Un mercoledì da Bacucco: Latisana a Gorizia; stage a Bibione; Cividale e scuole; Paperopoli

Cividale del Friuli e scuole

Pubblichiamo un estratto del comunicato stampa del Comune di Cividale, affinché i latisanesi possano fare le loro valutazioni

Preaccoglienza

Per la preaccoglienza, si agevolano i genitori che lavorano e che hanno la necessità di portare a scuola i figli in anticipo rispetto all’apertura normale dei cancelli; il servizio costerà 50 euro all’anno per il primo figlio, 40 per il secondo figlio e sarà gratuito dal terzo figlio.

Trasporto scolastico giornaliero

Per accedere al servizio di trasporto scolastico giornaliero si pagherà, in un’unica soluzione, la rata annuale che per la scuola dell’infanzia va da 100 euro per il primo figlio a 55 euro per il secondo figlio, gratuito dal terzo. Per le primarie, invece, l’accesso al servizio costerà 90 euro all’anno per il primo figlio, 50 per il secondo e gratis dal terzo.

Refezione scolastica

Ecco i costi per usufruire della mensa scolastica durante un intero anno scolastico: per le scuole dell’infanzia si va da 61 euro per i residenti a 117 euro per i non residenti; alle scuole primarie con orario a tempo pieno i cividalesi pagheranno 67 euro e i non residenti 102 euro. Per tre rientri alla settimana le famiglie cividalesi pagheranno euro 38 euro/mese (50 per non residenti), mentre per due rientri settimanali il costo annuo è di 230 euro (340 per i non residenti). Le tariffe sono state calcolate comprendendo dei bonus assenze che per le scuole dell’infanzia equivalgono a 15 giorni, per le primarie e per la secondaria di primo grado a 5 giorni.

Stage a Bibione

Domenica 21 settembre a Bibione, stage di Close Combat e Defenze System; ecco la locandina

IMG-20140826-WA0000

Latisana a Gorizia

In occasione del 150° anniversario delle campane del Duomo di Gorizia, l’associazione campanari del goriziano in preparazione alla visita di Papa Francesco, ha organizzato un concerto di musica sacra dal titolo, “GLORIA IN EXCELSIS DEO” in collaborazione con l’orchestra a fiati San Paolino e del gruppo campanari di Lacovizza. L’evento si svolgerà Venerdì 5 settembre 2014, presso la Chiesa Cattedrale di Gorizia alle ore 20:45. Evento patrocinato dalla Parrocchia Santi Ilario e Tiziano di Gorizia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

gorizia san paolino

… e a Paperopoli, che si dice?

Bene la manifestazione “Calici di Stelle”, ora parte bene, anche se in ritardo, il Settembre DOC, con la novità dei “biaveri” gemellati con gli austriaci, l’apertura di un ristorante, un chiosco con birra artigianale, la diretta TV sia venerdì che sabato eccetera eccetera e naturalmente la conferma delle altre tradizioni che piacciono alla gente….. insomma speriamo bene

calimero bianco

Condividi il post!

PinIt

16 commenti su “Un mercoledì da Bacucco: Latisana a Gorizia; stage a Bibione; Cividale e scuole; Paperopoli”

  1. maverick ha detto:

    ….bene???…. un’evento nell’arco di una stagione estiva, e, un Settembre DOC che si presenta decisamente sottotono…..con la chiusura affidata ad una cover-band….(le cover meglio farle suonare dai musicisti della scuola comunale di musica)….non male come attrattiva turistica per un paese che ambisce ad essere comune “turistico”……..diciamo che le “Frazioni”, si confermano di vitale importanza per la Manifestazione del capoluogo….definiamola “Sagra delle Frazioni”……

  2. il_bacucco ha detto:

    magari ci fosse il Palio delle frazioni…

  3. Morgan ha detto:

    Caro/a Maverick… Dire che i The Panicles sono una cover band significa davvero avere poca e gravemente scarsa conoscenza musicale …questo gruppo non solo vive di musica propia ma vanta addirittura una collaborazione con etichette del calibro di EMI , Virgin , e universal…. Quindi il tuo commento è oltremodo inappropriato .. Finalmente a Latisana potrà esibirsi un’artista giovane e di un certa importanza
    Grazie e aggiornati

  4. Mario pradis ha detto:

    i Panicles una “cover” band ..non ho parole.. commento completamente fuori luogo io li ho sentiti al collisioni festival.. sono davvero forti e il loro cd mi accompagna in macchina ogni giorno
    maverick commento fuori luogo ed errato.

