Sabato: Scuola; turismo veneto; Sabato a Teatro; La Serracchiani non viene; Tal Grim; Tagliamento 1, 2, 3 e 4; Presepi in cale; parcheggio “rosa”; Paperopoli; sbloccati fondi; incidente a Ronchis; domenica 9

Incidente a Ronchis

Verso le 21.30, in centro paese, coinvolta un’ auto, verso il vecchio casello; situazione da verificare, ma pare  non gravissima..  Non abbiamo altre notizie.

Scuola

Da Carlos Corvino, Circolo PD di Latisana Ronchis, riceviamo:

Il tema scuola: un altro esempio di come (non) si gestisce un problema politico locale.

Volevo fare alcune considerazioni politiche sul tema della Scuola, anche a margine della iniziativa del Circolo del PD di Latisana-Ronchis dello scorso lunedì 03/11.

Un’iniziativa ampiamente pubblicizzata: sui social media, sui giornali, su latisana.it, e perfino con invio di mail alle “istituzioni”: abbiamo invitato i dirigenti scolastici locali, l’Ufficio Scolastico regionale, gli studenti, nonché il Sindaco di Latisana e gli Assessori competenti per la materia trattata. Molte le persone presenti: genitori, docenti ed ex docenti, qualche studente, iscritti e simpatizzanti del PD locale, comuni cittadini. Li ringrazio tutti per essere venuti, per una serata che a mio parere è stata proficua.

Ma ahinoi, nonostante l’importanza (a parole) del tema, a parte Sergio Simonin (consigliere comunale del centro sinistra per Latisana), il Sindaco di Precenicco Andrea De Niccolò e Sandro Vignotto (attuale assessore comunale) – altri amministratori non si sono fatti vedere. Devo dire che sarebbe stato utile se fossero stati presenti anche altri rappresentanti della minoranza consiliare, così come altre fette di “società civile”. I problemi come quelli della scuola, nella fase di analisi e di proposta, possono e devono essere affrontati pubblicamente e collettivamente, anche arrischiandosi ad aprirsi ad un dibattito e avendo il coraggio di fare proposte o indicare una direzione. Pubblicamente e guardandosi in faccia, non solo a distanza sui giornali.

Direi che sono assenze gravi, soprattutto perché il giorno prima si era aperta sui giornali la “polemica” sul 25% in meno di iscrizioni alla Scuola Media di Latisana di cui il bullismo è solo una causa (o effetto?) di una scuola poco attrattiva e su cui evidentemente nel tempo c’è stato sostanziale disinteresse delle istituzioni. Tutte cose che ieri, giustamente, “Tex Willer” ha fatto notare nel suo lungo articolo. Occorre approfondire le cause di questi fenomeni, non solo ipotizzarne gli indizi, magari facendosi guidare dalle (seppur importanti) “voci di piazza”.

Perché non erano presenti questi amministratori? Paura di affrontare il dibattito? Di mostrare troppa o poca competenza? Di dover rispondere sulle contingenze e non essere capaci di fornire un contributo più ampio. O “semplicemente” ad una iniziativa di Partito (seppur pubblica) è giusto non andare (sono curioso di vedere se ci fosse stato un nome “importante”…. se non si sarebbero fatti vedere….).

E’ vero che la serata era organizzata dal PD, ma era esplicitamente aperta a tutti. I relatori erano competenti e non sono venuti a far passerella (l’on Zanin e la Segretaria del PD regionale, nonché Assessore al comune di Trieste, Antonella Grim), ma si sono confrontati anche in modo acceso con la platea. Ampio spazio è stato dato al confronto, al dibattito e alle proposte. E’ vero anche che era lunedì sera… però mi sembra che alcuni politici locali siano molto più pronti e sensibili agli articoli sul giornale, al dibattito mediato dai “media” (necessariamente superficiale), che non a parlare in modo approfondito di temi concreti, con ricadute concrete, come le opportunità di finanziare progetti di riqualificazione dell’edilizia scolastica a livello locale (a proposito: Latisana è stata in grado di presentare specifici progetti?).

Dico questo perché mi sembra davvero assurdo che un amministratore di maggioranza, un Assessore, risponda al posto del Sindaco o dell’Assessore competente in materia sui giornali, dicendo sostanzialmente due cose: a) che il problema sollevato dalla minoranza esiste e merita approfondimento; b) che si tratta probabilmente di un problema di “comunicazione e marketing”, ossia la nostra scuola va bene ma non sappiamo comunicarlo. Sic! Queste affermazioni “boomerang” ci dicono nero su bianco come non si governa un ente pubblico e come non si affronta un problema della comunità. Tali questioni dovevano essere analizzate proprio dall’attuale e dalle precedenti amministrazioni (di centro destra) e da tempo. Non credo proprio che quel 25% in meno sia stato un calo improvviso e inaspettato.

