pappagalli, auto storiche, fashion & food, zigaina, multe

Zigaina si o no

Ci segnalano qualche problema per l’affresco di Giuseppe Zigaina (artista di Cervignano, del 1924) che si trova oggi nel supermercato di Piazza Matteotti, ex Cinema Bassi. In origine tutto l’ingresso del Cinema era affrescato così, siamo nel 1957, ma poi con la trasformazione alcune pareti andarono perdute. Se la memoria non m’inganna, allora il maestro non diede molta importanza a quelle opere giovanili; forse oggi andrebbero recuperate e rivalutate. Pubblichiamo, grazie all’archivio di Valerio Formentini, la foto di com’era  e i dettagli di com’è oggi. Attendiamo lumi.

Zigaina.Affreschi.Cinema Bassi ridsegue  — clicca  —

affresco 2

affresco 3

affresco 4

affresco zigaina piazza matteotti ex bassi 1

Dal mare ai monti

Domenica torna la mitica cavalcata delle auto storiche che saliranno fino a Forni di Sopra, dove molti latisanesi hanno fatto i Grest più belli della storia locale, assieme a quelli di Pesariis. Nella foto la locandina

dal mare ai monti

Multe, multe e multe

Latisana, Bibione e Ferrata —  Tre situazioni non così vicine, ma accumunate dal rischio-multe. A Latisana tutta la settimana i vigili si sono visti indaffarati a sorprendere gli automobilisti indisciplinati, con grande gioia dei medesimi e dei commercianti – esercenti che brindano a questo rigore. A Bibione occhio alle righe blu, quelle della sosta a pagamento. Se mettete l’auto in divieto di sosta, prendete una multa, una sola e ok. Se per caso mettete l’auto nella zona a ticket e lo lasciate scadere, prendete una multa alla scadenza e poi una all’ora….. fate un po voi! Infine se andate sulla Ferrata, da Madrisio a Ontagnano, e vedete una pattuglia col telelaser, non pensate di averla scampata bella, perchè magari qualche chilometro più in là ne trovate un’altra! Cosa non si fa per salvare i bilanci pubblici!

Fashion & Food

Riceviamo e volentieri pubblichiamo; ci auguriamo possa diventare un appuntamento continuativo.

tagliatelle-asparagi

Ciao a tutti! Oggi si apre una nuova rubrica Fashion&Food, dove potrete trovare tutte le tendenze di questo favoloso anno, riguardanti alla moda, allo stile delle nostre ragazze e alle news. Ricette da non perdere assolutamente  da preparare e gustare in compagnia in pochi minuti! Mi presento mi chiamo Lina D’ambrosio è vivo nella bellissima Lignano Sabbiadoro da 11 anni circa, sono una appassionata di moda e cucina! Ho aperto un blog “Fashion Crazy” nel 5 febbraio 2012 e devo dire che va alla grande! Oggi ho avuto l’opportunità grazie a questo giornale di pubblicare le mie passioni, ma non solo soprattutto anche le vostre! Spero che come primo articolo, vi possa piacere, ne sarei molto contenta. Potete chiedermi qualsiasi cosa (lina9260@gmail.com).  Iniziamo con una gustosa ricetta che farà un bel figurone per i vostri amici o cari.

Tagliatelle uovo e asparagi; Ingredienti:  Tagliatelle, 300g di asparagi verdi, 50g ricotta fresca, 4 tuorli d’uovo, una fetta spessa di prosciutto crudo, olio extravergine di oliva, burro, pepe, sale – Procedimento: Pelate gli asparagi, tagliate le punte a metà, il gambo a bastoncini e sbollentate in acqua salata. Unite in una ciotola i tuorli alla ricotta e aggiungete pepe nero. In una casseruola scaldate olio e burro, insaporitevi il prosciutto tagliato a dadini e gli asparagi. Cuocete le Bavette in abbondante acqua salata, saltate in padella con il prosciutto. Togliete il tutto dal fuoco, incorporate i tuorli e mantecate. Per finire il piatto, aggiungete il Parmigiano Reggiano! Aspetto le vostre e-mail e buon appetito!(il blog è… http://linadambrosio2.blogspot.it/)

Parco dei pappagalli

La notizia è stata letta con attenzione, è da febbraio praticamente che non si vede nessuno in modo continuativo; ci hanno detto che provvederanno. Speriamo bene.

