Venerdì: Ronchis al buio; cemento; Consiglio Comunale; Asparagorgo; Nostràn

Consiglio Comunale

Alle 17.30 di giovedì 26 marzo Consiglio Comunale con un solo punto all’ODG: piano di razionalizzazione delle società. Poi alle 18.00 quello con la Telesca.

Asparagorgo

asparagoisgo 1 maggio

Cemento

foto_foro_boario_da_google

Non solo Lascito Samueli edificabile, anche l’ex Foro Boario è pronto per avere un bel condominio, almeno a leggere l’articolo del Messaggero di giovedì. Pochi lo frequentano adesso, mentre una volta era luogo perfetto per giocare in tranquillità lontani dal traffico; andate a vederlo se volete, è un bel posto, verde e ombroso. Andate a vederlo, soprattutto mamme con bambini, prima che venga cementificato.

Ronchis al buio

Ci segnalano (grazie a S.B.) che nella notte tra mercoledì e giovedì, dalle 23.00 alle 0.30 mezza Ronchis è stata al buio, senza luce ( e senza temporale). Grazie.

Nostràn

Stiamo cercando agricoltori che fanno il vino in casa, come una volta: potete contattarci per favore?

Condividi il post!

PinIt

10 commenti su “Venerdì: Ronchis al buio; cemento; Consiglio Comunale; Asparagorgo; Nostràn”

  1. marco zanetti ha detto:

    Vino fatto come una volta? quindi velen?
    Te ne trovo quanto ne vuoi…

  2. marco zanetti ha detto:

    In mancanza d’altro siamo ai falsi e grotteschi miti,che tristezza…

  3. il_bacucco ha detto:

    @ marco: si grazie, vorrei parlare con chi lo produce, nomi e indirizzi, in privato ovviamente: il_bacucco@latisana.it

  4. Psycotica ha detto:

    No dai velen no…….solo solforosa a badilate e zucchero!!!!

  5. Adriano ha detto:

    Il Marco Zanetti penso non sappia nemmeno “COME” si faccia il Vino ma solo berlo …!
    Che nel passato si sia prodotto del Vino … non stabile … come oggi forse il Marco non sa che tanti anni fa quando lui era … Piccolo non so la sua età… c’era poca selezione di varietà, poca possibilità di lotta alle malattie e di conservazione del prodotto finito.
    Oggi al vino fatto in casa , magari Nostràn, si fa attenzione perché lo consumiamo in proprio. Sarebbe come avere l’ orto di casa e usare diserbanti in dose massiccia cosa abbiamo capito ?
    E’ bene che Marco legga e studi un po’ prima di sparare su cose che non sa !! E poi nessuno lo obbliga a berlo puo’ pero’ fare una cosa “intelligente” visto che …. ne trova quanto ne vuoi … giri per le piccole Cantine e assaggi e poi Spari la sua sentenza …. non lo farà ! è piu’ facile dire caxxate gratuite per partito preso e vivere nella Propria Tristezza :):)
    A presto.

  6. il_bacucco ha detto:

    @ adriano e marco: una battuta è una battuta, poi la tradizione e la cultura si evolvono; il vino, lo sappiamo tutti, nasce per diventare aceto, è la sua natura; rallentare questo processo, fermarlo anche, si chiama enologia. quello che noi vorremmo è che il Nostràn fosse la base per un vino bandiera del latisanese. Anche l’amarone una volta faceva la fioretta….. una volta appunto.

  7. Paolo Miotto ha detto:

    E grappa,niente??

  8. il_bacucco ha detto:

    @ paolo: grappa = penale…meglio lasciar stare

  9. Valerio ha detto:

    Occorre proprio un condominio al Foro Boario. Ci sono molti appartamenti invenduti a Latisana,non credo che occorra cementificare ulteriormente per creare appartamenti che comunque non verranno venduti.

  10. il_bacucco ha detto:

    @ valerio….tutti parlano di ecologia, poi alla prima occasione arriva la colata di cemento!

I commenti sono disabilitati.