Venerdì: Righe Blu; albericidio; NCD; senza parole

Senza parole

matitone rid

Righe blu

Il Gazzettino di oggi giovedì, edizione di Pordenone, riporta in prima pagina la sentenze del giudice di pace che annulla le multe fatte dal Comune per la sosta prolungata oltre l’orario del ticket. La questione è vecchia e già dibattuta, ma spesso le sentenze fanno giurisprudenza, o comunque ispirano altre sentenze. Sotto accusa l’applicazione dell’articolo 7 del Codice della Strada e in sostanza si applica il principio che l’auto non è in divieto di sosta, ma deve solo pagare la differenza tra quello pagato e l’effettivo tempo di sosta. Il giudice invita anche a introdurre un regolamento che aumenti il costo per l’orario sforato, ma ha annullato le sanzioni. Il problema si pone anche a Lignano, a Bibione e a Latisana. Il cittadino deve sapere quali norme vengono applicate e soprattutto la norma deve essere uguale, a Latisana, a Pordenone e a Lignano ovviamente. Occorre che i primi cittadini trovino un accordo per rendere uguale il trattamento per tutti gli automobilisti.

NCD

Il Nuovo Centro Destra, leggiamo sul Gazzettino, non voterà la sfiducia alla Governatrice Serracchiani per il caso Coop Ca. Del resto Alfano è vice di Renzi e Serracchiani è vice di Renzi nel PD. Avvicinamento in corso anche in Regione; e a Latisana? I “tre” NCD sono ancora nel Centro Destra? ….o si profila anche qui, in vista delle elezioni amministrative un inciucione?

Albericidio

Ogni volta che si tagliano alberi, si eliminano 10, 20 o 50 anni di storia verde; ogni volta sicuramente qualcuno ha un motivo che ritiene valido e ogni volta ci sono 1.000 motivi per pensare che si poteva evitare di tagliarli. L’ultimo “albericidio” è quello fatto alla Scuola Media di Latisana e l’albero, a vedere le foto, sembra sanissimo, di altissimo fusto e ornamentale. Ricordiamo scempi simili anche davanti all’Ospedale. Non sappiamo i motivi, che sicuramente verranno detti, ma sicuramente non si frena così la fuga verso le Medie di San Michele al Tagliamento. Ecco le foto di giovedì mattina.

DSCN8053

DSCN8054

DSCN8055

DSCN8056

DSCN8057

DSCN8058

Condividi il post!

PinIt

8 commenti su “Venerdì: Righe Blu; albericidio; NCD; senza parole”

  1. denis ha detto:

    Solo si taglia ma quanti sono i reimpianti. In piazza Matteotti nn ho visto nuovi alberi dopo i tagli. Forse era necessario o forse a qualcuno davano solo fastidio gli aghi, ma spero che nella prossima campagna elettorale qualcuno chieda quanti alberi hanno impiantato e hanno attechito a fronte di quelli abbattuti a latisana, Aprilia…..,,? Così misuriamo con i numeri la sensibilità verde di questa Amministrazione.

  2. Luigi ha detto:

    Penso che questa Amministrazione pensi poco AL VERDE e al rimpianto di altre piante.
    Vedi altre aiuole e altri spazi verdi.
    Che ce frega mica siamo comune TURISTICO!!!!!!!

  3. andrea ha detto:

    questa e proprio una vergogna di questo comune

  4. danilo bertoia ha detto:

    Per le multe sugli spazi blu, è meglio aspettare una sentenza definitiva. Quella del giudice Iervolino è di primo grado ed il comune di Pordenone ha già preannunciato appello.

  5. il_bacucco ha detto:

    @ danilo: …forse…ma il Ministero dei Trasporti dice la stessa cosa del giudice, e da tempo…… http://www.quifinanza.it/8462/soldi/sfori-tempo-negli-spazi-blu-multa-illegale-ora-si-puo-ricorrere.html

  6. danilo bertoia ha detto:

    Conosco il parere ministeriale, però è solo un parere e come tale non incide sulla norma. Infatti il parere “invita” a ricorrere ai giudici di pace…il ministro competente dovrebbe fare chiarezza ed all’occorrenza modificare il comma dell’articolo del codice della strada in modo che definitivamente comuni, forze dell’ordine e cittadini sappiano cosa fare.

  7. il_bacucco ha detto:

    @ multe: il vero problema è che i Sindaci, in generale, non pensano alle aspettative e volontà degli elettori cittadini, ma solo a fare cassa. Si inverte il rapporto: intanto tu paga e poi vediamo, mentre dovrebbe essere…a cavolo…allora NON pagare..poi vediamo… Poi perchè in Austria un Comune può fare un distributore di carburanti comunale e in Italia no? siamo in Europa solo quando si tratta di avere svantaggi?

I commenti sono disabilitati.