  5. Biavero ha detto:

    Prima di diventare comune turistico, bisognerebbe diventare “comune”…. Siamo nel 2014 e se ci sono ancora persone che snobbano le frazioni, non serve chiedere poi xke Latisana si sta spegnendo piano piano…

  6. PIRATA ha detto:

    leggo attentamente i problemi legati al traffico nei fine settimana e non solo a Latisana, sicuramente la colpa è del forte traffico nei fine settimana dovuto alle partenze e agli arrivi dei turisti delle due spiaggie limitrofe al comune sopra elencato, ma dobbiamo ricordare il grave errore commesso dall’amministrazione comunale che invece di allargare la strada sotto la ferrovia ha preferito fare un buco che pone anche poi problemi ai portatori di handicap con un bel palo di illuminazione sul marciapiede dove le carrozzine non passano e non ancora rimosso; poi c’è il semaforo utilissimo per giorni normali ma un disastro nei giorni sopra elencati e anche in giorni di mercato, o con incidenti in autostrada etc.Bene allora propongo una raccolta di firme via e-mail in questo sito per chiedere che i vigili siano presenti nei giorni di difficoltà a dirigere il traffico . Con la speranza che questo invito sia recepito dalla popolazione che le firme siano numerose per dare al primo cittadino la forza di fare un ordinanza e cosi riusciamo a capire se manca la volontà o non si può far uscire i vigili per eseguire questo servizio. pitacco pietro

  7. il_bacucco ha detto:

    @ pirata: grazie del coinvolgimento: basterebbero dei commenti qui sotto, meglio se con nome e cognome.

  8. Marta ha detto:

    Sto dalla parte del Pirata, signor Pitacco. I vigili a Latisana sembrano dediti solo alle multe per disco orario scaduto (ai residenti…), dunque il loro lavoro è quello di rendere difficile la vita degli automobilisti a Latisana e non di agevolarla. Eppure sono coordinati da qualcuno che è profumatamente pagato per organizzare e risolvere i problemi dovuti al traffico. Sono presenti quando non servono, quando servono non ci sono. Mercoledì di mercato? “foresti” che parcheggiano sui marciapiedi alla faccia degli invalidi sulla sedia a rotelle o di quelli col bastone che vi devono zigzagare e chiedere aiuto ai passanti per finire a transitare nel mezzo della strada, cosa sgradevole e molto pericolosa anche semplicemente per le mamme con la carrozzina (che parolacce sono “mamme” e “bambini” in questo comune, perfino le befane ci avevano boicottato!), ma nessun vigile che metta loro una multa o faccia arrivare il carro attrezzi per la rimozione! Una volta girava un cane che entrava nell’androne del mio palazzo, i vigili a cui ci siamo rivolti ci hanno detto di richiamare il lunedì (era sabato…) e dunque di tenere il cane ( e se fosse stato malato o aggressivo?) in appartamento per tutto il fine settimana, alla fine ci siamo organizzati tra noi vicini…. Vorrei sapere chi è che coordina così tanto utile lavoro! Penso che il Pirata purtroppo avrà solo una risposta negativa, il Comune manda i vigili laddove ci siano soldi da scroccare (ai residenti) e non a dirigere il traffico, risponderà che il lavoro svolto è ottimale (nonostante i visibili risultati) e che manca il personale qualificato da assumere in caso di bisogno (con tutti i laureati disoccupati che ci sono in giro… o forse il comandante ha paura che qualche giovane più preparato gli freghi la poltrona?). Mah!