Molto attenti al dibattito sui giornali, ma poco propensi ad affrontare i problemi con lungimiranza e nella loro complessità. Forse è proprio questa troppo forte attenzione al consenso immediato e di corto respiro, al mantenere fermi e saldi vecchi e solidi equilibri ed interessi, che nasconde un’effettiva incompetenza o semplicemente il disinteresse o la superficialità, che sono tra le cause di quel 25% in meno. E non solo nel campo della scuola.

Sabato a Teatro

sabato a teatro

Parte sabato 15 novembre la prima edizione (sempre prime a Latisana….) di “Sabato a Teatro”, a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Latisana e in collaborazione con la Compagnia Teatrale L’Antica Zelkova e il Gruppo teatrale La Bottega. Tre spettacoli all’Odeon i sabati 15 novembre, 6 e 20 dicembre; ingresso 5 euro.  Tutto bene? Certo, ben vengano queste iniziative, ma c’è un ma: avete visto bene la locandina qui sotto? Manca il CIT, Centro Iniziative Teatrali di Latisana, che gestisce l’Odeon e la Stagione Teatrale. Ora fare una rassegna di teatro a Latisana senza il CIT è abbastanza strano, per dire poco. Non conosciamo le ragione, ma a la cosa ci lascia perplessi.

La Serracchiani non viene

Annullata la manifestazione dell’11 novembre a Ronchis, causa impegni a Roma della governatrice.

Tagliamento 1

Le tre foto sono state scattate venerdì mattina verso le 11.00; nella prima si vede la corrente del fiume trasportare a valle alcuni rami, nella seconda si vede che quei rami si fermeranno contro il pilone centrale del ponte ferroviario, contribuendo a creare la “diga” che ci delizierà di foto e commenti per mesi e mesi.

DSCN7414

DSCN7415

DSCN7416

Tagliamento 2

Qui sotto una foto del maggio 1991, gentile concessione di Joseffino Zanelli, del Gruppo Alpini. Come si vede chiaramente, nel 1991 erano più furbi o meno attenti a generare burocrazia ed economia, e vi spieghiamo perché. L’assessore Milo Geremia, in tv e sul giornale, ha parlato di 150.000 euro di spesa delle ferrovie per togliere di mezzo la “diga” formatasi contro il pilone del ponte; Joseffino, nella foto lo si intravede assieme a Casco, ci ha parlato di quando gli Alpini erano “ I magistrati delle acque del Tagliamento”, ovvero di quando una esercitazione congiunta della Protezione Civile Alpini Gruppo Alpini di Latisana, dell’A.N.A. di Udine e delle Penne Nere del Nordovest, che, sotto il titolo “Esercitazione Stella/Tagliamento” pulirono i piloni e tolsero la allora modca quantità di legname dal pilone. Semplice ed efficace. E meno costoso aggiungiamo noi se fatto con regolarità. Era il 1991, non c’era l’Euro, e i 300 milioni circa allora dovevano andare agli alpini…. O no??

alpini

Tagliamento 3

Telecamere e fotografi in azione sull’argine, venerdì mattina, per spiegare lo scampato pericolo. Foto di Bruno Lus. Ecco il link della trasmissione televisiva su cafe24 https://www.youtube.com/watch?v=8wd162VSczY

MALTEMPO – SPECIALE FIUME TAGLIAMENTO

www.youtube.com

Tagliamento 4, e la Regione..

AMBIENTE: SICUREZZA DEL TAGLIAMENTO, CONVENZIONE CON L’AUTORITÀ DI BACINO. – Trieste, 07 nov – Su proposta dell’assessore regionale all’Ambiente e all’Energia del Friuli Venezia Giulia Sara Vito, la Giunta regionale ha autorizzato la sottoscrizione di una Convenzione con l’Autorità di Bacino dei fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta-Bacchiglione per lo svolgimento di attività propedeutiche alla revisione del Piano per la sicurezza idraulica del medio e basso corso del Tagliamento, nonché per la predisposizione di un Piano di manutenzione del fiume.

