san martino, tra terra e mare lettera, messaggero top 5

Fiera di San Martino

Chiusa la parentesi di Settembre DOC, ora Latisana, Comune e Pro, pensano alla prossima manifestazione di San Martino. Sarà una Fiera a metà tra mercato, giostre e stand gastronomici, con l’angolo dedicato alla zucca e al vin novello e qualche altro piatto della tradizione. Visto nascere e visto morire l’itinerario gastronomico, che in origina era nato più come promozionale e che invece era stato poi trasformato dagli esercenti in momento anche economico, ci permettiamo di suggerire una cosa peraltro già suggerita per il Settembre: la Enoteca della Bassa friulana. Uno stand elegante, bello, ospitale, con sommelier ed hostess, magari con i titolari di aziende, e con una vetrina di tutte le cantine della zona, da San Michele a Cervignano e su fino a Mortegliano e Codroipo, volendo. Per rendere l’idea basterebbe andare a vedere le foto della Cantina di Bertiolo, posto stupendo e esposizione straordinaria: bella, curata e di pregio. Ecco a Latisana sarebbe bello riuscire a fare una cosa simile, di classe ed esteticamente super; il posto perfetto sarebbe il Palazzo Morossi, ma qualunque altra scelta andrebbe bene. Speriamo.

Tra Terra e Mare. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Caro Bacucco, qualche giorno fa hai pubblicato lo schema del Bilancio Preventivo del Festival “Tra Terra e Mare”. Io come appassionata di teatro, latisanese e contribuente friulana ho postato sul mio profilo facebook parte dell’immagine da te pubblicata su latisana.it e ho lanciato una richiesta di informazioni circa il consuntivo della manifestazione. Richiesta notata dall’Associazione I Lunatici. Ad una richiesta “pubblica”, anche se il mio profilo facebook non è pubblico ed è visionabile solo dai miei “amici”, mi è stata inviata una lunga e poco cortese lettera personale di cui riporto i punti salienti e che esordisce così:  — segue  — clicca  –segue–“Gentile Signora, Non conosciamo la sua professione. Non siamo informati sulla sua competenza in campo organizzativo. In qualsiasi caso ci sembra alquanto superficiale e fuori luogo giudicare il lavoro altrui senza conoscere a fondo lo stato effettivo dei fatti.

Da quanto risulta sul suo profilo apprendiamo che ha studiato scienze dello spettacolo.

Bene ci sembra ancora più grave il suo attacco. […]

Ci chiediamo come faccia, non avendo letto il progetto, a sostenere quello che sostiene.”

 

Come puoi vedere dallo screenshot della mia pagina facebook che ti allego qui sopra, non mi pareva di aver attaccato nessuno, ma solo di voler leggere il consuntivo finale della manifestazione.

Ho forse espresso un giudizio in questo frangente? Ho solo sostenuto che, facendo un “2+2” tra quello che ho visto realizzato nei sei comuni ed il bilancio preventivo della manifestazione, il tutto poteva essere realizzato con i contributi che poi effettivamente sono stati stanziati, e cioè i famosi  70.000 euro regionali (a cui, non dimentichiamolo, vanno aggiunti anche quelli degli sponsor e dei comuni, la cui entità effettiva non è data sapersi). E poi, la mia richiesta è proprio quella di “conoscere a fondo lo stato effettivo dei fatti”.

Il mio “attacco” quindi sarebbe più grave appunto perché ho studiato scienze dello spettacolo e quindi perché ho cognizione di causa? O perché facendo anche io parte dei “teatranti” dovrei farmi andare bene tutto per il bene dell’arte? Non avventuriamoci sul versante artistico della manifestazione perché non è di quello che si sta discutendo ora.

Interessante è anche il fatto che si sia andati a cercare di capire dal mio profilo facebook chi io sia, quale sia la mia professione e che cosa io abbia studiato.

Continua la mail de I Lunatici:

“Inoltre, dovrebbe sapere che la presentazione di un Bilancio Preventivo a un ente non prevede necessariamente l’attuazione in toto del progetto. E’ possibile che l’ente approvi solo una parte del progetto oppure che decida di stanziare una piccola parte del cifra richiesta.”

Quindi? Con questo cosa mi si sta cercando di giustificare? Che chiedo 150.000  euro perché so che poi me ne saranno dati solo una parte?

“Per quanto riguarda i Bilancio Consuntivo. La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia non mi risulta che abbia annoverato lei tra gli organi di controllo quindi dovrà avere pazienza e aspettare. Sicuramente avrà possibilità nei prossimi mesi di richiedere il Bilancio Consuntivo e confrontarlo con i suoi calcoli e sincerarsi se è tutto in ordine.”

Non mi attribuisco compiti che non mi spettano, non sono un organo di controllo e per questo c’è la regione FVG la quale, sono sicura, svolge più che egregiamente i suoi compiti di controllo, ma come cittadina contribuente vorrei sapere come vengono spesi i soldi pubblici, i nostri soldi. Aspettare, aspetterò. Ma mi pare di non essere l’unica a chiedere un po’ di chiarezza nei conti dei fondi pubblici. Su questo stesso blog c’è chi chiede riscontri circa il Settembre Doc, sul compenso di Finardi eccetera. E non mi pare che, di questi tempi, dove le famiglie fanno fatica a pagare le rette della mensa o degli scuolabus, sia una cosa scandalosa chiedere e chiedersi di ragionare facendo attenzione anche alle piccole spese. Non voglio essere fraintesa: la cultura deve essere portata  sugli scudi, specialmente in un periodo come questo. La cultura può muovere l’economia, la cultura può portare turismo, la cultura può portare lavoro. Quindi chiedo: quali sono state le ricadute locali dell’intera operazione? I fondi investiti quanti introiti hanno portato alla bassa friulana?