Condividi il post!

PinIt

8 commenti su “pappagalli, auto storiche, fashion & food, zigaina, multe”

  1. marco ha detto:

    Zigaina non diede importanza perché sapeva che erano delle croste …….Poi dubito che siano degli affreschi ,andrò a mettere il naso……..

  2. marco ha detto:

    Ho messo il naso ,pittura a secco credo a tempera,,,,,

  3. geppo ha detto:

    Non immaginavo che anche a Latisana ci fosse uno Sgarbi “che va a mettere il naso”nelle “croste” di Zigaina ..quanta presunzione…e quanta ignoranza. Ma in effetti cosa ci si può aspettare dove si considerano arte i cippi alle associazioni d’arma, e dove gli archi/geometri , ad eccezione del geom. E. Milocco, non hanno prodotto nulla di interessante da allora ad oggi.
    Quando è stata organizzata la mosta a Villa Manin su Zigaina, i curatori hanno dovuto selezionare molti lavori e andare a cercare le opere giovanile, anche nelle case del cervignanese, perche all’epoca il pittore non fotografava ed archiviava tutto. In realta il soggetto dell’affresco/graffito appartiene ad uno dei periodi più “ricercati” di Zigaina e per l’unico valore riconosciuto (€) a Latisana questo dovrebbe bastare per tutelare l’affresco. Per fortuna la pitturà è stata salvata dall’intervento di trasformazione del cinema Bassi, per altro progettato da Marcello d’Olivo. Peccato che nessuno abbia delle foto che illustrino come era prima l’atrio del cinema.
    Anche nell’ex CRUP ora Veneto Banca, progettata da Gino Valle, ci dovrebbe essere un fregio di Zigaina, ma se ancorac’è immagino non si possa fotografarlo.
    Questa “crosta”, che piacia o meno al signor Marco, rappresenta una delle poche testimoniaze a Latisana di valore di un epoca postbellica piena di voglia di fare, dove si progettava con accanto e in sontonia con pittori, scultori e poeti. Nel Nord Europa questo modo di progettare si adotta ancora e si vedono in risultati.. in particolare nella progettazione degli spazi urbani. Ormai anche in Cina lo fanno..mentre nell’Italia dove ci consola ancora con la retorica del Rinascimento, questo modo ragionare lo abbiamo perso. I risultati di quell’epoca possono essere in alcuni casi anche discutibili, ma sono quasi sempre migliori e di indiscusso valore culturale rispetto alle realizzazioni degli immobialiaristi scolarizzati nei diplomifici privati.

  4. valerio ha detto:

    Sì, forse affresco non è la dicitura tecnica appropriata. Si dovrebbe trattare di una tecnica mista, a secco, forse con pitture del tempo, e graffito. Comunque se si fosse potuto conservare tutta la decorazione, il giudizio sul valore artistico potrebbe essere più sereno.

  5. valerio ha detto:

    Alla CRUP (ora Veneto Banca) di piazza delle Poste (alias Matteotti, ma perchè non andava bene piazza delle Poste, visto che c’erano e ci sono le Poste ?) non c’è un fregio di Zigaina, ma addirittura la copertura circolare dell’ingresso al caveau di Dino Basaldella, altro artista friulano di rilievo, opera della quale “il bacucco” deve aver parlato molto tempo fa. Un mosaico con grosse tessere di pietra. Tutte queste opere andrebbero opportunamente segnalate e rese visitabili, almeno negli orari di apertura dei singoli locali.
    A proposito di Cinema Bassi, forse degno di nota, più che il prospetto fronte strada, piuttosto anonimo e pesante su un porticato esile, è la progettazione del tetto che, mi è stato detto, essere ad “ala di aereoplano” cioè incernierato su un lato e sospeso dall’altro.

  6. valerio ha detto:

    Sull’opera di Basaldella, vedere “bacucco del 13-14 luglio 2011.

  7. marco ha detto:

    Valerio hai ragione, io personalmente ho già visitato il caveau conosco tutto.E ho capito che manca la volontà e manca l’interesse …….. dei commenti sopra ? MI CHIAMA SGARBI: IO LO CHIAMO CAPRA……..capra ……c…….

  8. il_bacucco ha detto:

    diamoci una calmatina però…..

I commenti sono disabilitati.