Con questa Convenzione la Giunta regionale del FVG vuole dare un nuovo impulso per trovare delle soluzioni all’annoso problema della sicurezza idraulica del fiume Tagliamento, che ha visto negli anni passati avanzare diverse proposte, ma anche accendere un vivace dibattito tra favorevoli e contrari alle opere proposte.

Le attività previste dalla Convenzione dovranno essere svolte tenendo conto delle soluzioni formulate dal “Laboratorio Tagliamento”, commissione istituita nel 2010 per avanzare delle ipotesi alternative alla costruzione delle “casse di espansione” da realizzare tra la stretta di Pinzano e il ponte di Dignano, a suo tempo proposte per limitare la portata massima verso valle durante le piene del fiume.

Il Laboratorio Tagliamento – composto da rappresentanti delle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, da tutti gli Enti con competenza idraulica, dalle Università, comunità locali e associazioni ambientaliste – ha avanzato numerose proposte come, ad esempio, la realizzazione di interventi di rinforzo degli argini, di un canale scolmatore, di un’opera di laminazione delle piene; le conclusioni sono state oggetto di una presa d’atto della Giunta regionale (deliberazione n. 178 del 10 febbraio 2012).

La Convenzione, della durata di 18 mesi, prevede che l’Autorità di Bacino completi il quadro conoscitivo morfologico e idrodinamico del corso d’acqua, sviluppi un modello idrodinamico per verificare l’efficacia della opere proposte dal Laboratorio Tagliamento, e ne verifichi la fattibilità.

L’Autorità di Bacino dovrà, inoltre, realizzare una proposta di revisione del Piano per la sicurezza del Tagliamento e un Piano di manutenzione idraulica e di regolamentazione dell’asportazione dei materiali litoidi presenti in alveo o in golena.

ARC/Com/PPD

n.d.b.: …ancora studiare??? Ancora un modello??? (http://www.serteco.net/index.php/works/2013-06-13-15-02-52/tagliamento-river-latisana )   Non si è discusso e studiato abbastanza??  Sono nati comitati sulle cose più disparate, su questo tema chi lo cavalca, chi fa un comitato, vince le prossime elezioni amministrative.. fatevi avanti… io vi appoggio 101%

Domenica 9

Il 9 Novembre, ore 10:30 presso il Parco Gaspari di Latisana per poi proseguire, avrà luogo le celebrazioni della Festa dell’Unità e delle Forze Armate. In occasione del centenario della Grande Guerra, la nostra associazione musicale con l’importante collaborazione dell’amministrazione comunale di Latisana ed il gruppo Alpini locale, sarà presente musicalmente insieme al gruppo rievocatori storici. Durante la manifestazione, il corteo sarà preceduto nei monumenti ed in Chiesa, da un plotone in divisa storica raffiguranti i reggimenti austro – ungarici ed italiani durante la guerra. L’iniziativa di rappresentare attraverso le divise storiche sia i soldati friulani appartenenti all’Impero Austro – Ungarico, sia i soldati italiani con equipaggiamento bellico completo, vuole interpretare un gesto di pace tra due popoli della stressa regione storicamente divisi solo sulla carta geografica. Al termine della cerimonia presso le scuole elementari, sarà possibile per chi desidera avvicinare i soldati i quali saranno a disposizione per illustrarvi l’equipaggiamento ed soddisfare ogni curiosità.

Sbloccati fondi

LAVORI PUBBLICI: SBLOCCATI FONDI PER 29 OPERE PUBBLICHE, CANTIERI PER 14 MILIONI DI EURO. Santoro: una risposta concreta agli Enti locali per superare il Patto di stabilità. Trieste, 07 nov – Nel 2015 gli Enti locali potranno attivare cantieri per il valore di 14 milioni di euro. È il risultato della delibera approvata oggi dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, proposta dall’assessore ai Lavori pubblici Mariagrazia Santoro, che autorizza la conversione di contributi pluriennali concessi ed erogati per opere pubbliche attualmente “ferme” a causa del Patto di stabilità.

Il meccanismo di conversione consente agli Enti locali di destinare le annualità di contributi pluriennali già incassate e da incassarsi nel 2014 e 2015, concesse per un’opera che attualmente si trova in fase di “stallo”, alla realizzazione di un intervento diverso o più limitato di quello originario, che però possa essere concluso senza ricorrere a forme di indebitamento.

lavori

Parcheggio Rosa, riceviamo e pubblichiamo

Ecco come viene interpretato da qualcuno il parcheggio rosa dedicato a mamme di neonati e donne incinte, indicazione non obbligatoria ma come dice il cartello stesso, indice di civiltà. Rimarrà li per tutto San Martino?

parcherggio rosa 1

parcherggio rosa 2

n.d.b…………… a meno che non gli vengano le doglie…….  🙂 ( alle 18.30 era ancora lì..)

