Sabato: La Pro Latisana; Natale; Golf a Bevazzana; azzardo; incidente; Pan di Zucchero; Dentro il Baule; Ospedale, serata del Comitato; Paperopoli; quattro liste al bar; tigli; ascensore; PAIT, Latisana ancora dentro

Comitato Nascere a Latisana

Martedì sera, alle 21.00, al Polifunzionale, il Comitato Nascere a Latisana incontrerà la popolazione per illustrare i recenti sviluppi in merito all’Ospedale di Latisana.

Piano Idrogeologico

Le precisazioni dell’Assessora Vito, ecco dal sito http://www.newsageagro.it/content/Ambiente-Vito-il-piano-per-l-39-assetto-idrogeologico-non-ha-ridotto-il-rischio-nel-comune-di-Latisana

Ambiente, Vito: il piano per l’assetto idrogeologico non ha ridotto il rischio nel comune di Latisana

TRIESTE – «Complessivamente il progetto di Piano stralcio per l’assetto idrogeologico dei bacini regionali (Pair) predisposto dalla Regione ha esteso, di fatto, anziché ridurre, le aree del comune di Latisana ritenute a rischio idraulico».

E’ quanto ha chiarito l’assessore regionale all’Ambiente Sara Vito, per fugare alcuni dubbi su un tema che è stato ripreso dalla stampa regionale nelle scorse settimane, «in linea con un’attenzione massima alla prevenzione del rischio idrogeologico».

Gran parte del territorio comunale di Latisana ricade all’interno della competenza amministrativa dei bacini regionali e, in minor parte, nella competenza del bacino idrografico del fiume Tagliamento. ‘Mentre la classificazione vigente delle aree soggette al Pai/Piano assetto idrogeologico Tagliamento non è stata minimamente variata, in quanto non è oggetto del progetto di Pair, nella stesura del Pair stesso – ha fatto presente Vito – si è invece tenuto conto sia della presenza del Tagliamento che degli altri corpi idrici regionali, inclusa la laguna di Marano e Grado, che è di competenza della Regione».

Latisana risulta esposta al rischio di allagamento per molteplici fattori: il fiume Tagliamento, la laguna e i terreni di bonifica, in parte caratterizzati da insufficienza della capacità di scarico delle idrovore sia a causa dell’impermeabilizzazione dei suoli sia delle piogge, che sono sempre più concentrate nel tempo e nello spazio, con un aumento dei flussi meteorici. La manutenzione dell’estesa rete di bonifica risulta critica, inoltre, a causa della sempre più ampia espansione delle aree edificate, in un’area caratterizzata, fino agli inizi del secolo scorso, da ampie zone paludose. Pertanto, una parte importante del territorio comunale di Latisana, in particolare le aree di bonifica servite da idrovore e ubicate sotto il livello del mare, è stata classificata nel Pair con grado di pericolosità idraulica 2, in una scala da 1 a 3.

Per sciogliere ogni equivoco, Vito ha precisato che il declassamento del livello di pericolosità indicato dal Pair – da P3, pericolosità massima, a P2 – riguarda solo alcune aree attigue al canale Bevazzana e ad Aprilia Marittima e non è legato a possibili fenomeni di esondazione del Tagliamento, bensì a possibili fenomeni di ingressione di acqua marina. Dopo l’incontro tenutosi lo scorso 5 maggio nel Comune di Latisana, i tecnici regionali avevano, infatti, provveduto a effettuare ulteriori verifiche sulle quote arginali nelle aree limitrofe ad Aprilia Marittima e al canale Bevazzana, riscontrando valori poco superiori ai due metri sul livello del mare. Si tratta di un dato superiore al massimo livello di marea ritenuto possibile dalla letteratura scientifica (nel 1969 a Trieste il mare arrivò a 1,94 metri mentre a Venezia nel 1966 a 1,74 metri), cui è conseguita la decisione di uniformare le due aree in questione al livello di pericolosità delle aree circostanti. Il grado di pericolosità idraulica P2 indica che la massima altezza che può raggiungere l’acqua in eventi a media probabilità, statisticamente ogni 100 anni, può essere anche di un metro.