  9. denis ha detto:

    Purtroppo un comandante più giovane e attivo c’era ma è scappato a Lignano, mi sa che se questo lo hanno richiamato credo che ce lo terremo fino alla pensione

  10. gedeone ha detto:

    Caro Bacucco, come sempre e lecitamente cerchi di stimolare gli animi dei Latisanesi, magari creando un sano antagonismo, come nel caso di Marco Zanelli e dei “BIAVERI” di Latisanotta.
    Personalmente credo che quando affermato da Zanelli sia sicuramente almeno in parte condivisibile. Indubbiamente l’idea di “CHE DE LA FOGHERA” di organizzare un evento insieme ai gemelli di Raichenau è senz’altro azzeccata, ma non si può negare che aver inserito questa manifestazione all’interno del “SETTEMBRE LATISANESE” (non capisco perché abbiano storpiato il nome sostituendo Latisanese con un inflazionato doc), vuol dire organizzare una festa nella festa.
    Oltretutto il Parco Gaspari in questi ultimi dieci anni è stato interdetto al posizionamento di chioschi e strutture al suo interno per non rovinare l’ambiente, almeno queste sono state le giustificazioni.
    Oggi viene concesso di posizionare un tendone, cambiare idea va anche bene, quello che non va bene è che si è fatto tutto di “scundion” fino a pochi giorni fa nessuno, a parte gli interessati, sapeva nulla.
    Forse sarebbe stato meglio, visto che l’idea è comunque valida, organizzare una nuova manifestazione magari coinvolgendo tutte le associazioni presenti nel territorio realizzando, come da te auspicato, proprio il “PALIO LATISANESE” (tra maggio e giugno), con ospiti gli amici Austriaci.
    Organizzare una festa nella festa non va bene, porta inevitabilmente a discapito della peculiarità di una delle due, come era successo con “CALICI DI STELLE”, oscurata dal più ridondante “FESTIVAL DELLE ARTI DI STRADA”, come potrebbe accadere per il Settembre Latisanese che era nato come festa dell’agricoltura poi diventato una vetrina di prodotti enogastronomici lacali e adesso riscia di diventare la festa della birra.
    Di tutto ciò sembra che l’attualeAssessore alle attività Produttive e Turismo, a differenza del suo predecessore, se ne fosse accorto, considerato che ha coordinato bene “Calici di Stelle”, ma forse il tutto è stato solo pura coincidenza dovuta al mancato lauto finanziamento della Regione, che ha fatto si che il costoso “Festival delle Arti di Strada” non venisse più realizzato.
    Comunque un augurio a tutti per un grande successo del “SETTEMBRE LATISANESE”.
    Viva Latisana.

  11. il_bacucco ha detto:

    @ gedeone: io sono per utilizare ( e poi sistemare) il parco e per il Palio… ben vengano idee, meglio se alla luce del sole.

  12. maverick ha detto:

    @suvvia ragazzi……dopo Elio e le Storie Tese, Anna Oxa, Enrico Ruggeri, gli Stadio, Roberto Vecchioni, Giuliano Palma & the Bluebeaters, Roy Paci, Eugenio Finardi…….arriviamo ai The Panicles, non metto in dubbio le loro qualità artistiche, e , non discuto neanche le vostre scelte e il vostro gradimento musicale………ma è bello ciò che piace…..e documentandomi sulla rock band…..insomma…..giorno 29 agosto possiamo sentirli alla SAGRA di Gruaro comune di 2800 anime….il problema vero è che il settembre doc è diventato un contenitore di poche cose e messe alla rinfusa……ovvio si tratta di una considerazione personale, e, come tale accettatela………Grazie

  13. Paolo Miotto ha detto:

    Dato che nessuno ne ha parlato mai quest’estate,vorrei sapere la situazione in cui si trova il Parco dei pappagalli.Grazie

  14. teresa ha detto:

    Paolo Miotto, ho chiesto la stessa cosa anch’io , anche in altro sito, ma nessuna risposta. Se vai in passeggiata verso l’argine ti troverai proprio sul retro delle gabbie che li ospitavano e a parte l’erba alba ,che ti impedirà di vedere all’interno, potrai sentirli. Non capisco in quali “vesti” si trovino li, se da mostra o ospiti ….
    Bacuco tu che tutto sai che ci dici ?

  15. il_bacucco ha detto:

    pappagalli: che io sappia era andato in fallimento la proprietà, ma i pappagalli erano dell’ex gestore, suoi insomma. il parco, come struttura, è chiuso da oltre un anno e, sempre che io sappia, il proprietario cura le povere bestiole, almeno così molti mesi fa mi avevano assicurato in comune. comunque colgo l’occasione per riproporre la questione pubblicamente. grazie

  16. Paolo Miotto ha detto:

    Grazie Teresa e Bacucco!!!!

I commenti sono disabilitati.