premio vigilia di natale, rosi braidotti, acqua del sindaco, manifestazioni di natale, cittadella della salute

Acqua gratis

Ecco in allegato un “buono bacucco” per ritirare un litro di acqua gratis, acqua del Sindaco. O meglio del vice sindaco: dovevano essere pronte l’ scorso anno le Case dell’Acqua, prima due e poi un’altra, a Pertegada, Centro Intermodale e zona Coop. Poi sono state rimandare a questa primavera, poi a settembre 2012, poi prima di Natale 2012 e forse ora le avremo per Capodanno. Ma forse. Ormai siamo abituati alle promesse e ai tempi della politica, e se per fare una casa dell’acqua privata ci voglio 2 o 3 anni, ecco perché per scavare il Canale Coron ce ne vogliono 10. Naturalmente nel frattempo sono decine e decine le amministrazioni comunali dove, prima fanno le cose e poi annunciano di averle fatte. In attesa fiduciosa, potete stampare il buono e andare in municipio: un litro di acqua gratis, o un vaff…sempre gratis lo rimediate.

Annunci di Natale

Molte le iniziative di questo periodo; eccone un elenco, scusandoci per quelle mancanti:

Mercoledì 19 dicembre, alle 20.30 in Duomo a Latisana, Novena di Natale; preghiere dell’Avvento accompagnate dai capolavori di Antonio Vivaldi, ingresso libero.

Lunedì 17 dicembre, alle 20.45 al Polifunzionale, Le parole della prevenzione, conferenza spettacolo e musica con la rock band latisanese New Horizon

Giovedì 20 dicembre all’Auditorium di Precenicco, alle 20.45, il Gruppo Sabbia d’Oro dell’Università Terza Età UTE di Lignano Sabbiadoro, presenta: Le Vedove Allegre, due tempi di Enzo Giannotta.

Martedì 18 dicembre, alle 18.00 al Polifunzionale, Saggio di Natale della Scuola Comunale di Musica.

Sabato 15 dicembre alle 20.30 alla Palestra di Ronchis, Concerto dei ragazzi del CAMPP

Sabato 22 dicembre dalle  20.30 alle 21.30, al Palazzetto: il saggio di Natale dell’Associazione A.S.D. Ritmica ’95 di S. Michele al Tagliamento, (un totale di circa 150 atleti provenienti da S. Michele, Cesarolo,  Lugugnana, Teglio, Palazzolo, Latisana).

Domenica 16 dicembre, in Piazza Indipendenza, alle ore 17.00 “Serata d’onore dello sport latisanese”, evento dedicato alle Associazioni sportive del territorio che si sono  distinte per meriti sportivi durante l’anno sportivo 2011/2012.

Premio Vigilia di Natale

Nemmeno quest’anno sarà premiata Rosi Braidotti, e francamente ce ne dispiace molto. Ecco comunque i vincitori 2012 che verranno premiati sabato 22 dicembre alle 19.00 in sala consiliare del municipio.

Cortese dott. Michele: per aver raggiunto importanti traguardi professionali in campo economico a livello internazionale.( 3° da sx nella foto)

Le Marine: Darsena Centrale e Canale di Ponente nella persona di Caramia Flavio; Capo Nord nella persona di Rettondini Stefano e Punta Gabbiani nella persona di F.lli Da Re Sergio e Roberto per la lungimiranza dimostrata nel campo della nautica da diporto in questi momenti di crisi economica e per aver continuato a sostenere il turismo del nostro territorio.

Tecnicamente non tutte le Marine sono di Latisana essendo Aprilia Marittima per metà di Marano Lagunare, e una ha la sede a Lignano Sabbiadoro, ma questo è quanto. Complimenti ai vincitori e massima stima e un saluto a Rosi Braidotti. Prima il nome ovviamente; e, per chiudere….. io avrei  scritto……nelle persone di Da Re….visto che sono due…..

