Venerdì: Paperopoli; Pertegada; Aprilia; Rotary e scuola; Gemona (per Iuretig); Precenicco; villa

Villa

Geometri e architetti e ingegneri vari, guardate la villa su www.lignano-sabbiadoro.it…….

Pertegada

Sistemate le barriere anti sosta e ripara bici in Pertegada, sulla 354, siamo in zona farmacia-pizzeria.

DSCN9797

DSCN9798

Aprilia Marittima

Funzionante la fontana di Aprilia Marittima; bene. Speriamo che piova per quel povero ulivo all’ingresso, bella pianta ma trattata maluccio….

DSCN9785

DSCN9783

Rotary arte e scuola

Rotary Club Lignano; relatori: “la scuola, considerazioni di un ex insegnante”; Renato Glerean: amore per l’insegnamento e l’arte. Relatore del caminetto di martedì 28 luglio 2015 è stato l’artista ed insegnante Renato Glerean. Nato a Latisana, ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Venezia e abita e ha lo studio a S. Michele al Tagliamento (VE). Per quanto la sua attività artistica sia stata prevalentemente pittorica, si è cimentato in numerosi altri ambiti artistici come la grafica, l’illustrazione, il design e la scultura. Tra le partecipazioni come illustratore conta una decina di pubblicazioni di carattere letterario e poetico. In ambito naturalistico ha pubblicato, in collaborazione col botanico prof. F. Sguazzin, il volume “ Orchidee d’Italia” e, con altri autori, uno studio sulla flora e fauna del Tagliamento. Nel 2005 ha pubblicato il libro “ Filastrocche per ogni età…. Da leggere insieme”, da lui scritto e illustrato, che prende ispirazione dai momenti della quotidianità attuale e li rapporta ad una quotidianità passata ( che nasce dal vissuto della sua infanzia) dal cui confronto scaturiscono riflessioni che affrontano il rapporto tra passato e presente avendo come perno valori e ritmi esistenziali. Per quanto riguarda la sua attività pittorica , le prime mostre risalgono agli anni settanta. Durante gli anni ’90 si dedica ad opere di grandi dimensioni come il murale della sede

degli alpini di S.Michele 2,00×12,00 m. la pala dell’Altare nella Chiesa Parrocchiale del capoluogo 2,00×3,00 m. Nella sua ricerca pittorica domina l’uomo, in una raffigurazione a-temporale, privo di una apparente collocazione storica per poterlo indagare nella sua dimensione più intima e primitiva, comunque rapportato alla propria realtà contingente. E’ una riflessione sull’individuo di fronte alle ineludibili responsabilità di ordine morale: sociali, culturali, ambientali e soprattutto esistenziali, così che emerga tutta la sua fragilità, ma anche la sua nobiltà morale. L’artista però ha parlato di scuola sostenendo che scuola è un concetto astratto e indica un universo complesso costituito da aree di livello (ma non di importanza) molto diverse tra loro e verticalmente correlate e complementari, che richiederebbero analisi e interventi separati. Glerean si occupa di quella dell’obbligo e in particolare quella che un tempo si chiamava “ scuola media”. Anche se l’analisi si limita a questo specifico ambito, le angolazioni da cui si può affrontare rimangono diverse. Si possono fare considerazioni di ordine politico e di conseguenza legislativo, o di ordine sociale; oppure entrare nella dimensione più pratica e quotidiana che riguarda la professionalità di chi vi opera e il riscontro su detto operato da parte dei fruitori finali, studenti e famiglie. Dall’insieme di queste valutazioni si desume il quadro culturale di un intero Paese, l’immagine dello Stato e un’idea delle sue prospettive future. Alla fine Glerean ha risposto alle numerose domande fatte dai soci.

.. e a Paperopoli, che si dice?

Il nuovo impianto microfonico della sala consiliare funziona da cani, ma è molto sensibile e permette di sentire cosa viene detto anche a microfono dell’interessato spento. Se andate a sentire e vedere la registrazione del consiglio di martedì, mentre il consigliere Claudio Serafini parla della penosa vicenda della multa falsa, alle ore 19.44 e 23 secondi si sente chiaramente il Sindaco Benigno rivolgersi verso il Vice Valvason e dirgli.. “ l’Uomo Nero..”. ……..

mike e salvo

Precenicco

MATER

MATER AMABILIS 2015 – Voci e Strumenti nei luoghi della devozione mariana. Lunedì 3 agosto 2015 alle ore 20.45 presso la Chiesetta della Beata Vergine della Neve nella frazione precenicchese di Titiano si avvierà la seconda edizione della rassegna “MATER AMABILIS – Voci e Strumenti nei luoghi della devozione mariana”, che già lo scorso anno ha riscosso successo e partecipazione anche presso i turisti delle vicine località balneari.

Nato dalla collaborazione tra le due amministrazioni locali di Precenicco e Palazzolo dello Stella assieme al quintetto d’ottoni della Banda S. Cecilia e al Coro Polifonico Antonio Foraboschi diretti rispettivamente dai maestri Gino Comisso e Roberto De Nicolò e con la collaborazione delle Pro Loco dei due comuni, il progetto mira a valorizzare e far conoscere i santuari mariani del territorio con la loro spiritualità, la loro storia e tradizione e le loro bellezze artistiche.

In MATER AMABILIS la fruizione della musica è intima, emozionale, carica di suggestioni. Il repertorio propone arrangiamenti di musica classica di ispirazione religiosa come pure canti della tradizione friulana e spirituals.

La rassegna si concluderà a settembre con il concerto presso la Chiesa della Beata Vergine del Suffragio di Palazzolo dello Stella in occasione della quinquennale celebrazione dell’omonima Madonna.

MATER AMABILIS è inoltre uno dei nutriti eventi che si inseriscono nella storica rassegna “Aghis e Storiis ator pa Basse” che coinvolge i cinque comuni di Carlino, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Precenicco e Pocenia.. ASSESSORATO ALLA CULTURA COMUNE DI PRECENICCO

Gemona del Friuli

gemona

Per Lauretta Iuretig e Piero De Marchi

Si è conclusa a Gemona del Friuli a metà giugno la 10. edizione di “Elementi Sotterranei”, il festival internazionale di street art organizzato dall’Associazione Bravi Ragazzi, che ha visto coinvolti 60 writers e street artists provenienti da tutto il mondo, che con la loro esplosione creativa hanno dipinto 2000 metri quadri di cemento per riqualificare e abbellire con le loro opere la città. I walls realizzati quest’anno vanno ad aggiungersi a quelli creati durante le scorse edizioni di “Elementi sotterranei” e Gemona sta così diventando un museo a cielo aperto dove poter ammirare vere e proprie opere d’arte contemporanea. Il 1. agosto dunque chi volesse saperne di più può prendere parte ad un interessante STREET ART TOUR, accompagnati dall’Associazione Bravi Ragazzi, che condurrà alla scoperta di forme d’arte alternative, nuove e cariche di energie e significati.

L’appuntamento è alle ore 17.00 in Piazzale Comelli (di fronte stazione FFSS) presso l’Infopoint a Gemona. La partecipazione è gratuita ma è gradita una prenotazione telefonica chiamando l’Ufficio IAT @GemonaTurismo tel. 0432 981441.

Condividi il post!

PinIt