Va ricordato che il Pair è redatto dal servizio Difesa del suolo e dal Servizio Geologico della direzione regionale Ambiente in relazione alla pericolosità del territorio regionale a causa di eventi meteorologici, episodi di acqua alta o di possibili frane.

Per quanto riguarda, infine, gli aspetti più squisitamente urbanistici, le norme del Pair permettono di attuare gli interventi già previsti dai vigenti Piani regolatori generali comunali antecedenti alla data di adozione del Piano stralcio per l’assetto idrogeologico dei bacini regionali. Nelle aree pericolosità 2 (P2), però, è previsto che i Comuni intenzionati ad attuare le proprie previsioni urbanistiche già vigenti alla data di approvazione del Pair debbano far introdurre nei nuovi progetti opportune misure di mitigazione che riducano la vulnerabilità dei beni e delle persone potenzialmente esposti, prevedendo, ad esempio, di non costruire vani interrati e seminterrati e di far eseguire opportuni rialzi dei piani di calpestio degli edifici.

«Questi aspetti – ha concluso Vito – sono stati ben evidenziati all’assessore comunale Cesare Canova nell’incontro al Comune di Latisana sul Progetto di Pair, il 5 maggio di quest’anno, nel quale sono intervenuti i tecnici regionali del servizio Difesa del suolo».

n.d.b. insomma qualcuno ci vuole spiegare chi ha ragione?

Tigli

Sono tigli gli alberi piantati in Piazza delle poste ( grazie a E.S.)

Ascensore

E’ stato riparato l’ascensore dell’Ospedale; bene.

Incidente

Spettacolare incidente venerdì mattina poco dopo le 9.30 davanti all’Odeon; grazie a S.U. e a E.S. per le foto

odeon e s 1

odeon e s 2

incidente venerdì mattina simon

Quattro Liste al bar

Oggi sabato alle 18.00 in Piazza Indipendenza auguri di Natale delle quattro liste nate per cambiare Latisana: Latisana Rinasce, Un’Altra Latisana, il Centro sinistra e Latisana 2016; appuntamento per il cin cin alle 18.00 allo stusighin.

Natale

Sabato 19 presso Pan di Zucchero in Viale Stazione, dalle 9.30 ad esaurimento, distribuzione di 200 borse alimentari e mercatino del giocattolo. Alle 17.30 in Piazza Indipendenza intrattenimento musicale a cura di Trumpet Young Latisana. Domenica Premio Vigilia di Natale alle 11.30 in Municipio

Pan di Zucchero

Impegno dei volontari e accoglienza alle famiglie. Un bilancio di fine anno positivo

Il bilancio del 2015 è positivo grazie all’impegno dei volontari di Pan di Zucchero: hanno donato 8 mila ore di lavoro e hanno reso possibile la realizzazione dei progetti e il buon funzionamento del Centro di solidarietà. Grazie a loro le persone in difficoltà qui si sentono accolte e anche gli stranieri trovano uno spazio dove integrarsi e raccontare le loro difficoltà quotidiane.

L’anno si chiude sabato 19 dicembre con la consegna di 200 borse alimentari alle famiglie bisognose segnalate dai Servizi sociali e provenienti da Latisana, Ronchis, Palazzolo dello Stella, Precenicco, Muzzana del Turgnano, Carlino, Pocenia, Marano Lagunare, San Giorgio di Nogaro, Torviscosa, Rivignano Teor e Porpetto.   Le borse contengono generi di prima necessità e un delizioso regalo: il barattolo di caffè Illy donato dall’azienda di Trieste. Sono distribuite nel gazebo esterno del Centro di solidarietà in viale stazione, che resta aperto dalle 9.30 al tramonto con orario continuato. Per l’occasione è allestito un mercatino di giocattoli e si festeggia tutti assieme con una bicchierata.