“Cittadella della salute”. Al via il mega progetto

Al via, a Latisana, il progetto “Cittadella della salute” presso la casa di riposo “Umberto I” che prevede la realizzazione di un “polo socio-assistenziale e sanitario integrato” capace di sviluppare un servizio completo a favore della popolazione anziana, che possa spaziare dai bisogni di residenzialità, alla disponibilità di strutture sanitarie adeguate”. Il piano contempla la realizzazione, a fianco della casa di riposo Umberto I, di un nuovo edificio a tre piani che, successivamente, sarà integrato alla casa di riposo esistente. In questo modo saranno finalizzate le disponibilità finanziarie dal Lascito Samueli ed eventuali ribassi d’asta. “Il corpo di fabbrica – spiega il sindaco, Salvatore Benigno – ospiterà il centro diurno per 15 persone, 24 nuovi posti letto per anziani affetti da gravi compromissioni, una nuova Rsa dotata di 26 posti letto, l’Hospice con 7 alloggi più 4 posti per gli stati vegetativi. Un’ulteriore spazio sarà dedicato agli uffici dell’Ambito socio assistenziale che lascerà libero il Polifunzionale, restituendolo alla sua originaria destinazione quale luogo di incontro degli anziani autosufficienti, oltre che per un ampliamento della biblioteca”. Dai contatti intercorsi con la Direzione regionale della salute è emersa la necessità di specializzare ulteriormente l’offerta residenziale per le persone anziane non autosufficienti nonché di migliorare i servizi territoriali offerti dall’Azienda sanitaria attraverso una riallocazione della Rsa e dell’Hospice in spazi maggiormente idonei rispetto a quelli odierni. L’attuale dislocazione dei locali adibiti ad Rsa e Hospice all’interno dell’ospedale non consente, infatti, una sinergia organizzativa tra il personale clinico e quello assistenziale. Nessuna duplicazione, quindi, di servizi già esistenti. Lo spostamento presso il nuovo fabbricato a fianco della casa di riposo della Rsa e dell’Hospice permetterà, infatti, di liberare spazi oggi impropriamente adibiti per finalità assistenziali, consentendo la riallocazione degli stessi secondo finalità di tipo ospedaliero, completando l’offerta sanitaria con la realizzazione di ambulatori medici secondo quanto previsto anche dal recente Decreto Balduzzi di riordino del Sistema sanitario nazionale. “Di fatto – spiega Benigno – il nostro territorio beneficerà di ingenti investimenti strutturali a favore dei nostri cittadini, in un generico contesto di riduzione delle risorse destinate al settore della sanità, con un cospicuo intervento della Regione di 3 milioni di euro; uno specifico accordo di programma con l’Azienda sanitaria disciplinerà le modalità gestionali e il pagamento di un canone di locazione per l’utilizzo degli spazi”. “Il progetto “Cittadella della Salute” porterà con se innegabilmente un aumento dell’offerta dei servizi in capo alla locale casa di riposo, in particolare per gli anziani della nostra Città, che ha sempre cercato, negli ultimi anni, con la Regione, di ampliare il numero di posti letto per anziani non autosufficienti per rispondere all’elevato numero di richieste di ospitalità presenti sul nostro territorio, scorrendo di fatto la lista d’attesa, perseguendo al contempo importanti economie di scala, senza dimenticare, da ultimo, i nuovi posti di lavoro che l’attuazione di tale progetto porterà nel nostro territorio”. “Circa la liceità sull’utilizzo del Lascito Toniatti per lo sviluppo del progetto, abbiamo chiaramente ed esaurientemente risposto nel corso di diversi consigli comunali; sono state effettuate tutte le verifiche del caso, anche con l’ufficio legale della Regione, ed abbiamo puntualmente vincolato i maggiori introiti che deriveranno dai canoni di locazione dell’Azienda sanitaria e della casa di riposo, a beneficio degli anziani della nostra Città. “Basta quindi insinuare costantemente il dubbio sull’agire dell’Amministrazione comunale presso la nostra gente: abbiamo avuto il coraggio di portare all’attenzione dell’assemblea civica un progetto altamente innovativo, proiettato verso il futuro. Ai “no” preconcetti, all’accusa di mancanza di visione strategica e ai giochi di potere della minoranza rispondiamo con fatti concreti e non con i proclami che non portano assolutamente nessun vantaggio alla nostra comunità”.

