patrocinio, maratona, divieti e multe, pista ciclabile, sport e solidarietà, alluvioni

2 9 65 4 11 66

Giocateli al Lotto se volete, ma per molti sono numeri tragici, e abbiamo inutilmente aspettato un cenno ufficiale da parte del Comune; solo un consigliere si è degnato di condividere una foto su face. A Lignano il 3 hanno celebrato i Caduti aggiungendo anche quelli del Vajont, 50 anni fa; a Latisana le due disastrose alluvioni ( 2 settembre 1965 e 4 novembre 1966) sono passate, come si dice, “…di cavalleria…” Nulla, forse per la vergogna di aver fatto poco o forse per l’impotenza di fare ancora qualcosa. I giovani nemmeno sanno cosa sia il sapore della pastiglia anti tifo in bocca, o il buono eca per andare a prendere da mangiare. Ma oltre a sfilare con la banda per la guerra, si poteva anche scrivere una parola per gli alluvionati

Da Alex Marino riceviamo e volentieri pubblichiamo

Conclusa la 10^ edizione di Sport Musica Solidarietà . Sala piena per un pomeriggio particolare. Un grazie alla banda musicale di San Paolino sez. di Latisana e un grazie ad un gruppo di giovani delle scuole superiori dell’Isis, tre istituti a Latisana e uno a Lignano, che hanno donato una somma al ” Progetto Lorenzo ” per l’attività di ricerca sulle malattie rare. Sono convinto che lo sport e la solidarietà sono i tasselli di una buona e sana comunità. Noi l’abbiamo fatto. Un grazie a tutti i presenti.

Riceviamo e ben volentieri pubblichiamo

Da Marco Caineri:  Ciao Bacucco, qualche giorno fa mi sono imbattuto in questa notizia del MV che mi ha fatto sorridere, ma di amarezza. Mi chiedo come si possa avere il coraggio di annunciare, senza provare un po’ di imbarazzo, la “prossima apertura” di un’opera iniziata 15 anni fa. Una pista ciclabile che collegherà Lignano addirittura ad Aprilia Marittima.  Con la giusta autoironia si potrebbe pubblicizzarla (quando sarà pronta, fra 90 giorni al massimo…) come “la più corta pista ciclabile d’Europa”. Sarebbe lo slogan adeguato. E meno imbarazzante di un annuncio a lavori appena iniziati, 15 anni dopo il progetto.   Mi chiedo poi come possa essere politicamente e amministrativamente giustificabile il fatto che ancora non esista una pista ciclabile che da Lignano arrivi fino a Latisana.  Hai mai avuto la fortuna di frequentare una pista ciclabile turisticamente rilevante, non dico in Austria o in Olanda dove l’esempio è inarrivabile, ma in Francia o addirittura in Croazia? O semplicemente in Alto Adige? O perfino quella bellissima del val Brembana in Lombardia? Hai idea di che tipo di attrattiva rappresenti? Di quanto indotto sia in grado di rivitalizzare? E hai fatto il conto di quante attività ci sarebbero tra Lignano e Latisana (lungo l’argine del Tagliamento, che sarebbe la sede naturale per questa ciclabile) che potrebbero trarre beneficio da un transito di turisti in bicicletta in cerca di un’alternativa alla giornata in spiaggia? Ah, già, la giornata in spiaggia. Scusa, ma forse mi sono risposto da solo. Stammi bene. Marco

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Da Paolo Bandiziol.

Male comune, questo dei limiti e divieti incomprensibili. Vengo da un viaggetto in Abruzzo e ancora mi sto chiedendo che senso abbiano i limiti di 90 km/h per circa 40 km filati, da Rimini Nord in giù e viceversa, in un tratto a 3 corsie, asfalto drenante appena steso, lavori non in atto, ecc. E poi 60/70 km/h per 15 km da Venezia fino oltre S. Donà, con 3 autovelox in un senso e 6 nell’altro. Alla faccia del pedaggio autostradale, che dovrebbe garantire un certo vantaggio, rispetto alla statale, e che non è certo stato ridotto! A questo punto il sospetto sorge spontaneo: i limiti sono dovuti alle reali caratteristiche delle strade, così come sarebbe previsto per legge; oppure per foraggiare Stato/Regioni/Provincie/Comuni con un esborso di ulteriori tasse? Come diceva un personaggio molto noto, nel bene e nel male: “A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si indovina”. A quando i 5 km/h dei tempi andati lignanesi? Ciao

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Con piacere chiedo di pubblicare la foto allegata di noi tre Latisanesi (Urban Omar, Buonocore Raffaele, De Biasi Andrea)alla conquista di New York dopo la maratona più famosa al mondo. GRAZIE  Raffaele

maratona

a.a.a. vendesi, con Patrocinio

Volete vedere una barca, un quadro una scultura o delle pentole? Chiedete il Patrocinio al Comune: un bel timbro e tutto sembra più serio e quasi ufficiale. Certo il regolamento prevede e la casistica contempla, ma qui non si parla di scorrettezze o peggio di illegalità no, tutto regolare e secondo norma, ma forse un “ninin” eticamente discutibile questo si. Il Patrocinio del Comune dovrebbe essere dato solo ad iniziative di alto profilo etico, morale o artistico o con scopi benefici, che faccio fatica a vedere quando si piazzano servizi wi fi (questa settimana) o barche usate (la settimana scorsa). Certo in questo periodo di crisi tutto aiuta, ma dare il patrocinio a tutto e a tutti significa svilire il marchio, che invece dovrebbe avere un suo valore intrinseco, ammesso che il Comune possa dare questa immagine. Per i prodotti c’è sempre la DE.CO., ma ormai è battaglia persa.

Condividi il post!

PinIt

3 commenti su “patrocinio, maratona, divieti e multe, pista ciclabile, sport e solidarietà, alluvioni”

  1. valerio ha detto:

    Vedi Paolo cosa succede quando si abbandonano le comodità offerte delle storiche Ferrovie dello Stato (delle quali oltretutto tu sei capo-macchinista…mi pare), le loro comode vetture, la molteplicità di corse, gli orari sempre rispettati per avventurarsi invece sulle ruote gommate nella nebbiosa giungla della rete autostradale ?!

  2. Vincenzo Casartelli ha detto:

    Ho percorso più volte la prima parte della pista ciclabile da Aprilia verso Lignano, poi un pezzo sulla statale, poi di nuovo pista fino a Lignano, bella quando sarà terminata eliminando il pericolo del tratto della SR 354, ma il tratto sotto il ponte della SR non è ne delimitato da cordolo ne da riga continua; ciò comporta rischio per chi ritorna in bicicletta verso Aprilia, poichè le auto provenienti da via Del Capricorno che svoltano a destra invadono la pista mettendo il pericolo chi proviene dal senso opposto. Saluti

  3. Adriano ha detto:

    Ciclabile 15 Anni ?
    Avete letto in questi giorni del piccolo tunnel (Leggi Kilometri) sul Bosforo dicasi Turchia opera di MILIARDI di euro iniziata e finita in 4 anni ??
    Ma perchè corrono tanto ????? :):):)

I commenti sono disabilitati.