La mail si conclude così:

“Crediamo che il suo attacco faccia parte di un malcostume dilagante, qualunquista e ignorante che si arroga il diritto di insultare e puntare il dito verso chiunque piuttosto di far sentire il suo belato beota.

Sicuramente non le fa onore.

Cordiali saluti.

Ufficio Stampa I LUNATICI”.

Beh, alla fine di tutto, mi pare un modo davvero elegante per congedarsi, con delle simpatiche insinuazioni e delle velate offese, fatte tra l’altro senza metterci la faccia, senza firmare con nome e cognome. Mi scapperebbe da dire in stile ………., pssst, meglio tacere. In fondo non riesco nemmeno a capire come mai tra i 1464 “amici facebook” di Tra Terra e Mare proprio il mio post sia stato notato, non avendolo inviato a nessuno, ma solo postato sulla mia bacheca. Forse perché io ci ho messo la faccia? E come mai mi è stato risposto da I Lunatici (attraverso il profilo di Tra Terra e Mare) che non dovrebbero avere accesso alla mia pagina, non essendo io loro amica o follower e non direttamente da Tra Terra e Mare?

Beh, caro bacucco, se questa è stata la risposta de I Lunatici ad un mio post personale su facebook non oso immaginare quali riscontri possano aver dato a te che hai fatto un ragionamento molto più ampio sulla questione e che hai pubblicato i preventivi. Oppure no…?

Cristina Camilla Corazza.

Messaggero’s Top Five

top five messaggero latisana

Rubrica settimanale delle migliori notizie della stampa locale, dall’8 al 14 settembre 2013

1° posto: Settembre Doc

Domenica sul Messaggero annuncio del programma della domenica  e cronaca della sfilata di moda del sabato.

2° posto: Piazza a Pertegada

Ridimensionato l’intervento della Piazza di Pertegada; dalle cifre imponenti iniziali si è passati a 400.000 euro per acquisizioni e demolizioni dell’ ex cinema e sistemazione parziale della zona a ridosso dell’area festeggiamenti. Leggiamo tutto questo, e della convocazione del consiglio comunale per il 26, sul Messaggero di martedì.

3° posto: Allagamenti

Sul Messaggero di mercoledì qualche piccola notizia sugli allagamenti di martedì sera; poche notizie vista l’ora tarda. Giovedì nelle pagine del Mess dedicate al maltempo in Regione, troviamo anche Latisana, con l’elenco delle zone colpite e l’intervento della protezione civile e dei vigili del fuoco; molta acqua, ma molta meno che nel 2007. Anche San Michele c’è, con una donna di Latisana soccorsa nel sottopasso vicino alla Casa di Riposo. Giovedì sul Gazzettino  articolo diversa dall’edizione veneta; qui il protagonista p Rolando Bortoluzzi della Protezione Civile, in quello veneto invece Sindaco e Assessore; la cosa non cambia con la disamina delle “bombe d’acqua” e la richiesta alla Regione di interventi per risolvere il problema. Mica si capisce sto Comune: dice di avere i soldi per l’ex Caserma, per la Città della Salute, per la Piazza ecc ecc  e poi chiede i soldi alla Regione per le sistemazioni idrauliche.  Sono anni che dicono le stesse cose. Venerdì il Sindaco scrive alla Regione, leggiamo sul Messaggero, per chiedere il completamento delle opere fognarie, per impedire una volta per tutte il ripetersi degli allagamenti, che colpiscono le zone che hanno bisogno di interventi.

4° posto: Mensa

Giovedì sul Mess l’appalto della mensa delle elementari da rifare; intanto si è andati a una proroga di due mesi del vecchio contratto. Sempre un “tacon” un questa amministrazione, sempre un “tacon”.

5° posto: nulla

6° Posto: Aprilia Marittima

Domenica sul Messaggero leggiamo dello spostamento all’interno delle fermate delle corriere e del fatto che la Provincia non conosce i progetti delle rotonde: poco male, speriamo le chiudano le Province. Giovedì in cronaca di Lignano sul Mess, l’intervento di Rodeano che rassicura sul completamento della parte amministrativa della pista ciclabile Aprilia Lignano: dovrebbe essere pronta a inizio anno. Venerdì sul Gazzettino articolo sulla stagione; l’esodo è stato scongiurato e la stagione tutto sommato è stata positiva, leggiamo c’è da affrontare la concorrenza della Croazia, ma l’articolo infonde ottimismo. Beati loro.

7° Posto: nulla

8° posto: Sport

Mercoledì troviamo la lettura della delibera che assegna gli impianti sportivi alle società che attualmente già li gestiscono: palazzetto, Pertegada e campo di calcio. Bene.

Non Classificate

Ci sono anche le notizie-che-non-ci-sono, ovvero quello che si poteva scrivere e non si è scritto, magari perché non sono notizie o non sono degne di nota o chissaché.

N.C. 1) Annunci

Venerdì sul Messaggero annunci della festa a Bevazzana e degli incontri sul benessere.

N.C. 2) Scazzottatura

Lunedì sul Messaggero un nome noto di San Michele – Latisana con il naso rotto durante un litigio. Vabbè.

N.P.  Il Bacucco lettore

Condividi il post!

PinIt