Tal Grim

Venerdì 14 novembre, inaugurazione della Comunità Educativa Diurna “Tal Grim”, Vicolo dei Brazzit a Ronchis. Alle 9.30 tavola rotonda e a seguire inaugurazione con rinfresco.

Turismo veneto

Portogruaro, 16.11.2014 giornata inaugurale del sistema integrato di mobilita’ turistica barca bici bus (bbb).   Il sistema è finalizzato ad effettuare visite turistiche nel territorio della Venezia Orientale, lungo i fiumi, utilizzando barche elettriche & bici, mentre i bus di ATVO cureranno il trasporto di turisti e visitatori dagli aeroporti e dalle stazioni ferroviarie.

Il sistema integrato di mobilità turistica consente di percorrere le vie navigabili del fiume Lemene e della Litoranea Veneta, interconnettendosi con i percorsi ciclabili del Giralivenza, Giratagliamento..

Presepi in cale

Ecco la proposta di Marano Lagunare

presepi in cale

.. e a Paperopoli, che si dice?

Sui giornali, in televisione, impazza la faccia e la voce del responsabile della Protezione Civile Rolando Bortoluzzi, intervistato da tutti con una visibilità mediatica da star……..

man-alone

Condividi il post!

PinIt

6 commenti su “Sabato: Scuola; turismo veneto; Sabato a Teatro; La Serracchiani non viene; Tal Grim; Tagliamento 1, 2, 3 e 4; Presepi in cale; parcheggio “rosa”; Paperopoli; sbloccati fondi; incidente a Ronchis; domenica 9”

  1. davide ha detto:

    #la serracchiani non viene
    …è dov’è la sorpresa? D’altronde il suo primo ruolo è un altro, no?
    http://www.youtube.com/watch?v=hOJTS7Bv_fs

  2. ALEX MARINO ha detto:

    Buon giorno amici Latisanesi,
    scrivo questo commento in qualità di Coordinatore Provinciale di Forza Italia Giovani per il Basso Friuli ed vice coordinatore locale della sezione giovanile latisanese, in merito alla lettera di Carlos Corvino. Devo dire di essere molto dispiaciuto in quanto la nostra sezione di Forza Italia Giovani non è stata neppure invitata al dibattito, sinceramente avremmo voluto esserci trattandosi di scuola ed essendo noi un movimento giovanile con molti aderenti ancora studenti liceali ed universitari. Per tanto è bene riflettere non solo su chi si invita ma anche chi non si invità. Speriamo nella prossima.
    Buona giornata.

    ALEX MARINO

  3. marco zanetti ha detto:

    Aspettavate la Serracchiani? a poverini…

  4. Paolo Miotto ha detto:

    Ma,i comunicati deve farli uno qualunque,non esiste una voce ufficiale dell regione,piuttosto che della provincia,per comunicare i fatti,o perlomeno,l’evoluzione della situazione?

  5. Edi ha detto:

    invito si…invito no….

    burocrazia anche per gli inviti ai dibattiti…

    e l’italia e il nostro paese vanno a mignotte…

  6. Ale ha detto:

    Ma come? non lo sapete che i parcheggi Rosa non sono per mamme con Bimbi o donne incinte??? Fosse solo quello! Anche al supermercato mi e’ capitato spesso e volentieri di vedere DONNE con evidente assenza di bimbi, passeggini, pancia e altro..parcheggiare li. Signore sui 30 anni….ragazze di 25 (circa) donne di 60! o lasciar la mamma/nonna/moglie in auto e andar dentro a fare la spesa…quando 2/3 parcheggi piu’ in la’ c’era il buco libero..e poi arriva la mamma…con bimbo di 4/5 anni iper attivo…ovetto alla mano con vitellino dentro…che deve parcheggiare nell’ultimo posto..o addirittura fuori dal supermercato…e quando esce ha carrello colmo bimbo iper attivo e ovetto… ma tanto…il parcheggio serve a chi non ha figli! Bello e’ statao vedere una NONNA in auto con seggiolino e adesivo di bimbo a bordo….senza bimbo..parcheggiare li e andar Via…non a far la spesa…via proprio! Evidentemente pensano che a esser maleducati campano di piu’!!!

I commenti sono disabilitati.