Venerdì: anagrafe; politica; Tagliamento

Da M.C. riceviamo e pubblichiamo

Buongiorno Bacucco, oggi (giovedì) sono stata in ufficio anagrafe per fare una carta d’identità a mio figlio per l’espatrio, ovviamente non sono riuscita a fare nulla perchè : non avevo il bambino con me (io devo portare mio figlio con me perchè lo devono vedere),quindi devo far perdere 3 ore come minimo di asilo a mio figlio visto che il comune apre alle 10,non solo mio marito è fuori casa dal lunedì al venerdì per lavoro e non può. Ovviamente l’ufficio anagrafe è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e il giovedi fino le 18.Mi chiedo e dico, ma come diavolo fa uno che lavora e per di più fuori casa???Dobbiamo perdere una giornata di lavoro, VISTO CHE CE N’E’ GIA’ TANTO??  Ma una volta non era aperto anche il sabato mattina per agevolare chi lavorava durante la settimana  ?AIUTIAMO I CITTADINI

Politica, da Corvino (Circolo PD)

Ciao a tutti. @Gianpaolo: credimi tu e tutti i partecipanti al M5S. Il tentativo del Circolo di Latisana è quello di DIALOGARE su temi e proposte per il comune PRIMA delle elezioni. E di farlo con tutti quelli che vogliono cambiare questo COMUNE: nei contenuti, nei programmi, nello stile di amministrazione e nel metodo. E ribadisco: nessuno di noi lo fa perchè vuole incarichi o vuole guadagnarci dalla politica. Se vuoi ti racconto chi sono e cosa ho fatto nella vita, e di ognuno dei miei iscritti posso farlo. Non scimmiotto Renzi e il suo stile, soprattutto a livello locale, piuttosto mi pare che il M5S locale ha già deciso che certe persone, come me, sono “uguali ad altri” solo per appartenenza politica. Anche io ho visto lo streaming, sia quello con Bersani sia quello con Renzi. Nel primo caso mi è parso che Bersani non volesse dialogare, ma nel secondo l’atteggiamento di Grillo mi sembrò davvero presuntuoso e arrogante, non ha dato alcuna possibilità al dialogo. Non capisco perchè mettete pregiudiziali “per partito preso”.

Tagliamento

FIUME TAGLIAMENTO IL SINDACO CODOGNOTTO A ROMA

Per la seconda volta in 20 giorni, il Sindaco di San Michele al Tagliamento si è incontrato a Roma con la Struttura di Gestione del Rischio Idrogeologico istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.   Il tema è tra i più importanti che interessano la popolazione di San Michele al Tagliamento e Latisana: le piene del Tagliamento.  Questa volta, al tavolo, c’erano anche le Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, rappresentate dagli Assessori all’Ambiente Maurizio Conte e Sara Vito con i rispettivi Dirigenti tecnici.

Il Sindaco di San Michele ed il Vicesindaco di Latisana, Valvason Angelo, hanno illustrato la situazione dei Comuni a valle, spiegando che gli stessi hanno realizzato gran parte delle opere previste dal Piano Stralcio del Tagliamento, cosa che invece non è assolutamente avvenuta per i territori del medio e alto corso del fiume.  In particolare, le opere che dovevano laminare le piene – casse di espansione o altro – oggi sono solo sulla carta, anzi, proprio le casse di espansione sono state tolte dalla programmazione regionale del Friuli nonostante la stessa Regione abbia in bilancio da molti anni le risorse per realizzarne buona parte.

Il capo struttura, Erasmo D’Angelis, dopo aver ascoltato gli interventi, ha richiesto di avere, entro un tempo massimo di 3 mesi, una definitiva proposta progettuale condivisa dalle due Regioni e valutata dall’Autorità di Bacino.  “41.000.000 di Euro sono ancora da spendere sin dal 2001 – commenta il Sindaco Codognotto  – ossia, dal momento in cui una Legge dello Stato Italiano aveva stabilito, con il Piano Stralcio del Tagliamento, di impegnarli per mettere in sicurezza i territori. Tanti studi e ricerche per non giungere ad alcun risultato apprezzabile. Anzi, un risultato di sicuro c’è, ovvero che il mio Comune e quello di Latisana sono, dopo quasi 50 anni e due alluvioni nel ’65 e ’66, ancora sottoposti al rischio idraulico. Seguirò personalmente e costantemente ogni aspetto di tale importante problema facendo tutto quello che sarà necessario affinché i miei cittadini possano sentirsi sicuri nelle loro case anche quando è in arrivo una nuova piena e lo scirocco soffia forte.”