Continuano ad aumentare anche le richieste per pagare le bollette e affrontare le spese quotidiane: circa 130 famiglie hanno ricevuto un contributo nell’ambito del progetto “aiuti silenziosi a famiglie locali” per un totale di oltre 30 mila euro. Per loro è aperto uno sportello martedì e giovedì dalle 15.30 alle 16.30, previo appuntamento, nella nuova sede in via Giovanni da Udine 25 messa a disposizione dal Comune di Latisana.

Anche per l’anno scolastico 2015/2016 sono state rinnovate le convenzioni con la scuola primaria elementare e medie del plesso scolastico di Latisana e l’Istituto ISIS-Mattei per la somma di 15 mila euro. I contributi servono a sostenere l’istruzione di ragazzi volenterosi che vivono in famiglie a basso reddito, per l’acquisto di libri di testo, tasse scolastiche, gite, corsi a pagamento, materiale didattico e doposcuola.   In questi giorni termina la raccolta dei salvadanai distribuiti durante l’anno nei 13 Comuni dell’Ambito Sociale. A tutti i detentori verrà dato il resoconto del ricavato che rimarrà a disposizione dei Servizi Sociali dei Comuni che hanno tenuto i salvadanai. Oltre all’impegno nel territorio, rimangono vivi i progetti con le Missioni in Brasile, India e Africa, tanto che la presidente Marisa Ceccato è in procinto di partire per l’Uganda per incontrare i ragazzi, che stanno usufruendo delle borse di studio, e in Kenia per visitare un nuovo Orfanotrofio.

“La nostra associazione opera con impegno per fare del proprio meglio – afferma la presidente – Interrompiamo la distribuzione dei contributi solo per pochi giorni. Infatti il nostro ufficio è chiuso solo dal 23 dicembre al 11 gennaio, mentre il Centro di Solidarietà

Azzardo

Una bella vittoria del Movimento 5 Stelle in Regione: niente slot ai minori di anni 18, anche se erogano solo ticket e inasprimento dei divieti di installare macchinette a meno di 500 metri dai punti sensibili. Ora tocca ai Comuni mandare i Vigili, non a fare multe, ma a preservare i nostri figli.

Golf a Bevazzana

Abbiamo letto il comunicato stampa congiunto delle liste che intendono cambiare Latisana; parla del Golf e dell’ennesimo progetto presentato a sud di Pertegada, a ridosso di Lignano. Secondo me hanno fatto bene Comune e società a presentarlo; voglio dire….. ha funzionato per vent’anni sta cosa e da sempre la carota davanti al mulo funziona…. Perché cambiare? … A…. pare anche che dopodomani presenteranno la nuova “Vela” al posto della ex Caserma, un centro spaziale per i nostri figli, una scuola di astronauti ; si parla di migliaia di posti di lavoro e investimenti da parte della Nasa. Viva le elezioni.

La Pro Latisana

A marzo ci sarà il rinnovo delle cariche , presidente e consiglio, della Pro Latisana; non so se De Marchi intenda battere il record mondiale di permanenza sulla sedia di Presidente, sono scelte sue e dei soci, ma posso stimolare una riflessione sul ruolo della Pro Latisana, con un pensiero e una proposta suddivisa in tre parti. Attualmente la Pro Latisana è organica alla Giunta Comunale ed è solamente Pro Capoluogo, non essendo mai riuscita a spalmarsi fattivamente sul territorio e non avendo mai ottenuto quel riconoscimento ad “entrare” da parte delle singole realtà delle frazioni. Forse solo in Aprilia Marittima c’è riuscita, ma proprio grazie al suo essere braccio operativo dell’Amministrazione Comunale, similarmente all’Associazione Noi Operatori di Aprilia con la quale collabora bene. Svolgere la parte organizzativa per il Comune, che mette soldi e operai, può anche essere un ruolo accettabile, ma snatura la essenza proprio della Pro; il nuovo direttivo quindi potrà essere figlio del ventennio Moretti/Sette/Benigno e continuare a fare il cosiddetto “lavoro sporco” per il Comune, gestendo fondi ingenti senza la macchinosa burocrazia propria dell’Ente Pubblico.

