Siamo un paese di ricchi

Al è mior fa invidie che no pietàt (E’ meglio fare invidia che pietà)

Siamo un paese di ricchi, non lo sapevate? Eppure è così, certificato nero su bianco dalla Regione e dall’Unione Europea che ha escluso Latisana dalla lista dei Comuni svantaggiati, con il risultato che il prossimo autunno, quando decollerà il nuovo sistema della benzina agevolata, i residenti di Latisana potranno avere uno sconto di 6 centesimi per il gasolio e 8 centesimi per la benzina, mentre i residenti nei comuni svantaggiati avranno 9 e 13 centesimi di sconto rispettivamente per benzina e gasolio.  Possiamo essere felici direi,


come dice il proverbio del titolo è meglio essere invidiati perché siamo ricchi, che compatiti come quei poveracci di Ronchis o di Precenicco. Del resto è facile capire il motivo: chi non si è accorto delle ville Hollywoodiane di Latisanotta e delle vicine bidonville di Ronchis? Chi non ha notato le auto di lusso parcheggiate a Paludo e le vecchie carrette subito dopo l’incrocio di Precenicco? Come non notare la ricca architettura delle case a Crosere e la miseria stabile dell’Isola Augusta? Latisana la ricca è attorniata da paese in via di sviluppo: Ronchis, Palazzolo dello Stella, Precenicco, Muzzana del Turgnano, Teor, Pocenia e Carlino sono nella fascia povera, “svantaggiata” appunto come li definisce la Regione, mentre da noi fabbriche e posti di lavoro, negozi e supermercati, banche e centro commerciali sono in ogni dove (effettivamente le banche si..). La scelta fatta dalla Regione (a guida di Centro Destra, come Latisana) forse ci penalizza, ma certifica che Paperon de Paperoni abita qui: nel prossimo programma elettorale suggeriamo un parcheggio riservato per Ferrari e Maserati, una stangata ai possessori di Aerei e Dirigibili e un aumento generalizzato delle tasse: gli “avvantaggiati” è giusto che paghino.

Il Bacucco

Condividi il post!

PinIt