segnaletica, movimento 5 stelle, calice di stelle, numero unico, udc

Oggi ci diamo al latino: Melius abundare quam deficere…e…. Repetita juvant.

Ci riferiamo alla segnaletica stradale di Latisana. Iniziamo ri proponendo la questione del semaforo dell’incrocio di Pertegada, dubbio destinato a risolversi con la nuova rotonda, ma che è tuttora in piedi: il semaforo è posizionato “dopo” la strada per Precenicco. Si deve seguire lo stesso? O si può svoltare a destra?

Passiamo poi in Via Beorchia. Un lettore ci segnala un doppio cartello di cui non si vede la necessità; provenendo da Crosere c’è una biforcazione sulla destra, e correttamente c’è un cartello di divieto di accesso, essendo senso unico al contrario. Ma sul proseguimento della strada, leggera curva a sinistra, c’è un ulteriore cartello di divieto di accesso. Due cartelli, due strade, due divieti? Stiamo andando contro mano da una vita?

Infine ri proponiamo il segnale di Via Rocca, visto che dalla nostra prima segnalazione nulla è stato fatto. Alla fine della strada c’è sulla destra un cartello con le direzioni consentite, destra e sinistra e non dritti. Ma a sinistra, salita sull’argine, non si può andare perché c’è un divieto di transito. Quindi? Direzione consentita o no?

Dal Movimento 5 Stelle, riceviamo e volentieri pubblichiamo

Assessori incompetenti: mandiamoli a casa. Il Movimento 5 Stelle, cerca d’interpretare le istanze e i pensieri delle persone comuni, di chi lavora e paga le tasse, di chi ha rispetto per l’ambiente e per la libertà di tutti. Soprattutto di chi fa fatica ad arrivare a fine mese a causa delle grandi sciocchezze che i nostri politici da anni fanno sulle nostre teste e nelle nostre tasche. L’ultimo esempio di spreco di denari e d’incapacità di amministrare lo leggiamo, sul Messaggero Veneto, in cronaca di Latisana. C’è un assessore, non sappiamo con quali competenze, che si occupa di turismo e che organizza delle cose deliranti, che qualunque neofita di marketing turistico capirebbe, naturalmente, lo fa in modo pessimo, sprecando denaro pubblico, con esiti disastrosi. Leggiamo di una gita in barca, da Lignano a Latisana, con due-viaggiatori-due e la volta successiva zero-viaggiatori-zero. PAZZESCO!!!! Ma la cosa si spiega con la delirante scelta di far partire i turisti, ( che sono piu’ saggi e svegli di questo assessore), alle prime ore del pomeriggio, sotto il sole, per farli arrivare alle 16.00 a Latisana……….A fare cosa?? A girare il centro?? Con questo caldo?? In attesa d’improbabili feste la sera, per ore ed ore a camminare nel cemento??chiaro che nessuno partecipi, sono turisti, mica fessi!! Ma ci dicono che sempre lo stesso assessore, era stato protagonista, di un mega concorso musicale triveneto……….due-gruppi-due!! E, sempre lo stesso assessore a Latisana, ha organizzato delle serate a tema gastronomico, con la partecipazione di una-baracca-una!! E’ ora di smetterla di giocare con i soldi pubblici!! Il Movimento 5 Stelle, dice BASTA a queste disinvolte azioni di sperpero del denaro pubblico. Se uno, non sà fare l’assessore, deve andare a casa. PUNTO!! O lo manderemo noi!!!!M5S

Da sito del Perbenista, copiamo (noi lo avevamo scritto mercoledì sera…)

Se a Latisana non si riesce a tenere coperta l’iscrizione di un paio di massoni, figuriamoci quanto può durare la riservatezza di una cena fra i vertici del Pdl e quelli della Lega Nord. Il sindaco di Latisana, Salvatore Benigno, grazie ai saggi consigli dei fratelli Sette, ha compreso che i “cattolici” dell’Udc, quelli che fanno riferimento a Antonio Dalla Mora e Fabrizio Anzolini, non hanno nessuna intenzione di assistere al defenestramento dei propri consiglieri comunali a vantaggio del duo massone. Inoltre la vicinanza con il comune di Lignano Sabbiadoro e le prove di intesa nazionali fra Udc e Pd potrebbero convincere qualche centrista a cogliere l’occasione al volo per sfiduciare un sindaco nato subito con profonde lacerazioni interne ai partiti che lo sostengono. Parimenti, Maddalena Spagnolo, gnocca ed ambiziosa padana, fin dal giorno dopo delle elezioni ha immediatamente coltivato il sogno di entrare in giunta. Veniamo ai fatti: un paio di sere fa, a Latisana, si sono incontrati il capogruppo regionale del Pdl Daniele Collasso ( visto il crollo di preferenze preannunciato), il segretario regionale della Lega Nord Matteo Piasente, il sindaco di Latisana Salvatore (di nome ma non di fatto) Benigno e la sorridente Maddalena Spagnolo. Il disegno degli astuti politici, prevederebbe un ingresso in giunta della gnocca padana e il passaggio dei due “presunti massoni” dal partito scudocrociato a quello del Pdl, dove i cappucci sono molto più graditi.