Oppure no, si può andare ad un cambiamento della Pro Latisana, attraverso tre filoni di ragionamento, vediamoli. Il Turismo; essere punto di informazione turistica è utile al Comune, ma dobbiamo essere sinceri e considerare come turismo a Latisana significhi essenzialmente Aprilia Marittima, oggi, e piste ciclabili domani. Avere un ufficio turistico in Via Rocca è del tutto inutile sempre, soprattutto in estate.

La composizione della Pro Latisana. Io credo che la Pro Latisana debba essere la somma delle associazioni del territorio e quindi la nuova Pro dovrebbe essere l’unione delle realtà aggregative di Bevazzana, Aprilia, Pertegada, Gorgo, Sabbionera-Paludo, Latisana e Latisanotta Crosere. Un insieme di insiemi, che ragioni territorialmente e si confronti con i Comuni vicini, unitariamente, nel rispetto delle singole specificità.

Infine dovrebbe nascere, a Latisana centro, un’Associazione che curi le iniziative proprie del centro, legata alla Confcommercio e non solo, che possa virtuosamente fare gli interessi del capoluogo, senza rubare spazio vitale alle frazioni, una “frazione” in centro, frazione come mentalità e unione di volontariato, per creare quel sentirsi di Latisana che oggi manca totalmente. A marzo la scelta, io non sono nemmeno socio e quindi si capisce bene da che parte sto.

Dentro il Baule

Ogni 1° sabato del mese dalle 7.00 al tramonto in Piazza Indipendenza a Latisana, antiquariato, collezionismo e vintage.

…e a Paperopoli, che si dice?

Sabato alle 18.00 aperitivo elettorale natalizio delle quattro liste…. Mi viene in mente il grande… grandissimo Gino Paoli….

N11153_4_amici_al_bar

Mi hanno sottoposto questo articolo…. Se cambiate SORA con LATISANA….

http://www.sora24.it/ospedale-ss-trinita-oramai-i-buoi-sono-scappati-dalla-stalla-88735.html

Condividi il post!

PinIt

14 commenti su “Sabato: La Pro Latisana; Natale; Golf a Bevazzana; azzardo; incidente; Pan di Zucchero; Dentro il Baule; Ospedale, serata del Comitato; Paperopoli; quattro liste al bar; tigli; ascensore; PAIT, Latisana ancora dentro”

  1. Adriano ha detto:

    Alberi … avete visto che meraviglia davanti al Cimitero di Latisanotta ??? Non più di un mese fa pulizia dei pini e rifacimento asfalto …. sicuramente hanno speso dei denari Pubblici … non privati … oggi scavatori e ruspe …. si rompe tutto e si rifa’ !!!!!! Sempre con denari pubblici ….. gran bell’ amministrare !!!!
    Alla prossima tristezzan:-)

  2. Dennys ha detto:

    Non cambierà mai … la Pro Loco è banalmente un bacino di voti.

  3. barbara ha detto:

    Bacucco, tu sai come funziona il rinnovamento delle cariche in pro loco? Magari sapendolo qualcuno si ispira!

  4. il_bacucco ha detto:

    @barbara: ho cercato lo statuto nel coloratissimo sito della pro latisana, ma non sono riuscito a trovarlo, sarà colpa mia. credo che a marzo possano votare solo i soci dell’anno precedente, per evitare le scalate degli avversari, o le iscrizioni degli ultimi minuti. sono poco informato (sorry) perché la mia opinione è che si debba ripartire da zero. non sono interessato a questa pro loco.

