paperopoli, pro loco e turismo, patto di stabilità, lascito toniatti, ospedale, tav/tac, paludo, argine e fiume, pattinaggio,

Turismo e Pro Loco

Sul sito www.latisana.it abbiamo ricevuto una mail che ci ha stimolato, eccone il testo:

Oggi sulla homepage del Messaggero Veneto c’è un articolo su Turismo Fvg bocciata dal Ejarque, il guru catalano del turismo. Quello che mi ha colpito di più non è la stroncatura di Turismo Fvg, basta andare in Francia e vedere cosa fa un infopoint turistico pubblico per capire che i nostri punti di turismo sono solo un luogo senza utilità ne ricadute, mi colpisce là sua considerazione delle proloco. Caro Bacucco ti invito ad andare all’intermodale e vedere lo schermo digitale pagato da tutti noi ma gestito dalla proloco dove appare ancora pubblicizzato l’evento estivo di Tra Terra e Mare e poi i bilanci di queste proloco qualcuno lì conosce? Buon lavoro.  Denis

Siamo andati a vedere ed ecco la foto; ci scusiamo per la pessima qualità: è stata scattata da oltre il vetro e da lontano perché, se non lo sapete, il Centro Intermodale fino a aprile è chiuso la domenica.  La foto serve solo per confermare quello che Denis ha detto; e pensare che dopo Tra Terra e Mare c’è stato il Settembre Doc, il San Martino e ora il Natale. Ma per il turista o il pendolare che arriva al Centro Intermodale, siamo rimasti a metà agosto….

tra terra e mare al centro intermodale domenica 17 novembre 2013 15.00 1

tra terra e mare al centro intermodale domenica 17 novembre 2013 15.00 2

Pattinaggio

Bel fine settimana di pattinaggio a Latisana; ecco il volantino e alcune foto scattate domenica mattina ( le….giapponesine sono dello Skate Academy di Latisana)

pattinaggio

pattinaggio 1

pattinaggio 2

pattinaggio 3

pattinaggio 4

pattinaggio 5

pattinaggio 6

pattinaggio 7

pattinaggio 8

pattinaggio 9

L’argine e il fiume

Qualche giorno fa il Comune di Latisana ha protestato contro Magistrato delle acque e Genio Civile per la mancanza di manutenzione dell’argine del fiume Tagliamento in centro a Latisana. Ovviamente non è solo una questione estetica, ma di sostanza; gli alberi cresciuti sulle sponde, oltre a rallentare il deflusso delle acque, scavano il cemento e indeboliscono la protezione e la spinta dell’acqua in piena esercita una pressione può sradicare l’albero, scavando un buco proprio dove scorre l’acqua….. e non scordiamoci della storiella del dito e della diga in Olanda….

http://www.schule.suedtirol.it/ms-st.christina/klassen/leggendeeur/hendrick/hendrik1.html

DSCN3352

DSCN3354

DSCN3356

DSCN3358

DSCN3359

DSCN3360

Ancora Paludo

Ri pubblichiamo la foto della zona della pensilina e delle strisce pedonali più inutili del mondo, in Via Tisanella a Paludo; quella zona fa veramente schifo, vero assessori??

domenica 17 paludo

TAV/TAC

Venerdì 29 novembre a Portogruaro, l’assessore veneto Chisso e la Governatrice friulana Serracchiani discuteranno del tracciato della linea alta capacità Mestre – Trieste e in particolare della strozzatura di Latisana. Speriamo che la Serracchiani non sia impegnata con Renzi in qualche comizio……

Ospedale

Aspettavano la Serracchiani per l’inaugurazione del blocco chirurgico a Latisana in Ospedale, è arrivato invece Jacop; bene, la Serracchiani, governatrice del Friuli Venezia Giulia, era occupata in Emilia con il sindaco di Firenze Renzi in un tour elettorale per le primarie del PD. Prima Renzi, poi le cose di casa nostra. (vedi http://www.ilperbenista.com/articolo.aspx?art_id=2042&cat=21 )

Riceviamo e pubblichiamo

Comunicato del Comitato Toniatti.   Nessuno gioisce per un fallimento, ma il Comitato Toniatti con la sua azione aveva già evidenziato che il progetto della “Cittadella della salute” era sbagliato, confuso e quindi destinato ad un probabile fallimento.  Dispiace per lo spreco di tempo e di denaro, ma adesso l’importante è che le risorse regionali (i 3milioni di euro) restino a Latisana e vengano usate in maniera adeguata alle esigenze di Latisana ma soprattutto a quelle del territorio della bassa occidentale.  Se il primo degli obbiettivi  è quello non disperdere le risorse le risorse regionale, il secondo è quello che l’ASS e il Comune assieme presentino progetti credibili per  investirle: l’Ass5 ad esempio  dovrebbe investire sul recupero, il risanamento e la ristrutturazione degli spazi del vecchio Ospedale.   Il Comune invece, con i soldi del lascito Toniatti, assieme all’ASP Umberto I°, pensi a una nuova casa di riposo, una realizzazione che deve garantire servizi adeguati ai latisanesi anziani  non solo per domani, ma anche e soprattutto per i prossimi 20/30 anni. Se ognuno: l’ASS, il Comune e l’ASP si dedicano al proprio “mestiere”, con le risorse disponibili possono ancora fare cose utili alla comunità senza sprecare i soldi.   Come Comitato Toniatti,  mercoledì 27 novembre, alle 18.30, al Polifunzionale faremo una iniziativa pubblica con una proposta sul possibile utilizzo del lascito nel rispetto delle volontà testamentarie della benefattrice. Il portavoce Piero Pitacco

…e a Paperopoli, che si dice?