Dal Movimento Turismo del Vino del F.V.G. riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Calici di Stelle 2012, un brindisi speciale durante le notti più stellate dell’anno. Appuntamento il 9 e 10 agosto a Grado e l’11 e 12 all’Abbazia di Rosazzo. Torna anche quest’anno l’atteso appuntamento con Calici di Stelle, l’evento organizzato dal Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia con la collaborazione delle Strade del Vino e Sapori Colli del Friuli e del Goriziano che permette di degustare, durante le notti più stellate dell’anno e in location d’eccezione, alcuni dei migliori vini del territorio. Gli appuntamenti con Calici di Stelle avranno luogo, in particolare, giovedì 9 e venerdì 10 agosto a Grado e sabato 11 e domenica 12 all’Abbazia di Rosazzo sempre dalle ore 19.30 alle 24.00. L’accesso alle degustazioni avviene previo acquisto di uno speciale kit al costo di 6€ che dà diritto a tre degustazioni ed è composto da un calice e dalla rispettiva sacca ed il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza.

L’evento, grazie al sostegno della Regione, Provincia di Udine e Cassa di Risparmio del FVG, promuove congiuntamente l’offerta enogastronomica e culturale del territorio coinvolgendo appassionati e turisti all’insegna del bere di qualità. Calici di Stelle a Grado – Giardino del Municipio, 9 e 10 agosto dalle 19.30 alle 24.00. Ricco di fascino il primo evento di Calici di Stelle 2012, realizzato in collaborazione con la Strada del Vino e Sapori del Goriziano: il 9 e 10 agosto, infatti, sarà l’affascinante centro storico di Grado ad ospitare alcuni tra i migliori produttori della regione. Saranno presenti alcuni produttori regionali che proporranno in degustazioni i loro vini a pochi metri dal mare e dalla spettacolare passeggiata di Riva Nazario Sauro. Nel corso della serata avranno luogo momenti di approfondimento sui vini in degustazione con il coinvolgimento diretto dei produttori che saranno a disposizione del pubblico per curiosità e domande sul patrimonio enologico e sul turismo enogastronomico del Friuli Venezia Giulia. L’intrattenimento musicale sarà affidato al trio di violinisti di origine slovacca Adventure Trio, nella serata del 9, ed al duo chitarra e voce Paris Chantant nella serata del 10. Calici di Stelle all’Abbazia di Rosazzo – 11 e 12 agosto dalle 19.30 alle 24.00 La millenaria Abbazia di Rosazzo, un gioiello circondato da vigneti e da cui si può godere di scenari spettacolari, sarà la location d’eccezione del secondo appuntamento di Calici di Stelle 2012, realizzato in collaborazione con la Strada del Vino e Sapori Colli del Friuli. Due le serate in programma, l’11 e 12 agosto, durante le quali sarà possibile degustare gli ottimi vini friulani immersi tra roseti, uliveti e vigneti. Il pubblico sarà accolto dai punti degustazione organizzati presso il chiostro e presso la terrazza panoramica, il tutto accompagnato da uno speciale intrattenimento musicale a cura del trio blues– rock The Blues Followers la prima sera e del gruppo Maropoli, il cui repertorio è composto da una mescolanza di suoni mediterranei, la seconda sera. Per informazioni:

Movimento Turismo del Vino

Numero Unico

E’ uscito il numero unico del foglio d’informazione politica a cura del gruppo consiliare del Centro Sinistra di Latisana; in sommario articoli sulle biomasse, referendum,  Lascito Toniatti, Laguna, Pertegada, tasse e bilancio, sicurezza idraulica, consigli in diretta e poi una nota culturale doppia, con brani sulla giovinezza e sulla musica.

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “segnaletica, movimento 5 stelle, calice di stelle, numero unico, udc”

  1. Luca C. 77 ha detto:

    Come sempre il mov 5 stelle critica e basta (e anche pesantemente) forse perché è la miglior cosa che gli riesce. E se la critica, come nella maggior parte dei casi, è ben accetta, di solito è seguita da una proposta o una soluzione… perché altrimenti è sempre troppo facile criticare e BASTA. Mai sentito da un m5s PROPORRE soluzioni, sempre e solo critiche, come se i piedi fossero poggiati su un palco – di cabaret. (il “lo manderemo noi – a casa” mi fa sorridere). Mi si dimostri il contrario cortesemente con i fatti, grazie.

  2. Paolo Miotto ha detto:

    Bacucco,te lo avevo detto che era una cosa spassosa!!!!!!!! In nessuna parte del mondo una persona sana di mente mette due divieti!!!!!!hahahahahah!!!!

  3. matteo ha detto:

    approposito del divieto di via Beorchia credo che sia sbagliato fino ad un certo punto, probabilmente il secondo divieto è stato messo per quelli che non vedono il primo, magari ci stava bene una freccia a sinistra, credo cmq che sia meglio un errore che non crea problemi che un automobilista che va contromano perchè il cartello di destra è troppo distante dalla carreggiata…

  4. il_bacucco ha detto:

    ricordiamo che i commenti devono pervenire da email vere; in caso contrario non verranno pubblicate (come quelle di e.dm.)

  5. piantone ha detto:

    Io presi la multa al semaforo di pertegada perchè girai verso precenicco con il rosso..

I commenti sono disabilitati.