pertegada e terza corsia e ja(zz)

Oggi Movimento

Oggi a Pertegada alle 20.30, Movimento 5 Stelle si presenta, per la sua prima serata nella Bassa friulana.

La segnaletica di Pertegada

Avete presente i “visitors”, quelle orrende creature dello sceneggiato televisivo di anni fa? Oppure più recentemente i “visitors” politici, ovvero quelli che vengono da lontano, fanno e brigano e decidono sulla pelle dei  malcapitati indigeni? Ecco una cosa simile, almeno per noi e per i commenti che abbiamo avuto, è successo all’incrocio di Pertegada. Premetto che non conosco le norme su larghezze, classificazione delle strade ecc ecc, ma le righe bianche fatte all’incrocio sono un qualcosa di “strano”. Per dire poco e bene. Prima c’erano tre corsie, due per andare dritti verso il casello (o girare verso Precenicco) e una per girare a sinistra verso Pertegada centro; le auto cosi si incolonnavano a due, come tutta la 354, rotatoria esclusa, è a due. Oggi invece le corsie sono solo due, costringendo le auto a incolonnarsi da due a una corsia. Risultato: code mostruose fino a mezzanotte e mezzora per fare 5 chilometri. Visitors, appunto. E con la rotatoria, inizio a ottobre,  sarà anche peggio.

Terza Corsia, di Luigi Damiani

Da anni si parla della terza corsia dell’autostrada Venezia -Trieste. Questa opera che senz’altro è importante e di grande interesse, perchè nel territorio regionale friulano darebbe maggiore fluidità al traffico e ai flussi turistici per LIgnano- Grado Trieste è diventata l’elemento scatenante della stampa regionale in questi giorni. Il commissario Riccardo Riccardi subisce un notevole attacco da parte del Pd nelle persone di Serracchiani – Strizzolo- Moretton, che non sono disposti alla proroga del commissario. Cerchiamo di fare delle valutazioni sensate. L’asse autostradale ha la necessità di una terza corsia, ormai essendo l’unica arteria autostradale per l’est e anche per il nord europa, attualmente è da considerare  insufficiente, anche perchè il trasporto su gomma ha una grande prevalenza. Certo che la terza corsia darebbe fluidità e sicurezza al traffico sopra tutto ai vacanzieri Italiani e anche stranieri, e dell’est che si dirigono per le loro vacanze a Lignano-Grado e anche Bibione. Il nuovo casello di Latisana-Ronchis ha dato maggior fluidità al traffico e tempi di attesa limitati anche in alta stagione, ma la viabilità autostradale è rimasta quella di sempre con i costanti pericoli di una autostrada a 2 corsie intasata da automezzi pesanti che vanno e vengono dall’est Europa. Veniamo ora agli aspetti economici dell’operazione. L’opera costerebbe stimata circa 2 miliardi e 200 milioni, il costo dovrebbe essere sostenuto con un prestito dallo stato e dalla Comunità Europea. Il calcolo degli interessi viene valutato in circa 150 milioni annui a scalare, mentre la previsione di ricavi si aggira intorno ai 60 milioni di euro annui. Dal punto di vista economico diciamo una operazione fallimentare in tutti i sensi, in quanto con i ricavi non si pagano neanche la metà degli interessi, senza contare il rimborso conto capitale. Tutto questo potrebbe portare anche ad un dissesto finanziario di Friulia che a questo punto necessiterebbe di una forte ricapitalizazione. Il governo e la protezione civile che si occupa di grandi opere, ha dato parere favorevole all’operazione terza corsia ma mi chiedo come verranno superati i problemi economici sopra descritti. Non vorrei che questa operazione iniziasse per poi mai finire per mancanza di fondi per terminare l’opera. Poi sarebbe interessante capire i tempi di svolgimento e gli eventuali disagi che tutto questo comporterebbe nel tempo (vedi Salerno – Reggio Calabria). Il turista ha bisogno di raggiungere le località in tempi decenti, senza lunghe code per arrivare a destinazione. Lignano e la sua amministrazione anche su questo dovrà chiedere ampie garanzie, per non trovarsi in una situazione a dir poco complessa nel periodo stagionale. E’ ovvio che ci saranno disagi per i turisti diretti sulla costa in particolar modo a Lignano ma questi devono essere limitati in modo particolare nei tempi di realizzazione, per non subire traumi nel periodo stagionale. Vedremo cosa succederà nei prossimi giorni, anche perchè dovremmo essere all’epilogo della situazione. Luigi Damiani

Jazz. Jazz?

Domani ne parliamo

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “pertegada e terza corsia e ja(zz)”

  1. Severino ha detto:

    Non vedo l’ora di conoscere dal vero i nuovi Cabarettisti della Bassa Friulana il così detto (Movimento 5 Stelle) ovvero la politica che salverà l’Italia, che per come la vedo io sarà un riciclaggio bestiale di gente trombata nei rispettivi partiti passati, oppure gente che a preso la palla al balzo per potercela rilanciare in porta, leggermente più pesante. Speriamo almeno che sappiano intrattenerci, una risata al giorno toglie il medico di torno.

  2. il_bacucco ha detto:

    …in quanto a comici…siamo già abituati……

  3. davide ha detto:

    La nuova segnaletica all’incrocio di Pertegada è effettivamente “destabilizzante”… sembrerebbe quasi un avvertimento di FVG strade: o fate la rotonda o tenetevi questo… complottismo a parte, probabilmente le tre corsie di prima erano un po’ una forzatura e io proporrei di risolvere come al paludo: una canalizzazione per la svolta (necessaria) e una corsia “maggiorata” per andare diritti, larga abbastanza per ospitare due vetture affiancate, ma non abbastanza da poter essere divisa in due corsie. Ci sono poi anche forzature che però sono sfuggite a FVG strade, tipo l’anomala interruzione della doppia linea continua (con possibilità quindi di svolta) prima e dopo il semaforo di Gorgo, in una zona che difficilmente è inquadrabile come “centro abitato” secondo la definizione che ne dà il CdS…

  4. Massimo Della Siega ha detto:

    “Sono tanto semplici li uomini e tanto obediscono alle necessità presenti, che colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare.”
    Niccolò Machiavelli

  5. alberto ha detto:

    Per Pertagada mi domando come si fa a dare il permesso di spendere soldi pubblici per fare una cosa del genere.
    Neanche nel terzo mondo. E cmq è un vizio di ridurre le corsie, anche ad Aprilia è così.
    Dove potrebbero fare rotonde essendoci lo spazio non le fanno e dove non serve le fanno..
    Quello è il semaforo più assurdo della storia dei semafori.
    Per non parlare del senso che va verso latisana.
    Il semaforo è dopo lo svincolo per Precenicco quindi anche con il rosso si potrebbe passare invece no, come se con il rosso non si potesse entrare nel parcheggio della poianella..

I commenti sono disabilitati.