  5. AlessandroS ha detto:

    @barbara: funziona come tutte le altre associazioni… Ci si iscrive, si diventa soci, ci si candida presidente, si trovano dei soci disposti a fare i consiglieri e li si fa candidare, e poi all’assemblea bisogna solo essere eletti.
    Così semplice che ci sono le file di persone pronte a farlo, file lunghissime di leoni del web………

  6. bepi ha detto:

    IL BACUCCO presidente della proloco…
    NON C’E’ ALTERNATIVA…
    oppure avremo teste di FEDEZ e il degrado più totale…

  7. barbara ha detto:

    @Alessandro, hai ragione sono la prima a fare mea culpa e a criticare comodamente seduta nel mio divano..

  8. Paolo ha detto:

    Ieri sera ho assistito con molto piacere alla serata organizzata al Polifunzionale dal Centro di Aggregazione Giovanile, veramente emozionante e di buona qualità.
    Complimenti a tutti i ragazzi che si sono esibiti, agli ottimi insegnanti della Scuola Media ed al solito grande Bepi Costanza del CAMPP.
    Paolo

  9. Elena ha detto:

    L’articolo sull’associazione Pan di Zucchero è tagliato sul finale..

  10. il_bacucco ha detto:

    @ elena. è copia incolla di quello che mi hanno mandato….

  11. Mauro lorenzo ha detto:

    Caro Bacucco,
    Non e’ proprio così….
    L’associazione “Noi Operatori di Aprilia Marittima” , fino ad ora, si e’ sempre autofinanziata, compresi tutti gli eventi organizzati dal 2011 ad oggi, con lo scopo di promuovere Aprilia. Questo gruppo di imprenditori, che comprende dalle marine al più piccolo degli artigiani, ha capito che bisogna aiutarsi da soli, ed e’ per questo, che parteciperà ad una fiera nautica, in Austria, finanziandosi con le proprie possibilità. Il tutto per promuovere Aprilia fuori dai nostri confini. L’ammistrazione comunale e la pro-loco ci supportano con i propri operai, come fa con tutte le frazioni e con la piazza di Latisana. Credo. che se anche i commercianti della piazza e l’associazione dei commercianti prendesse a cuore il posto di lavoro dove operano, e tutti collaborassero , insieme all’amministrazione comunale e alla pro-loco, avrebbero risultati migliori.
    Il lavoro e l’unione fa la forza, le critiche isolate portano solo al peggioramento della situazione.
    Il presidente ” Noi Operatori di Aprilia Marittima”
    Mauro Lorenzo

  12. davide ha detto:

    #Rischio idrogeologico
    @Bacucco, dopo 10 mesi è arrivato il momento di fare ammenda per il tuo forse troppo precipitoso spot (così lo definisti tu stesso) per questo governo degli annunci: http://www.latisana.it/mercoledi-tagliamento-e-paper-semaforo-rosso-millumino-di-piu/
    Nessun intervento è mai stato programmato e segnalato nel relativo sito: http://mappa.italiasicura.gov.it/#/interventi?zoom=6&lat=42&lon=12
    Magari la colpa è solo del destino avverso, che ha portato il renzianissimo D’Angelis (che aveva così prontamente risposto alla tua mail) da Italia Sicura alla direzione de L’Unità (foglio del PD salvato coi soldi dei contribuenti per circa 110.000.000 di euro) http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/25/lunita-il-direttore-sara-erasmo-dangelis-capo-struttura-a-palazzo-chigi/1813011/

  13. il_bacucco ha detto:

    @ mauro. Forza operatori, Aprilia è importante. poi magari la boxe, 2.500 euro se ricordo bene, la pagano altri…ma siete bravi lo stesso…. e noto con piacere che ci tenete anche alla pulizia e all’ordine, cosa che in passato era stata trascurata. Aprilia meriterebbe aiuti generosi e manutenzioni coordinate, spero che diventi il paradiso del bel turismo.

  14. AlessandroS ha detto:

    @barbara: spero di non essermi espresso male e se involontariamente ti ho offesa mi scuso, non mi riferivo a te nello specifico. Intendevo dire che sono molto più numerosi quelli che criticano, criticano, criticano…..ma quando c’è da lavorare sul serio: “fuga veloce” o “non pervenuti”

I commenti sono disabilitati.