Il Messaggero, qualche giorno fa, titolando sulla mancata futura realizzazione della Cittadella della Salute, aveva stilato un impietoso elenco di opere pubbliche che non sono partite e forse non si faranno mai, appunto la Cittadella, la ex Caserma Radelli – Vela, la Caserma dei Vigili del Fuoco come esempi eclatanti. Da parte del Comune viene sempre tirato in ballo il discorso del Patto di Stabilità, così, prendendo spunto da una immagine del Comune di Casale (Treviso), abbiamo fatto un giretto e poi siamo andati a vedere il Municipio….

chiuso per patto (comune Casale tv)

chiuso per patto (comune Casale tv)

cittadella della salute, il posto

cittadella della salute, il posto

vigili del fuoco

vigili del fuoco

ex radaelli

ex radaelli

 

Il Messaggero parla del convegno alla Getur delle Pro Loco e di Ejarque che ne esalta la loro potenzialità in ambito turistico; poi c’è la foto dello schermo al Centro Intermodale….

piero...dime andrea... turismo e pro loco

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “paperopoli, pro loco e turismo, patto di stabilità, lascito toniatti, ospedale, tav/tac, paludo, argine e fiume, pattinaggio,”

  1. valerio ha detto:

    Pecà che i Aministratori no’ i fassa mai un giro su l’argine per veder in che consission ch’el xe!
    Se vede che, pian pianin, volemo tornar al vecio argine de tera e erba. Ve ricordèo quando che se podeva andar sula riva del Tajamento da qualunque punto de l’argine? Bei tempi!

  2. Cesare ha detto:

    Neanche immaginate, o forse sì, quante cose facciano SCHIFO in quella “zona” di Via Tisanella! Probabilmente una imminente e corposa Sentenza lo chiarirà …

  3. Davide Lorigliola ha detto:

    Se posso dare un mio piccolo contributo da persona che lavora nel settore della valorizzazione turistica, riguardo alle Pro loco, io credo che debbano seguire lo Statuto, che di solito parla di promozione dell’identità locale anche attraverso la collaborazione con le attività produttive. In generale, tuttavia, nessuna pro Loco è da considerarsi ipso facto il soggetto responsabile del turismo locale e territoriale: una Pro Loco può benissimo assolvere ai suoi compiti organizzando la sagra della porchetta. Si tratta piuttosto di costruire una logica di prodotto-territorio tra i decisori politici, i volontari e le attività produttive. Nel caso di Latisana uscendo senz’altro dai confini comunali, in quanto inadeguati a reggere da soli un mercato per oggettivo deficit – proprio anche di altri Comuni contermini – di punti di interesse e servizi turistici. Quanto all’informazione turistica, la soluzione è forse più semplice e potrebbe risiedere nella costruzione di una Intranet tra pro Loco, Amministrazione, associazioni e diversi soggetti locali in cui far confluire i dati a disposizione, decidendo tempi, modalità e strumenti di accesso in tempo reale agli stessi da parte del pubblico.

  4. sergio ha detto:

    Caro Bacucco se hai scelto questo pseudonimo per celia guardati bene che non sia piuttosto un “nomen omen” tradotto non riscaldare la trippa di altri ovvero se vuoi fare una buona informazione verifica le fonti. In questo caso hai toppato di brutto rinviando al Perbenista perché mentre si inauguravano le sale operatorie a Latisana, presente Jacop cui spetta anche il potere di rappresentanza istituzionale, la Serracchiani stava deliberando n.50 delibere di Giunta fra le quali quella di nomina del nuovo DG dell’Ospedale di Latisana, presente alla cerimonia e di nomina dell ex ASS5 Bordon a DG dell’Ospedale di Pordenone. Se poi alle 16.00 del pomeriggio ha voluto partecipare alla campagna di Renzi poco male, molto meglio che ritirarsi per un bunga bunga ristoratore in qualche villa multimiliardaria in compagnia di gerontopolitici xxxxxxxxx

  5. il_bacucco ha detto:

    la Serracchiani era stata annunciata dal Comunicato del Comune; se era impegnata a far del bene, bene, prendo atto. ho messo le xxxx, se dicevi condannato per reato fiscale potevo lasciare, altre parole, almeno fino a condanna definitiva, non posso passarle….

I commenti sono disabilitati.