Sabato: Messi al Borgorosso Footbal Club; San Michele, Tagliamento; Jesolo; Julia a Lignano; zona artigianale; Tondo; alluvione; rugby

Zona Artigianale

Avviso pubblico del Comune per la cessione di un lotto nella zona artigianale di Crosere; 3.380 metri la superfice del lotto.

Tondo

Visto venerdì a Lignano con alcuni amici, nessuno di Latisana però..

Alluvione

2 settembre 1965- 2015: 50 anni, cosa bolle in pentola caro Sindaco?

Rugby

Domenica scorsa era stato annunciato un torneo di rugby a Gorgo; non ne abbiamo avuto notizia. Ci spiace aver dato una notizia, peraltro pubblica, rivelatasi poi farlocca; speriamo non sia così anche per le altre iniziative previste. Correzione. Ci dicono che si è svolto regolarmente, e che è stato anche bello, caldo a parte. Chiediamo scusa, ma non avevamo letto  e saputo nulla dopo la nostra pubblicazione, tempo fa della locandina. Bene così.

San Michele e Tagliamento

Dai commenti, grazie, vi invitiamo a guardare questo sito: http://www.exploringrivers.com/ ecco un estratto: http://www.exploringrivers.com/sulle-tracce-dei-mocenigo-antichi-nobili-veneziani-della-terra-di-tisana/

Sulle tracce dei Mocenigo: antichi nobili veneziani della “Terra di Tisana”

Percorso 11 in bici: Sulle tracce dei Mocenigo: antichi nobili veneziani della “Terra di Tisana” – Difficoltà: facile – Lunghezza: 17 chilometri circa. Tempo previsto: 2 ore e 30 minuti circa

Nel 1420 il versante occidentale del basso corso del Tagliamento passò sotto il dominio della Repubblica di Venezia. Molte furono le famiglie aristocratiche veneziane che acquistarono terre lungo il Tagliamento. Fra queste i Mocenigo lasciarono una nobile impronta, ancor oggi visibile.ivancich

Partendo dal nucleo abitato di Villanova della Cartera e lasciandosi la chiesa sulla destra, si inizia un percorso tra le golene del Tagliamento e l’ampia campagna produttiva dove si può cogliere un importante spaccato di archeologia industriale. Si tratta del complesso dell’antico molino (poi divenuto cartiera), a Villanova e della vicina ‘città ideale’ voluta da Alvise Mocenigo all’inizio dell’Ottocento: Alvisopoli. L’attività di stampa, diffusasi a Venezia già nel tardo Quattrocento, divenne a partire dal secolo successivo una delle attività economiche più importanti: si stima che quasi tre quarti dei libri prodotti in Italia tra il 1526 e il 1550 siano stati editi a Venezia. Il sito di Villanova fu trasformato in cartiera a inizio Seicento dalla nobile famiglia veneziana dei Barbarigo; in seguito fu acquistato dalla famiglia Mocenigo, che proprio qui aveva iniziato a comprare porzioni sempre più estese di campagna. Oltre a questo interessante episodio di storia proto-industriale, sarà possibile incontrare lungo il percorso, in località Biasini, i resti di un’antica corte Seicentesca (dove è ancora visibile, all’esterno, un affresco raffigurante una Madonna con Bambino), l’Oratorio San Mauro e l’Oratorio dei Santi Bellino e Mauro a San Mauretto. Tornando verso nord a Villanova, dopo aver visitato Alvisopoli, degna di nota sotto il profilo naturalistico è l’area di risorgiva, per il suo caratteristico paesaggio.

Da dove partire:

Posteggiare l’auto nell’ampio parcheggio antistante la chiesa di Villanova. Dopo aver percorso un breve tratto della Provinciale 75 in direzione ovest, si prende via Mussons e si inizia a pedalare verso sud per stradine bianche e lungo gli argini, passando per i piccoli borghi rurali di Malafesta, Biasini e San Mauro. Dopo aver visitato l’oratorio di San Mauro si deve lasciare l’argine, attraversare la Provinciale 75 e proseguire in direzione sud fino a incrociare la Provinciale 73. Percorrendo questa strada per circa 3,5 km si arriva ad Alvisopoli. Da qui si torna sulla Provinciale e dopo poche centinaia di metri si imbocca via Cedole per prendere, al primo incrocio, la strada che svolta a sinistra e che permette di sorpassare l’autostrada. Prima di arrivare alla località Case Colombara, sulla destra, c’è l’area delle risorgive. Arrivati a Case Colombara si deve prendere la strada che porta a nord fino a incrociare la Provinciale 75. Si segue poi via Ippolito Nievo fino alla roggia del Molino che porta di fronte alla chiesa di Villanova della Cartera.

