Venerdì: Operatori di Aprilia; immigrazione; Cori a Pertegada; Madonna a Pertegada; Paperopoli; Veneto e Friuli ( e PD); occhio alle truffe; PD; Movimento 5 Stelle; latisanese che merita…

Riceviamo e pubblichiamo

È successo a Pertegada che un uomo si sia spacciato per  volontario di “Una mano per vivere” e abbia chiesto una donazione a gente del posto.  L’Associazione comunica che NON CONTATTA NE PERSONALMENTE NE TELEFONICAMENTE LE PERSONE PER CHIEDERE SOLDI. Chiunque lo faccia è un truffatore che si approfitta del nome dell’associazione e della buona fede e generosità della gente.

Rassegna Corale

DSC_0044

Sabato 18 ottobre alle ore 20,30:  36^ RASSEGNA CORALE DI PERTEGADA presso la chiesa parrocchiale. Partecipano con il CORO DI PERTEGADA anche il Gruppo Corale “SAN GIORGIO” di S. Giorgio al Tagliamento e il Gruppo Corale “SOT EL AGNUL” di Galleriano di Lestizza.

da www.radiospazio103.it

Da Latisana all’Etiopia per aiutare chi ha bisogno versione testuale

È rientrata in Friuli per due settimane di relax, ma il 15 ottobre ripartirà per l’Africa. Monica Abriola, 29 anni, di Latisana è impegnata – in collaborazione con la Caritas di Udine – in un anno di volontariato sociale in Etiopia. Ascolta qui l’intervista. (vedi il sito)

monicaok

Madonna a Pertegada

DSCN7116

Mater Amabilis a Pertegada domenica 19 ottobre, con una serie di iniziative che vedete nella locandina.

Nautilia e Operatori di Aprilia

Si avvicina la 27° edizione di Nautilia, Mostra Mercato dell’imbarcazione Usata che si svolge nei giorni 18 e 19 e poi 24, 25 e 26 ottobre p.v. Manifestazione importante e che catalizza gli appassionati e gli operatori della nautica di tutta Europa, oltre che naturalmente quelli italiani e che verrà inaugurata sabato 18.00 alle 10.00. Oltre alle imbarcazioni in acqua e soprattutto quelle a terra, Nautilia si caratterizza per la presenza di una tendostruttura di oltre 400 metri quadrati che ospita 15 espositori facenti parte dell’Associazione Noi Operatori di Aprilia, una sorta di collettiva della Nautica, dell’elettronica, degli accessori e anche dei brocker; i due operativi di vertice dell’Associazione sono Mauro Lorenzo e Faggiani Susi. Si tratta di una iniziativa recente, che, grazie all’accoglienza e al luogo riparato, catalizza gli interessi di tutti quelli che arrivano nella località turistica che si affaccia sulla Laguna di Marano. L’apertura della rassegna espositiva va dalle 10.00 alle 18.00 e oltre agli stand c’è anche uno spazio centrale dove, domenica 26, si svolgerà un Convegno dal titolo “La Regia Marina Italiana nel 1° conflitto Mondiale” a cura di Enrico Cottigmoli. Latisana punta molto sul turismo, naturalistico, eno gastronomico ed ovviamente anche nautico e diportistico e gli Operatori di Aprilia, pur non essendo proprietari, sono quelli che più si danno da fare per sviluppare la località, con un occhio alle loro attività e uno alla difesa e promozione di tutta la zona. Operatori-animatori insomma, per contrastare quel certo distacco che penalizza da sempre questa località, così vicina e così lontana dalla Latisana del centro e ancora di più da Marano Lagunare, che ha molte struttura, che molto riceve e che praticamente nulla dà alla località. Le foto sono dell’edizione 2013

operatori 1

operatori 2

operatori 3

operatori 4

operatori 5

Movimento 5 Stelle

MEETUP BASSA FRIULANA OVEST, venerdì 10 ottobre 2014 20.45; Pub Dixie Via Sottopovolo, 36  —  ODG: – preparazione meetup di settimana prossima a Marano tema dragaggi – chiarimenti, strategie, programma di lavoro, lavoro di squadra, collaborazione di tutti in preparazione alle elezioni comunali nei paesi interessati -eventuali temi di discussi…

Da www.portogruaro.net; Veneto e Friuli

Ruba un paio di scarpe. Ad attenderlo in cassa i carabinieri   09-10-2014 – Portogruaro   Un ventenne moldavo, B.I. residente a Latisana, si è reso protagonista di un maldestro furto all’ipermercato Carrefour di Portogruaro. Dopo aver provato un paio di scarpe di una nota marca sportiva, e ritenendole di suo gusto, le ha indossate dirigendosi alle casse. Non prima, però, di aver nascosto le sue scarpe sotto un bancale della frutta. L’azione non è sfuggita  alle telecamere della videosorveglianza così, appena arrivato alle casse, c’erano già i carabinieri ad aspettarlo, allertati dagli addetti alla vigilanza. I militari hanno scoperto che nello zaino il giovane possedeva tre paia di calzini non pagati. Il valore della merce si aggira sui 100 euro. Tuttavia, trattandosi di furto aggravato, il moldavo è stato arrestato e questa mattina verrà processato con rito direttissimo davanti al Tribunale di Pordenone. Non è la prima volta che il giovane si è reso protagonista di tali episodi. Nell’estate del 2013 era stato arrestato, sempre per furto, presso il Carrefour di Portogruaro.