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “premio vigilia di natale, rosi braidotti, acqua del sindaco, manifestazioni di natale, cittadella della salute”

  1. Carlo Frattolin ha detto:

    A proposito dei premi vigilia di Natale è davvero incredibile che una personalità come Rosi Braidotti professoressa universitaria, scrittrice e filosofa conociuta a livello internazionale e oltretutto legatissima tuttora a Latisana ancora una volta sia stata esclusa dalla rosa dei premiati, considerando anche che già lo scorso anno vari personaggi ed il Bacuco stesso l’avevano proposta, sarei curioso al proposito di conoscere i motivi di questa scelta.-
    Grazie e auguri a tutti.- Carlo Frattolin

  2. Valerio Formentini ha detto:

    Spero che l’auspicato ampliamento della Biblioteca, conseguente la liberazione del Polifunzionale dagli uffici dell’ambito socio-assistenziale (come apprendo dalle parole del Sindaco), sia una buona volta studiato da tecnici competenti e che, se finalmente si vorrà dotare Latisana di una struttura culturale consona, si attribuiscano ad essa tutti gli spazi e le funzionalità necessarie non all’immediato, ma alle possibili esigenze future. Tanto per essere chiari nessuna guerra tra i poveri (Biblioteca ed Anziani). Ad ognuno il suo spazio e se per uno dei due non sarà sufficiente, si cerchino le soluzioni più adatte , soprattutto, dignitose. E’ tempo che i traslochi per la Biblioteca siano una buona volta terminati. Non è più possibile che Latisana non possa avere quello che S. Giorgio di Nogaro e Codroipo hanno ormai conseguito da anni in tema di struttura bibliotecaria.

  3. Marco ha detto:

    Ho letto il comunicato (pardon, il “verbale”) sul sito del Comune:
    http://www.comune.latisana.ud.it/typo3/index.php?id=67&no_cache=1&tx_ttnews%5Btt_news%5D=337&tx_ttnews%5BbackPid%5D=37
    Perchè il sindaco, per coerenza, non si firma “Benigno dott. Salvatore”?

  4. davide ha detto:

    La scultura di Sante Monachesi era stata letteralmente dimenticata per 40 anni e stava inesorabilmente e definitivamente deteriorandosi, quando un’associazione culturale decise di tentare di salvare (per quanto possibile e a proprie spese) l’unico oggetto di reale interesse artistico presente a Pertegada; appena saputo questo, l’amministrazione comunale, nella persona di un ex sindaco, si è affrettata a “mettere il cappello” sull’operazione per evitare brutte figure; morale della storia, a parte il retroscena criticabile, l’operazione è andata a buon fine a beneficio di tutta la collettività.
    Cosa c’entra questo con Rosi Braidotti?
    C’entra che se ci fosse una ipotetica “fondazione Bacucco” che si attivi, ad esempio, per premiare i cittadini benemeriti come lei, oppure che si faccia promotore per mettere in pratica tutto ciò che critica solo nella teoria, forse ci sarà un’amministrazione che, per evitare brutte figure, vorrà “metterci il cappello”, con tutti i risvolti positivi di cui all’esempio sopraccitato…

  5. andrea ha detto:

    visto che spendete tanti sodi per consulenze, perche’ non me ne fate fare una anche a me sulle mense scolastiche nel nostro comune, sarei ben lieto di farle anche pro bono…. ma visto che pagate tutti…
    Ovviamente senza avvisare le ditte che servono il cibo.. visite a sorpresa…..

I commenti sono disabilitati.