pista ciclabile, aggiornamento ansa, pertegada, commercio, perbenista e lega

L’incidente mortale di Bevazzana.

La morte di una ragazza per incidente è qualcosa di terribile e traumatico, e sicuramente varie possono essere le cause e in modo diverso intervengono colpe fatalità e destino. Ma questa volta c’è un ma, un grosso ma….. Solo qualche giorno fa avevamo pubblicato la lettera di uno straniero che si complimentava con Latisana per la realizzazione della pista ciclabile che da Aprilia Marittima porta a Lignano e che attraversa il canale idrovia su un ponticello a fianco della 354. In realtà in primavera avevamo fatto un articolo accusando la burocrazia (ricorso al TAR) di aver bloccato i lavori e ci chiedevamo se il diritto di una  persona o ditta avesse più valore del diritto di tutti di avere l’opera completata. Ora dal campo del diritto si è passati al campo della vita e della morte. Qualcuno dovrebbe riflettere e spiegare e per favore non ci dicano che è un problema di burocrazia. Possibile che non sia mai colpa di nessuno? Davanti alla morte niente polemiche, ma desiderio di chiarezza si. Come per curiosa coincidenza, ieri mattina a Latisana si è materializzato con auto blu l’assessore regionale alle infrastrutture Riccardo Riccardi; chissà se hanno anche parlato di questo incidente e del fatto che la pista ciclabile non è completata.  Certo se lo avessimo chiesto, ci avrebbero detto che è di competenza della Provincia: non abbiamo dubbi, non è mai colpa di nessuno.

Commento di Stefania Turlon

La povera ciclista morta stamattina sul ponte è sufficiente per continuare i lavori di questa pista ciclabile o no? Questa ciclabile non ha funzione “ESTETICA” ma è VERAMENTE NECESSARIA per il collegamento degli abitanti di Bevazzana e Aprilia Marittima che lavorano a Lignano e anche per tutti coloro che preferiscono prendere la bici e non la macchina per fare una manciata di Km senza contare che c’è tanta gente costretta a muoversi in bici!!  Ho visto adulti con figli piccoli pedalare e salire sul ponte e le macchine sfrecciare affianco….. diciamo che finora è andata bene…. OGGI NO!!!

Per offrire uno spunto di riflessione diverso, ospitiamo anche qui un commento di Severino Valvason, eccolo:

Solo un piccolo commento sui Festeggiamenti di San Antonio di questo anno in Pertegada. Un disastro totale in tutte le serate, penso non serva commentare, chi c’è stato lo avrà notato, era abbastanza evidente. La peggiore in assoluto sino ad ora, non credo la causa sia la crisi che un pò tutti sentiamo chi più chi meno. Tutto negativo in tutti i sensi. voto “0” !!

E anche dal Commercio….

Ebbene dopo circa 12 anni c’è stata la scelta di cedere l’attività del COM (auguri alla nuova gestione), 12 anni di belle esperienze, di soddisfazioni, di iniziative, di amicizie importanti e di conoscenze. Posso dire con sicurezza che in questa parentesi di lavoro non tutto è filato sempre liscio, ma, la bilancia pende indubbiamente al positivo. Ho cercato di dare tutto me stesso (non solo lavorativamente) e ho ricevuto molto. Dai clienti, dagli amici, dal “clero” e dalle amministrazioni. La scelta di cedere il COM è stata dettata più da fattori esterni che da quelli lavorativi. Un grande grazie va soprattutto  alle mie collaboratrici che in questi anni mi hanno affiancato di cui le attuali LAURA (Lauretta che sta per diventare mamma) e VALENTINA.  Che dire…….MANDI!!!! (Ivo Visentini)  – altre foto in fondo –

Da Il Perbenista, copiamo…

Maddalena Spagnolo, neo assessore della Lega Nord al comune di Latisana non ci sta a passare per una raccomandata dalla segreteria padana. Lei quel posto in giunta se lo è meritato correndo da sola e rispettando gli accordi. I problemi che oggi attanagliano la maggioranza sono tutti interni all’Udc e pertanto sarà lo scudocrociato a doverli risolvere. Non accetta nemmeno di sentire parlare di correnti o di diverse filosofie di pensiero all’interno della Lega Nord. La basa ha le idee molto chiare e la segreteria Maroni dovrà riportare in Lega quel sentimento di rinnovamento e di innovazione che negli ultimi anni era andato scemando. A livello locale si deve assolutamente rispettare lo statuto e non concedere deroghe a chi ha già compiuto due mandati in consiglio regionale o al parlamento. Ecco perché Pietro Fontanini, autorevolissima persona che ha avuto tutto dal partito deve mollare; ed ecco perché non ha senso concedere addirittura un’ulteriore deroga per il quarto mandato in consiglio regionale a Claudio Violino e Maurizio Franz. Secondo l’affascinante avvocatessa che non ama essere considerata per la sua bellezza femminile è arrivato il momento in cui la Lega punti maggiormente sulle donne del partito. Dimostra fiducia nell’impegno e nell’onestà intellettuale di Piasente e spera caldamente che Maurizio Franz calendarizzi quanto prima la proposta di legge di esprimere due preferenze al voto per il rinnovo del prossimo consiglio, di cui una al femminile. Pungolata su quelli che ritiene in Lega i veri leader locali padani ammette di non vederne. Non esiste nessuno, né Violino, né Franz o Pittoni degni di essere ricordati dalla base padana per un gesto politico eclatante. Tutta ordinaria amministrazione come quella degli alleati del Pdl. Infine, lancia un avvertimento al governatore Tondo, a cui certamente andrà il suo voto per le prossime regionali del 2013: “è un errore sottovalutare la sfidante perché donna; prima o poi le donne riusciranno a capire che dovranno unirsi e alla fine non ce ne sarà per nessun uomo”.

