ute, marcia lungo il tagliamento, don chisciotte, catalano, disco fm4

Domenica 2 giugno la Marcia lungo il Tagliamento, ecco la locandina

marcia tagliamento

Giovedì 9 maggio 2013, alle  20.30 presentazione del disco  — segue  — clicca  —fm quartet

Presso la Galleria d’Arte “la Cantina” – Concerto di presentazione del disco “Dune” in uscita per l’etichetta “Ultra Sound Records” in collaborazione con “arTisana Associazione Culturale”, “Scuola Comunale di Musica di Latisana” e “ProLoco Latisana”. Con: Francesco Minutello – tromba, flicorno, live electronics; Gianpaolo Rinaldi – pianoforte, rhodes, Alessandro Mansutti – batteria, Alessandro Turchet – basso elettrico, contrabbasso, feat. Attilio Pisarri – chitarra elettrica. Ecco la locandina

Dal 6 al 10 maggio al Polifunzionale

Mostra delle opere artigianali dell’Università della Terza Età; ecco la locandina

terza eta

Il Bacucco deluso, il Bacucco convinto

don chisciotte

Sono fortemente deluso eppure sono altresì fortemente convinti che la battaglia è (era) giusta. Nessun commento e nessuna presa di posizione su quanto scritto contro i videopoker e a sostegno di quella iniziativa dei sindaci che vogliono avere la possibilità di regolamentare a livello comunale, la proliferazione delle odiose macchinette mangiasoldi. Eppure sono convinto di aver sollecitato sindaco e politici a una battaglia giusta, ma che, se non sentita dalla gente, è inutile che mi carichi sulle spalle come un Don Chisciotte. Tra l’altro mi manca anche un buon Sancho Panza. Eppure, a parte l’indagine del TG7, anche in regione, a Trieste il problema è sentito. Un consigliere comunale ha prodotto una mozione da portare in consiglio comunale che tende, appunto, a regolamentare le nuove sale giochi e le nuove installazioni, oggi preda dello Stato (e della criminalità organizzata). Certo Trieste è Trieste e Latisana è Latisana, ma per una volta che potevamo essere primi in regione….

Morto Massimo Catalano

Per i giovani è un signor “nessuno”, ma per quelli come me cresciuti a pane e Carosello, a sberle e Cacao Meravigliaio, Catalano è un’icona scolpita nella memoria. La sua partecipazione a “Quelli della notte” rappresentava un momento di sana pazzia e di ironico qualunquismo. Lo ricordiamo così:

“È molto meglio essere giovani, belli, ricchi e in buona salute, piuttosto che essere vecchi, brutti, poveri e malati”. Oppure: “È meglio lavorare poco e fare tante vacanze, piuttosto che lavorare molto e fare poche vacanze”…..

Come dargli torto?

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “ute, marcia lungo il tagliamento, don chisciotte, catalano, disco fm4”

  1. Maurizio ha detto:

    Bacucco, hai perfettamente ragione ma purtroppo fa parte di quelle patologie che finché non ci toccano personalmente o la cerchia familiare, troviamo più comodo girarsi dall’altra parte. E anche una volta toccati, si tende, per la vergogna, a negare e nascondere. E’ da questa miscela di qualunquismo e pudore che nasce anche la tua delusione. Ancor più meritevoli pertanto, queste campagne di sensibilizzazione che nonostante l’impressione di seminare al vento, c’è la certezza di qualcuno che raccoglierà perché, come diceva quel tale, le vie del signore sono infinite…

  2. Laura Parise ha detto:

    Bacucco, non credo di possedere i requisiti per diventare un buon Sancho Panza ma l’iniziativa contro i video poker mi trova d’accordo. Ce ne vorrebbero a Latisana dii ‘bacucchi’ come te…

  3. valerio ha detto:

    La Zelkova, la cui scomparsa sembra ormai assorbita e assopita e quasi ormai dimenticata, per fortuna rivive nel simbolo dell’Athletic Club Apicilia promotore della 13^ Marcia lungo il Tagliamento. Auguri!

  4. Laura Parise ha detto:

    Maurizio, è importante che tutti noi comprendiamo l’importanza della prevenzione, soprattutto in patologie dalle quali è poi difficile uscire.
    Cosa si può fare per sollevare l’attenzione della nostra amministrazione comunale su questo problema?

  5. davide ha detto:

    Sono ovviamente d’accordo nello stigmatizzare la questione videopoker; è certamente da considerarsi una “buona battaglia” e come tale degna di essere sostenuta e combattuta in prima persona. Non credo che sia utile ridurre la questione ad una mera contrapposizione rispetto alla libera iniziativa imprenditoriale, bensì credo sia compito di ciascuno di noi, amministrazione in testa, informare: la conoscenza è l’unico strumento che abbiamo per discriminare il bene dal male. C’è un assessore con deleghe alle politiche sociali che dovrebbe prendere posizione su un argomento del genere, parlando a nome della giunta, ovviamente. E se questo sito non è giudicato sufficientemente autorevole per stimolare risposte ufficiali, allora i cittadini devono unirsi e chiedere conto di questo e di altro ai propri eletti; per fare questo non è strettamente necessario essere un “meetup”… anzi, a Latisana (e frazioni) negli anni sono nati decine di “gruppi di pensiero” che potremmo definire meetup ante-litteram… quindi ci si può riunire anche senza marchi preconfezionati…

I commenti sono disabilitati.