“Il prossimo appuntamento sarà ancora a Roma tra circa un mese per monitorare lo stato di avanzamento dei lavori. Una cosa è certa – continua il Sindaco Codognotto – Non sarà lasciato nulla di intentato e, a breve, illustrerò il tutto alla popolazione in un pubblico incontro.”

n.d.b. il gentile Sindaco di San Michele comprenderà che i latisanesi sono abituati agli impegni e alle promesse; speriamo sia la volta buona. (già detto altre volte….)

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “Venerdì: anagrafe; politica; Tagliamento”

  1. davide ha detto:

    Caro Carlos
    il dialogo sui singoli temi è ciò che il MoVimento auspica ad ogni livello e senza alcun preconcetto; il pd, quindi, non è un interlocutore privilegiato rispetto ad altri, perché una proposta di buon senso per tutti i cittadini può arrivare da chiunque… molti dimenticano che il MoVimento 5 Stelle non è né di destra né di sinistra, è oltre…

    Siamo certi che vorrai dar seguito ai tuoi buoni propositi e dimostrare la tua diversità rispetto al partito in cui militi venendoci a trovare ad uno dei nostri prossimi meetup, magari già sabato pomeriggio al nostro banchetto… la prima prova di dialogo, infatti, potrà essere il vostro contributo alla raccolta firme che stiamo operando per portare in discussione il progetto di legge regionale sul Reddito Minimo Garantito… non dovrebbe essere un problema per voi, dato che questo era un punto del programma della Serracchiani…

    Nell’attesa di dialogare con l’esterno, però, ti consigliamo di dialogare meglio al vostro interno, dato che diverse persone vicine al pd si rivolgono al nostro Meetup per ricevere quell’ascolto e supporto che evidentemente non trovano nel vostro partito…

    p.s.: grazie per avermi fatto rispolverare lo streaming delle consultazioni con Renzi… è una (amara) soddisfazione vedere come Grillo avesse capito già sette mesi fa di che pasta fosse fatto il tuo leader: “non sei credibile; dici una cosa e poi la smentisci il giorno dopo…”, parole che, seppur in ritardo, sono diventate l’articolo di fondo sul Corriere della Sera dell’altro giorno… basta aver pazienza…
    http://www.youtube.com/watch?v=4Sm6dF_moqc

  2. Luigi ha detto:

    Notizia freschissima, parco Gasperi a Latisana un uomo si è impiccato nei giochi dei bambini, in pieno giorno sotto gli occhi di tutti.
    Latisana sicura ,tutto sotto controllo.

  3. valerio ha detto:

    Dal Cocal lignanese leggo tra l’altro che Lignano aderisce al 4° Concorso di Organi Storici della Bassa friulana organizzato dal Comune di Muzzana del Turgnano per il costo di 2.500 euro.
    Mentre quello lignanese è un modernissimo strumento, Latisana (che non aderisce o non è stata interpellata) ne ha addirittura due e antichi: quello del Duomo (di Pietro Nacchini, 1756-58) e quello di Sabbionera (di Valentino Zanin, opus 6, 1841), seppur bisognoso di un restauro filologico.
    Così si valorizza il patrimonio culturale.

  4. Severino ha detto:

    Davide !!! Oltre…. ce solo l’ignoto. Se vi togliamo la prerogativa del Reddito Minimo Garantito…e di cittadinanza, nonché abrogazione di vitalizi… politicamente non vi resta più niente di cui parlare.

  5. il_bacucco ha detto:

    @ valerio….latisana no ga schei…… 🙂

I commenti sono disabilitati.