? Non piace? Utili? Danno fastidio? Difficile rispondere in modo semplicistico; però si registra una certa invadenza, che da qualcuno è gradita e da altri no. Ci vuole sempre rispetto; da parte di tutti però. (grazie al nostro lettore che ha sollevato il problema con questa foto).

despar

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “Oggi: trova la differenza; elenco contributi alle associazioni; Viabilità a Bevazzana; tariffe e ricavi del Comune; integrazione e interazione”

  1. Leopolda ha detto:

    Avvistate delle “strane” signore in giro per Latisana….vestite più o meno uguali, gonna di jeans sopra ai pantaloni, calzini e ciabatte/zoccoletti, spingono entrambe il passeggino; suonano i campanelli delle abitazioni, chiedono soldi……e intanto tengono d’occhio chi ci abita…niente allarmismi inutili, però……!

  2. valerio ha detto:

    Le Regie Poste Italiane non avranno mica paura di un po’ di pioggia visto che dovranno affrontare le bufere nei cieli e sopra gli oceani con l’acquisto di Alitalia? Speriamo solo che continuino a stampare i francobolli…

  3. denis ha detto:

    L’osservazione degli scouter puo apparire saggia ma forse si dovrebbe chiedere gli scouter so noeffettivamente di poste o sono in affitto manutenzione compresa per n. Anni come molte delle auto aziendali delle grandi società. Seconda osservazione ma come mai in città, vera ‘nnlatisana, es Trieste dove molti nn hanno le autorimesse gli scouter non lì coprono, forse perche in città si usano tutto l’anno, come i postini, è non solo d ‘estate per andare al mare! A me interessa il servizio di poste italiane nn come è cosa usano!

  4. Severino ha detto:

    Va la che una piccola nota la faccio pure io tanto per chiudere l’anno.
    Contributi di fine Anno, non so se ci sono tutti, generalmente ne arrivano sempre altri dopo ma mi sembra più o meno nella norme degli anni passati, anche se non ho ancora controllato con quelli nel mio archivio. Non vedo però l’ ASD.Pertegada calcio, e non saprei dire se hanno fatto richiesta, malgrado la loro posizione economica sgradevole.
    LE POSTE:
    Bhe.. si sa che quando pagano gli altri, non ie ne frega un tubo a nessuno, anche se una piccola copertura si potrebbe fare. Ma ho saputo che in Canada le poste stanno per abolire il recapito della posta porta a porta, diventa tutto digitale, chi non capisce un tubo di PC. e ora di cominciare a farci un pensierino, perché con i Governi che abbiamo potrebbe essere che qualche ministro rimanga influenzato.
    Integrazione e interazione:
    Siete troppo gentili quando dite: “qualcuno è gradita e da altri no” dentro ad un supermercato non credo sia gradito a qualcuno, e ora di smetterla di trattare questa gente con i guanti, e non possiamo nemmeno parlare di rispetto perché se avessero un pò di rispetto li dentro non ci entravano, per la strada puoi fare quello che ti pare tanto a Latisana non esistono servizi per la sicurezza dei cittadini, sono troppo impegnati a fare cassa con contravvenzioni stradali, Perciò ce libertà di delinquere in base al proprio stile. Ma i proprietari degli ambienti dovrebbero anche intervenire e prenderli a mazzate e non lamentarsi sempre. Perché dove non arriva la Legge ci siamo noi.

  5. Marta Panfili ha detto:

    Concordo con Leopolda, io le ho viste pure a Palazzolo. E ce ne sono anche al Despar sulla statale. Non esisteva una legge che proibiva l’accattonaggio con i bambini piccoli? E qui i nostri vigili dove sono? A fare le multe alle automobili col disco orario scaduto? E se facessimo pagare a loro eventuali furti nelle abitazioni? D’altronde, se un muratore, o un idraulico, o un giardiniere fanno male il loro lavoro, ne pagano pure i danni. Chi veste una divisa municipale, no. Quale è il loro lavoro? Fare le multe? Dirigere il traffico? Non vengono neppure se li si chiama per qualche animale abbandonato. Non controllano lo stato della manutenzione e della sicurezza stradale, non controllano strani, e pericolosi, personaggi da sempre a zonzo per Latisana. Strano mestiere, il loro. Dovrebbero rendere conto al sindaco, che però si interessa di più a questioni politiche che alla sicurezza a Latisana. Basterebbe un’ordinanza comunale che vieta l’accattonaggio. Due righe e una firma. Ma cosa manca? Il tempo? La voglia? La carta? La penna? Per le ultime due potremmo fare una colletta e si risolverebbe il problema. Per le prime due potremmo fare una petizione interna al comune. Essendo moglie di un cittadino extracomunitario, mi chiedo come sia possibile che persone senza nessun titolo per restare in Italia possano andare a zonzo. Dove abitano? Con che tipo di permesso di soggiorno sono in Italia? La Kyenge non è amica degli stranieri, lo è solo dei clandestini e degli zingari. Le persone che sono entrate regolarmente in Italia non la vedono di buon occhio. Ci sono pochi tipi di permesso di soggiorno: per lavoro (e bisognerebbe fare in modo che dopo alcuni mesi dalla perdita del lavoro ogni straniero incapace di mantenersi dignitosamente debba tornare al suo paese), per matrimonio (non mi sembra che gli accattoni siano sposati con cittadini italiani), per studio (se disturbano le persone per strada vuol dire che non frequentano corsi universitari), per cure mediche (sembrano sanissimi) o per turismo (in questo caso la durata del visto dipende dal conto in banca al loro paese, in modo da dare una garanzia sul sostentamento per il periodo richiesto, e sono alcune migliaia di euro al mese…), oppure il riconoscimento di rifugiato politico (a mio parere questo dovrebbe essere concesso solo a chi ha si trova un lavoro fisso entro un determinato periodo dall’ingresso in Italia, altrimenti tra poco avremo un’Italia fatta da rifugiati mantenuti dallo stato mentre gli italiani scappano all’estero per guadagnarsi il pane). Quindi questi questuanti non italiani non sono qui in maniera regolare. Magari hanno qualche mafioso che li assume fittiziamente per qualche settimana l’anno solo per non farli espellere, e per il resto del tempo si dedicano all’accattonaggio, alla vendita a nero porta a porta, quando non ad attività più pericolose. Mi hanno spesso dato della stupida quando ho sposato mio marito e l’ho fatto venire in Italia legalmente; mi hanno sempre detto che se l’avessi fatto venire su un gommone, adesso le istituzioni ci avrebbero dato un alloggio, un contributo giornaliero di alcune decine di euro, tutti gli aiuti degli enti di beneficenza, e pure i soldi per le sigarette e per l’autobus…. forse queste persone avevano ragione, in Italia si premia l’illegalità (con la Kyenge ora più che mai) e si fanno gli sberleffi a chi è stato così scemo da agire nella legalità.

I commenti sono disabilitati.