Sempre da www.portogruaro.net

L’intesa tra Veneto e Friuli per la tutela dei territori – 09-10-2014 – Cinto Caomaggiore: Venerdì 17 ottobre incontro-dibattito tra le due regioni organizzato dai Giovani Democratici del portogruarese  —  “Insieme, l’intesa tra Veneto e Friuli Venezia Giulia per tutelare gli interessi del territorio”. È questo il titolo dell’incontro organizzato dal gruppo Giovani Democratici del Portogruarese per venerdì 17 ottobre presso il Municipio di Cinto Caomaggiore. Lo scopo sarà quello di promuovere una conversazione e un dibattito tra le due Regioni per migliorare le intese tra i territori. All’evento interverranno Roger De Menech, segretario PD del Veneto, Antonella Grim, segretario PD del Friuli Venezia Giulia e Alessandro Coccolo, segretario Pd della zona del portogruarese. Saranno inoltre presenti i Sindaci delle realtà di confine, Alessandro Basso, segretario GD del Veneto, Luca Scrignaro, segretario GD del Friuli Venezia Giulia, e i segretari PD delle province di Venezia, Pordenone, Treviso, Udine e Belluno. A moderare l’incontro sarà Valerio Amilcare, segretario Giovani Democratici del Portogruarese.

n.d.b….  anche a Latisana ne facciamo di incontri così…eccerto….o per i bombardamenti del 1944, o per i quadretti dell’argine…..

Immigrazione e Latisana

Attiva e passiva e Latisana, nei commenti.

… e a Paperopoli, che si dice?

Come vedete nella locandina dedicata a “Mater Amabilis”, fatta con il Patrocinio del Comune di Latisana, non viene detto “DOVE” verrà fatta la festa; intuibile per i pertegadesi, ma difficile che uno di Ronchis o di San Michele sappia dove si trova la statua. C’è poi la vasta schiera del popolo “cence Diu e cence Madone..”  e a quelli magari dire dove, sarebbe stato utile. Nulla, si dà per scontato e non viene scritto dove la celebrazione verrà fatta.Forse quelli di Pertegada davvero pensano di essere al centro del  territorio comunale e magari si preparano alle prossime elezioni comunali….

Minnie-Mouse.pertegada capitale

Il consiglio comunale aveva prima approvato quelle ampie zone commerciali e turistiche che possiamo identificare come zona Coin e zona Casello Autostradale; zone autorizzate e mai decollate. Poi il Comune aveva deciso di revocare quei piani, perché appunto non erano mai partiti e aveva deciso di revocare le autorizzazioni; poi nell’ultimo consiglio comunale è stato deciso di sospendere la revoca……  Ecco una classica manovra del Comune di Latisana……….

retromarcia

COMUNICATO STAMPA CIRCOLO PD E CENTROSINISTRA LATISANA

“Comune Turistico: un’etichetta non basta”.   Il PD è soddisfatto che Latisana abbia ottenuto questo riconoscimento ma, visti i precedenti di questa Amministrazione, siamo perplessi sugli esiti questa novità possa riservare.

Il Sindaco ne ha motivato l’utilità accennando a temi che hanno poco a che fare con la cultura urbanistica del centro destra: eco-sostenibilità, basso consumo del suolo, piste ciclabili, valorizzazione del paesaggio e delle risorse agricole sono temi proposti dal centrosinistra nel programma elettorale. Oltretutto erano e sono anche questioni immediatamente affrontabili e, per avviarne la realizzazione, non c’era la necessità di alcun tipo di riconoscimento.

Ma abbiamo l’impressione che nella “visioni” del centrodestra latisanese, il riconoscimento della Regione, possa servire per spargere nuovi metricubi lungo l’asta del Tagliamento, per “gonfiare” il campo da Golf mai partito, oppure per un nuovo “villaggetto” nell’ansa verde del Tagliamento (case Tasca), e così via. Magari anche una variante per “recuperare” i volumi del parco dei pappagalli (sic!).

Visti i precedenti (Caserma Radaelli, Impianto a biomasse, Abitare possibile, cittadella della Salute, ecc.) c’è da temere che programmi così “splendidi” difficilmente potranno vedere la luce e potrebbero essere onerosi per la comunità.  Il rischio è quello già verificatosi con questa e le precedenti amministrazioni di generare solo ripetute varianti urbanistiche per assecondare le richieste dei privati, con il rischio per l’Amministrazione di imbarcarsi in vicende paradossali e confuse come le recenti revoche dei Piani attuativi testimoniano.