Aggiornamento

(ANSA) – LATISANA (UDINE), 21 AGO – Una ciclista di 33 anni, portoghese, residente a Latisana (Udine), e’ morta intorno alle 7,00 di questa mattina mentre percorreva la strada regionale 354 sul ponte di Bevazzana che collega Lignano Sabbiadoro a Latisana. La donna era in sella alla sua bicicletta quando, per cause ancora in corso di accertamento da parte della polizia stradale di Udine, si e’ scontrata con un furgone che viaggiava nella stessa direzione, verso Latisana. La donna e’ morta sul colpo. Inutili i tentativi di rianimarla del personale dell’ elisoccorso intervenuto sul posto. (ANSA).

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “pista ciclabile, aggiornamento ansa, pertegada, commercio, perbenista e lega”

  1. Massimo Della Siega ha detto:

    Personale riconoscimento di ( e ringraziamento per ) – da utente pluriennale del “Commercio” – una positiva e professionale gestione da parte della “governance” che lascia . Auguri sinceri.

  2. claudia ha detto:

    In merito alla morte della ciclista è ovvio pensare che se ci fosse stata un adeguata pista ciclabile l’incidente non sarebbe avvenuto. é 5 anni che abito a Gorgo e spesso,in bici,con le mie 2 bambine sul seggiolino vado a Latisana. La strada è pericolosissima,la curva dei pappagalli non da spazio al passaggio di 2 macchine mentre c’è una bici.La sera è privo di illuminazione. Speriamo che anche li si decidano a fare una pista ciclabile,prima che succedano incidenti gravi come quello accaduto a bevazzana.

  3. Paolo Miotto ha detto:

    Come sempre accade,sotto l’effetto dell’emozione, si semplificano cose che in realtà sono piuttosto complicate.Resta il fatto che la necessità di una riforma e semplificazione delle procedure relative alla realizzazione di opere VERAMENTE utili,sia ormai diventata irrinunciabile.Appare troppo facile traccheggiare rivoltando la frittata e le relative responsabiltà verso questo o quello e la cosa diventa odiosa soprattutto quando lo fanno i politici di professione.
    Per il resto ogni commento è come al solito superfluo.

  4. davide ha detto:

    In merito alle osservazioni (presenti e passate) di Severino, esse rappresenterebbero un legittimo e rispettabile punto di vista se non fosse che rischiano di essere prive di credibilità: per sua stessa ammissione, infatti, egli provoca deliberatamente per generare un dibattito, meglio se acceso; il Bacucco sa sicuramente meglio di me che questa pratica scorretta si chiama flaming ed è fortemente condannata dalla netiquette e, nella sua veste di moderatore, dovrebbe, appunto, moderare (n.b: non censurare) certi comportamenti e, se mi è consentito, non rendersene complice riportando commenti di questo genere in posizione di maggiore evidenza. A scanso di equivoci, sottolineo che non mi riferisco solo all’ultimo intervento sui festeggiamenti pertegadesi, dei quali non sono organizzatore né ho interesse a ergermi a difensore, anche se una risposta mi uscirebbe dal cuore: prima di dare un voto 0 a chi si sbatte gratuitamente per gli altri bisognerebbe provare a “muovere un po’ il pollice”…

  5. Severino ha detto:

    Con il mio commento sui Festeggiamenti Ferragostani di Pertegada, credo di non aver offeso nessuno, e non era mia intenzione denigrare l’opera ed il lavoro dei volontari che hanno lavorato gratuitamente, affinchè tutto si svolgesse al meglio. Non so cosa significa provare a “muovere un po’ il pollice”, tenuto conto che il mio pollice soffre pure di artrosi, cerco di evitarne l’uso. Comunque non so se vete fatto caso, ma la Piazza di Pertegada a retto al meglio, forse e stato l’unico successo di questa Festa. Sarebbe un peccato distruggerla, solo per la caccia di qualche contributo ed incentivo vario. Sarebbe ancora più bella se la Fontana agli arresti domiciliari nella piccola chiesetta fosse ritornata al suo posto a svolgere il lavoro per la quale era stata creata.

I commenti sono disabilitati.