Messi al Borgorosso Football Club

Il fenomeno argentino lascia il Barcellona per approdare nella squadra del Borgorosso. Fantacalcio? No….fantapolitica; mi spiego. Attualmente il Sindaco Benigno è l’unico politico che ha le carte in tavola per ricandidarsi; alternative ce ne sono, certo, e evitiamo di fare nomi per non dimenticarci di qualcuno o per non dover parlar poco bene di altri. Alternative ce ne sono, ma devono crescere e velocemente per arrivare ad essere una possibile candidatura vincente, soprattutto se neofiti della politica. Il problema è che per amministrare Latisana, o Latisana Ronchis all’interno dell’UTI, serve una squadra fatta di assessori competenti, capaci, che abbiano idee e voglia di portarle avanti. Ecco oggi l’handicap di Benigno è la squadra, quella attuale dal mio punto di vista è priva di geni (eufemismo), e all’orizzonte non vediamo una cerchia di amici e collaboratori pronti a schierarsi al fianco di Benigno apportando in dote qualità elevate. Quindi problemi ce ne sono da tutte e due le parti: l’opposizione deve costruirsi un candidato sindaco e magari ha già una buona squadra, Benigno deve candidarsi offrendo assessori “diversi” da quelli attuali. C’è una terza, ovvia soluzione: Sindaco di uno e squadra dell’altro, come ha fatto la Merkel in Germania con la Grosse Koalition. Leo Messi, da solo, in una squadretta, non vincerebbe nulla.

Julia a Lignano

Dal sito ana.it. – Articolo Alpino. Il 3º artiglieria da montagna celebra i cent’anni. Il 12 e 13 settembre appuntamento a Lignano Sabbiadoro per il 2º raduno nazionale del 3º artiglieria da montagna, organizzato in occasione dei 100 anni del reggimento e del 50º anniversario di fondazione del Gruppo di Lignano Sabbiadoro (Sezione di Udine).

Il programma prevede sabato 12 settembre l’alzabandiera sul Piazzale della terrazza a mare; nel pomeriggio sfileranno per le vie del centro alcuni automezzi militari del 1915-1918, mentre alla sera concerto delle fanfare e del coro della Sezione di Udine. Domenica 13 settembre alzabandiera sul piazzale “Divisione Julia”, sfilata fino al Comune per la Messa e la deposizione di una corona al monumento ai Caduti. Cerimonie conclusive all’arena “Alpe Adria”. Nelle due giornate sarà attivo un servizio filatelico con annullo speciale.

Jesolo

Vi chiederete cosa c’entra Jesolo con Latisana, ebbene è la differenza tra un Comune attento ai pedoni e uno che se ne frega. Ricordate il mezzo parcheggio tolto davanti all’Oratorio, dove c’era stato un investimento di una carrozzella con bambina? Ecco, leggete cosa fa Jesolo (leggi Vignotto, leggi Spagnolo e leggi Benigno)

Comunicato Stampa

Zona a traffico limitato, attraversamenti pedonali più visibili a tutela dei pedoni. L’assessore ai lavori pubblici Roberto Rugolotto: «Abbiamo deciso di renderli maggiormente visibili vietando il parcheggio nei dieci metri che li precedono»

Sono terminati in questi giorni gli interventi programmati per rendere più visibili gli attraversamenti pedonali in tutte le vie interessate dalla ZTL serale, da piazza Torino fino a via dei Mille. Lavori decisi per garantire la massima sicurezza per i pedoni e a seguito del tragico incidente verificatosi lo scorso anno e che costò la vita a una bambina di otto anni.

