Sosta, Tagliamento, Protezione Civile e Commercio

Latisana in breve

Occhio elle soste; occhio ai ticket che si devono pagare nelle piazze e sono aumentati i controlli, e occhio ai segnali per domani, giovedì, su Via Percoto e su Via Ristori, zona Stazione perché dalle 7.00 alle 13.00 si devono fare delle pulizie e c’è il divieto con rimozione.

La piazza perde un pezzo

La “Bottega Verde” che si trova oggi in Piazza Indipendenza 30, chiude e si sposta in Via Rocca 11, di fronte alla Scuola di Musica. Se consideriamo che è ancora chiuso l’ex Cigaina, i due ex Altan, che c’è una banca sempre al buio e ora un’altra vetrina che si spegne, si capisce sempre meno lo strano silenzio di Ascom e Comune sulla crisi del commercio latisanese. Francamente anche vedere quasi sempre chiuse le casette di legno posizionate per lo shopping natalizio,  è un altro sintomo di una crisi pesante.

Protezione Civile

Sulla stampa prima e sul nostro sito poi sono apparse notizie che pongono al centro dell’attenzione la Protezione Civile; noi a suo tempo avevamo parlato con 4 ex membri attivi del Gruppo di Latisana che però, pur confermando un certo malessere,  avevano glissato sulla possibilità di esporsi con dichiarazioni pubbliche  e mi avevano invitato a chiedere notizia ufficialmente. Cosa che abbiamo fatto il 21 novembre scorso, protocollando una richiesta di informazioni varie. Per sicurezza analoga domanda era stata fatta sempre ufficialmente alla sede regionale della P.C. di Palmanova. Sono trascorsi 30 giorni e nessuna risposta è arrivata. Forse il silenzio nasconde qualcosa, o forse non hanno tempo, impegnati a fare altro…. Vedremo se quando verrà discusso in Consiglio Comunale un improbabile OdG  le cose saranno più chiare.

Ancora Tagliamento

Diamo ancora qualche notizia sul Consiglio Comunale di lunedì sera, che aveva per oggetto la sicurezza del fiume Tagliamento e i lavori da effettuare a valle e a monte di Latisana. Tra le cose non dette dalla stampa ce ne sono un paio degne di nota. Primo: Gorgo è a rischio profondo perché gli argini sono deboli, perché ci sono degli avvallamenti e perché in genera la quota della somma dell’argine è più bassa rispetto alla struttura più verso Latisana e quella più verso Pertegada. Abitanti di Gorgo siete avvisati. Seconda cosa lo screzio: l’unico momento non unitario e di tensione è stato quando è arrivato in aula il capogruppo in Regione del Pdl Daniele Galasso; l’opposizione non voleva farlo parlare perché avrebbe voluto anche la presenza di un esponente della opposizione, per esempio Moretton o altri. Battibecco e poi il Sindaco ha deciso di farlo parlare ugualmente. In tre sono usciti dall’aula, ma gli altri son rimasti dentro. Brutta figura. Infine la interessante relazione del perito nominato dal Comune di Latisana all’interno della Commissione Laboratorio Tagliamento, l’ing. Mario Causero. Supportato dalle immagini, è stato chiaro ed esauriente nello spiegare le varie soluzioni scaturite dalla Commissione. Concreto e realista sulle due ipotesi possibili, la diga di Pinzano e il ponte diga di Dignano, ironico e sorridente sulle ipotesi della “galleria” d’acqua o dei canali che attraversano Ronchis e Latisana e sfociano nella Laguna di Marano o delle 30 sacche di acqua: “fantasiose” le ha definite….con scarso impatto idraulico.

Condividi il post!

PinIt