RIFORMA SANITARIA: SOVRANITA’ AL POPOLO. LA PROVOCAZIONE CORRE SUL WEB

FullSizeRender (8)

Il Comitato Nascere a Latisana, per voce di Renata Zago, provoca i Consiglieri Regionali della bassa friulana con un post sulla pagina Facebook del Comitato che da ieri e’ diventato un vero tormentone di inizio luglio. Tema: il referendum abrogativo della riforma sanitaria

Le foto dei quattro Consiglieri della Bassa Friulana, con la domanda: “Sapete chi sono questi Signori? Sono Consiglieri regionali eletti nella Bassa Friulana” Se qualcuno non lo sapesse sono rispettivamente: Paride Cargnelutti di San Giorgio di Nogaro Ncd classe 1951, Pietro Paviotti di Cervignano dei Cittadini classe 1957, Mauro Travanut sempre di Cervignano Pd classe 1952 e Cristian Sergo di Palmanova M5S classe 1977. Martedi 5 luglio loro quattro, come del resto tutto il Consiglio Fvg, saranno chiamati ad esprimersi se: “dare la parola al popolo o preferire chiudere l’argomento all’interno del Palazzo.”

Sulla pagina Facebook del Consigliere regionale M5S Cristian Sergo si puo’ trovare gia’ una presa di posizione chiara in data 29 giugno: “Il 5 luglio io voto per dare la voce ai cittadini e dico SI ai referendum per abrogare la riforma sanitaria regionale.” Il Comitato Nascere a Latisana ci scrive in merito alla posizione di  Paride Cargnelutti: ” A onor del vero va ricordato che, in sede di Ufficio di Presidenza, il Consigliere Paride Cargnelutti non ha votato contro l’ammissibilita’ del quesito ma ha preferito demandare la decisione alla discussione dell’aula”

L’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale, non si e’ pronunciato all’unanimità sull’ammissibilità del referendum abrogativo della legge 17 del 2014, quindi la proposta referendaria passerà all’Aula per la pronuncia definitiva.

Per dire NO alla consultazione e quindi privare i cittadini del “diritto” di esprimersi con il voto e’ necessaria la maggioranza assoluta degli eletti, cioe’ 25 voti su 49 esponenti. In maggioranza l’intenzione sarebbe quella di bocciare la richiesta, troppo generica ma soprattutto rischiosa politicamente. Una sorte di brexit sanitario ride qualcuno.

Il Comitato chiude il post con una provocazione: “Nel 2018 si ricandideranno?” Insomma adesso votano loro, poi voteranno i friulani… O almeno speriamo di poter votare in questo sistema tutto italiano di nominati prima che di eletti.

 

Condividi il post!

PinIt