«Sulle strade interessate alla ZTL – chiarisce l’assessore ai lavori pubblici Roberto Rugolotto – si accavallano molte funzioni, e per molti aspetti non può essere diversamente. Necessità di transito e passaggio, carico e scarico per le normali forniture alle attività, pedoni e ciclisti: la frenesia estiva crea sovente condizioni di rischio, alle quali i più esposti sono in particolare i pedoni. Abbiamo deciso di rendere maggiormente visibili gli attraversamenti pedonali vietando il parcheggio nei dieci metri che li precedono, in modo che la visuale sia libera, sia per i pedoni che devono attraversare la strada sia per gli automobilisti la percorrono. Saremo quindi particolarmente severi con gli utenti che non rispetteranno questi divieti introdotti per tutelare la sicurezza dei pedoni. Lo stesso valere per le operazioni di a carico e scarico che devono avvenire nelle aree adibite a queste funzioni».

Condividi il post!

PinIt

7 commenti su “Sabato: Messi al Borgorosso Footbal Club; San Michele, Tagliamento; Jesolo; Julia a Lignano; zona artigianale; Tondo; alluvione; rugby”

  1. isabella ha detto:

    Il torneo di rugby si e` svolto come previsto noi abbiamo assistito come spettatori. Hanno partecipato 5 squadre della zona tra Udine e Pagnacco. Si trattava piu’ precisamente di rugby touch. Molto bello peccato il caldo.

  2. Severino ha detto:

    Non sei molto chiaro quando scrivi ! “leggete cosa fa Jesolo (leggi Vignotto, leggi Spagnolo e leggi Benigno) ?
    dove e che dobbiamo leggere. ???
    scusa la mia ignoranza.. ma non vedo più lontano di così…

  3. Claudio Rossitti ha detto:

    Scrivo in qualità di Presidente della Bintars Touch Rugby ASD con sede a Lignano Sabbiadoro e organizzatrice del Torneo di Touch Rugby “Città di Latisana”.
    Spiace constatare che abbiate definito come farlocca la notizia del torneo che si è invece felicemente svolto domenica 5 luglio presso l’impianto sportivo di Gorgo di Latisana.
    Bastava fare una rapida ricerca sul Web per trovare riscontro della notizia del torneo, infatti sia nostro sito http://www.bintarsrugby.it che sulla pagina ufficiale di Facebook Bintars Touch Rugby ASD nonchè sul canale di YouTube si trovano notizie foto e filmati relativi alla manifestazione alla quale hanno partecipato cinque squadre e una cinquantina di giocatori.
    E’ già in cantiere la seconda edizione prevista per il prossimo anno sempre nel mese di luglio.
    Per chi non conoscesse questo sport, ricordo che Touch Rugby è un gioco coinvolgente , affascinante e intenso adatto per le scuole e per le società sportive. È imparentato con il Rugby, senza tuttavia esigere da chi lo pratica degli intensi contatti fisici, e permette a grandi e piccini di giocare insieme.
    Tra tutti gli sport, il Touch Rugby è sicuramente uno dei più intensi. Come nel Rugby, la palla può essere passata solo all’indietro e mai in avanti. Per questa ragione tutti gli attaccanti sono costantemente in movimento. Lo stesso vale per la difesa. Occorre muoversi in continuazione, anche perché secondo il regolamento dopo un «Touch» i difensori devono trovarsi a una distanza minima di 5 metri dal portatore di palla.
    Claudio Rossitti
    Presidente
    Bintars Touch Rugby ASD

  4. il_bacucco ha detto:

    urca…prendo atto, ma non avevo trovato nulla da nessuna parte. ok meglio così e correggo.

  5. Marta ha detto:

    3.380 metri di lotto in zona artigianale a Latisana comune turistico dove è stato fatto di tutto per far scappare i pochi che avrebbero voluto puntare sulla produzione. Caspita! Faranno la fila per accaparrarselo in tanti, per piantarci ombrelloni?

  6. il_bacucco ha detto:

    @marta…..no no..niente ombrelloni, ma una fabbrica della tisana de tisana….

  7. Paolo Miotto ha detto:

    Caro Bacucco,sei tu che pensi di no,ma ti leggono in molti…..e anche attenti!!!!
    Meglio così.

I commenti sono disabilitati.