pista ciclabile, mamme e musica

Pista ciclabile, si ricomincia

Finalmente ripartono i lavori della pista ciclabile che collega Aprilia Marittima a Lignano; dopo la sospensione per le “solite” problematiche relative ai ricorsi al TAR, da lunedì si riprende. I primi interventi sono quelli della ditta Candusso che si occupa di tuta la carpenteria per il ponte, ponte parallelo alla 354 che attraversa la Litoranea Veneta. Poi, nello stesso tempo, continuano i lavori sulla massicciata e sulla pavimentazione, fatto da una ditta di Ampezzo. I lavori, ci conferma il direttore e progettista Daniele Mazzega, dovrebbero essere ultimati verso metà o fine novembre: una ottima notizia. Questo il percorso così come indicato dalla Provincia: L’incrocio tra via dei Coralli e viale Aprilia Marittima rappresenta l’inizio della ciclabile che poi prosegue fino alla fine della via, percorre poi una lottizzazione di recente realizzazione inserendosi in un tratto di ciclovia già esistente. Il tracciato costeggia poi l’argine della laguna nord fino a via dello Zodiaco appoggiandosi su un percorso già presente. Continua poi su via della Rinascita, percorre via del Capricorno, passa sotto il ponte della statale 354 e mediante la realizzazione di una rampa di salita raggiunge la quota dove si inserisce il nuovo ponte ciclopedonale che, come già ricordato, verrà utilizzato per oltrepassare il canale di Bevazzana. In Comune di Lignano Sabbiadoro il percorso della ciclabile segue la rampa di discesa a lato della strada statale. La ciclovia sarà realizzata in parte su strade comunali esistenti già pavimentate in Comune di Latisana, in parte su tratti attualmente incolti di proprietà privata e anche accanto alla SS 354 su porzioni di terreno demaniale o privato.

Scuola di Musica, bando, si anzi no grazie

Il Comune ha deciso di riaffidare alla Pro Latisana la gestione della Scuola di Musica; fin qui nulla di eclatante, si tratta di andare avanti con quello che già c’è, e la proroga arriva fino a giugno del 2013. Ma se le motivazioni espresse nella delibera sono vere, e presumiamo lo siano, allora perché un anno fa fare una sorta di bando per la gestione della suddetta Scuola? Forse non piacevano i competitor? Oppure se è una scelta giusta quella di oggi di darla alla Pro Latisana, chi volle fare un bando allora?

Sabato con le mamme

A Pertegada il Gruppo Mamme ha attivato un programma che prevede la realizzazione di attività ricreative con i bambini del paese (lavori manuali, laboratori creativi) che avranno luogo ogni sabato dal 6 ottobre 2012 al 27 aprile 2013. Il tutto nel Centro Sociale. Bene e brave.

Condividi il post!

PinIt

Un commento su “pista ciclabile, mamme e musica”

  1. mario rossi ha detto:

    due parole sulle ciclabili della provincia di udine:
    Ero un ragazzo( quindi si parla di20 anni fa circa),che la provincia di udine lancio’ il progetto delle piste ciclabili per collegare l’ austria a lignano e grado, finanziando generosamente i comuni , i quali ne approfittarono per stroppare tutti i fossi, le braide, le bassure che infastidivano i parenti e amici degli amministratori locali; risultato un percorso assurdo a zig-zag pericolosissimo con continui attraversamenti delle statali ( gli esempi non mancano basta vedere fuori dal ponte dello stella a palazzolo, la fossa a muzzana vicino alla nuova rotonda ,le ciclabili a zig-zag di latisana ecc).
    Adesso finalmente (con una nuova valanga di soldi pubblici 3-3,5 milioni di euro), siamo arrivati alla fine, con due percorsi che dovrebbero costeggiare l’ argine del tagliamento uno, l’argine della laguna l’ altro, arrivando a congiungersi a bevazzana sul ponte di alluminio nuovo di zecca.
    per il momento questi sono propositi perche’: il ponte e’ stato bloccato ora pare riparta, dei due percorsi non e’ stato realizzato niente a parte un altro moncone tra latisana mare e aprilia ,da lei descritto, premessa a una nuova lottizzazione che sorgera a fianco “ai gelsi”, ma magari tra 10 anni il progetto sara’ realizzato con qualche milione di euro in piu’.
    Dopo queste premesse IO OBBIETTO:
    MA non si poteva usare il ponte girevole di bevazzana senza spendere niente o altrimenti eliminarlo togliendo un ostacolo alla navigazione e un costo alla regione che paga un custode e lo mantiene nella villa adiacente.
    DOPO i costi di costuzione chi si accollera quelli di mantenimento dell’ opera, il comune di latisana? che non ha nemmeno i soldi per sfalciare l’ argine del tagliamento?;
    qui’ si parla di 40 km di ciclabile con sfalci dell’ erba, manutenzione dell’ illumunazione, segnaletica da ripristinare ,pulizia della pista, E’ stata fatta una stima dei costi di mantenimento e chi se li accollera?
    E sopratutto MA SERVE A QUALCOSA QUEST’ OPERA, quanto turismo portera che volume di affari generera’ in quanti anni si ripaghera’ ?
    Spero di aver dato argomenti per un dibattito serio , arrivederci.

I commenti sono disabilitati.