Se invece il riconoscimento di Comune Turistico servisse per favorire l’emergere di idee e proposte di sviluppo condivise con la  comunità e con i soggetti economici interessati, per poi tradurli in progetti di medio-lungo termine economicamente e ambientalmente sostenibili, che rendano il nostro territorio attraente per cittadini e visitatori, il PD si propone per dare un contributo di idee e dialogo per facilitarne la realizzazione.

Condividi il post!

PinIt

2 commenti su “Venerdì: Operatori di Aprilia; immigrazione; Cori a Pertegada; Madonna a Pertegada; Paperopoli; Veneto e Friuli ( e PD); occhio alle truffe; PD; Movimento 5 Stelle; latisanese che merita…”

  1. Ferruccio Casasola ha detto:

    Pensieri in libertà
    Ad un sindaco di centro destra è vietato parlare di eco-sostenibilità, basso consumo del suolo, piste ciclabili, valorizzazione del paesaggio e delle risorse agricole solo perché sono temi proposti dal centrosinistra nel proprio programma elettorale ? Dove sta scritto che uno non può esprimere le proprie idee perché qualcun altro le ha scritte prima di lui ? Questa è supponenza. Un pubblico amministratore non si può giudicare perché ha detto cose belle, ma perché ha fatto cose utili per i cittadini. Con ciò non voglio difendere un sindaco, che non ho votato, ma mi infastidiscono i preconcetti e retropensieri fondati sempre su una presunta supremazia intellettuale e morale di una parte.
    Anche i riferimenti a possibili incrementi di cubatura nella zona a sud del comune sembrano del tutto sfasati: nell’area ex Coin (ancora agricola) ci sono circa 280.000 mc disponibili ed altri 200.00 potenziali; i tre comparti di Aprilia, ancora inedificati, prevedono altri 200.000 mc (residenziali, commerciali e recettivi), senza contare la nuova zona di espansione a nord di Aprilia per attività produttive (e altro). Fate il contro e poi vedete se è possibile incrementare le volumetrie speculative.
    Certamente non si può non condividere il giudizio negativo sulle recenti amministrazioni che hanno visto “evaporare” uno dopo l’altro i megaprogetti (riproposti) in tutte le recenti elezioni amministrative (vinte) e sui quali Latisana si è addormentata per un ventennio; ora il risveglio è stato amaro, ma da qui non si può che ripartire.
    Ma ripartire non significa “giocare di rimessa”, il PD non può dire che : “Se invece il riconoscimento di Comune Turistico servisse per favorire l’emergere di idee e proposte di sviluppo condivise con la comunità e con i soggetti economici interessati, per poi tradurli in progetti di medio-lungo termine economicamente e ambientalmente sostenibili, che rendano il nostro territorio attraente per cittadini e visitatori, il PD si propone per dare un contributo di idee e dialogo per facilitarne la realizzazione”.
    Questa è aria fritta, vecchio politichese; quello che è attualmente il più importante partito a Roma, a Trieste e che anche a Latisana alle ultime elezioni ha raddoppiato i propri consensi ( a parametri equipollenti) non può dare un contributo, ma deve proposti come forza di governo, presentare progetti nuovi e realizzabili per cambiare il corso della storia anche nella piccola Latisana, tenendo conto che il forte incremento di consensi non è scaturito dai vecchi iscritti al partito (sempre meno), ma da un nuovo elettorato fluttuante, di area anche diversa dalla sinistra o centro sinistra tradizionali, ma che ha la speranza e la voglia di cambiare.
    Ferruccio Casasola

  2. Ferruccio Casasola ha detto:

    Una proposta concreta per Aprilia marittima. E’ stata recentemente realizzata la rotonda di Picchi, monca perché manca una bretella che colleghi la nuova zona di espansione a nord del centro nautico, pur prevista nello strumento urbanistico, ultima dimostrazione di incompetenza e di scarsa capacità di programmazione. Ora si prevede anche di realizzare un’altra rotonda prospiciente al viale principale di accesso, e speriamo che “un amico” non acquisti il ristorante (chiuso) della Fattoria centro, altrimenti a qualcuno potrebbe venire l’idea di farne una (magari piccolina) anche lì.
    Perché invece non si può pensare ad un accesso a tutta Aprilia dalla rotonda Picchi, così come è stato previsto nella parte ovest (accesso al centro allevamento cavalli ed alle future aree insediative della zona ex Coin solo da via Volton), con la realizzazione di carreggiate separate fino alla rotonda di Lignano ed eliminazione dei semafori e di tutti gli attraversamenti a raso sulla SS.354. Questo garantirebbe la sicurezza, maggior fluidità del traffico da e per Lignano, lascerebbe immutato l’effetto vetrina di Aprilia verso la SS.354 e si avrebbe finalmente un sistema viabilistico efficiente e degno di un paese civile. (se provate a percorrere una normale strada statale in Baviera, tutti gli accessi alle zone residenziali e produttive sono garantiti da bretelle di entrata/uscita, proprio come nelle autostrade).
    Non sono un ingegnere, ne’ un esperto in viabilità, ma perché non provarci, visto che in passato dei professionisti lo avevano ritenuto realizzabile?
    Ferruccio Casasola

I commenti sono disabilitati.