Xtrim 2013, tempo pieno, Gianfelice Colonna, Consiglio Comunale, Caserma Vigili, Equitalia, Mercato, Aster, dirigente e incidente

Incidente in Autostrada

Incidente ieri pomeriggio e chiusura del tratto Portogruaro – Latisana; traffico, al solito, impazzito sulla 14 e in centro delle due cittadine. Come al solito……….. semaforo di Bergamin che fa da tappo ed è mancato il controllo a mano, che poteva deviare verso Paludo e agevolare le auto; ma è sempre così. Dal casello di Portogruaro a Latisana circa 2 ore….alle 19.00 ancora coda interminabile. Danni collaterali a Paludo: una bisarca ha agganciato le luminarie di Natale davanti alla Chiesa e le ha portate tutte via………

Ecco il dirigente nuovo

Come avevamo anticipato, il Comune sta per assumere un dirigente di alto profilo e alto livello; ecco come viene descritto dai documenti ufficiali.

Un posto di dirigente fuori dotazione organica per l’istituendo Settore Programmazione e sviluppo cui affidare la gestione delle risorse umane, il controllo di gestione e le funzioni in materia di stazione appaltante per i Comuni di Latisana, Precenicco e Ronchis. Si da atto che, stante la situazione dell’organico complessivo e il sottodimensionamento di risorse rispetto alle necessità e ai carichi di lavoro e stante l’assenza di figure dirigenziali, per la copertura del posto di dirigente di cui sopra si deve ricorrere all’assunzione dall’esterno dando atto che questo comune non è dissestato, né ente strutturalmente deficitario. ANNO 2013: Personale a tempo determinato. Dirigente fuori dotazione organica Settore Programmazione e sviluppo – art. 110 TUEL. Con contratto di lavoro pubblico a tempo determinato. Da selezionare mediante avviso pubblico

Chiusura

Chiude anticipatamente l’Aster Riviera Friulana. Ecco i dati:

…… PREMESSO: – che il Comune di Latisana assieme ad altri 10 Comuni ha costituito, ai sensi della L. R. 1/2006, una Associazione intercomunale – Aster Riviera Turistica Friulana, per la gestione associata di funzioni e servizi, firmando la relativa convenzione quadro; ….…. VISTO: – che la Conferenza dei Sindaci in data 15 novembre 2012 ha deciso all’unanimità lo scioglimento anticipato dell’associazione al 31 dicembre 2012………. DATO ATTO altresì, che i Comuni di Latisana, Precenicco e Ronchis intendono proseguire nella gestione associata delle funzioni attinenti lo  sviluppo economico, commercio e Sportello Unico per le Attività produttive………..  ecc ecc..  Da qui l’assunzione del Dirigente. Prima l’associazione era tra tutti i comuni, ora solo alcuni.

Mercato

Viene programmato di anticipare il mercato di mercoledì 26 dicembre al 23 dicembre 2012, domenica, con gli orari e le modalità del mercato settimanale normale, dando l’indirizzo al comando di Polizia Comunale di accentrare verso piazza Matteotti le attività presenti spostandole nell’ordine con cui sono state originariamente autorizzate.

Equitalia

Vista la relazione effettuata dal competente Ufficio comunale, si prorogano fino il 30 giugno 2013 le convenzioni stipulate con Equitalia Nord S.p.A. di Milano (ex S.F.E.T. S.p.A. e Equitalia Friuli Venezia Giulia S.p.A.) per la riscossione volontaria TARSU e coattiva dei tributi locali ed entrate patrimoniali.

Caserma Vigili del Fuoco

Sul MV di ieri, giovedì, è uscita una intervista al vice sindaco Valvason che spiega come stanno le cose e conferma l’errore progettuale. Dunque avevamo ragione a scrivere quanto scritto; male, bene, nel senso: male perché è una cosa che danneggia Latisana, bene perché è venuta alla luce e si è fatto chiarezza. Speriamo sia sempre così.

Consiglio Comunale

Ieri giovedì con un intervento molto appassionato, parlando di Ospedale, Hospice, Città della Salute e RSA, parlando di sprechi e progetti e consulenze (18.000 euro spesi per il progetto del parcheggio interrato Morassutti o i 50.000 euro per il progetto dell’Abitare Possibile), di Palmanova egemone e che comanda, di un’ASS lontana da Latisana e dalla politica locale, l’ex Consigliere Gianfelice Colonna, ha rassegnato le dimissioni da consigliere. Gli subentrerà Claudio Serafini. Il Consiglio era, per la prima volta, in diretta audio sul sito istituzionale. Prima era stato deciso di istituire una Commissione di indagine sulla questione dell’affidamento del progetto preliminare sulla Città della Salute. Approvato il progetto dall’aula. All’inizio si era anche parlato di dragaggi e di Aprilia Marittima: si attendono le decisioni dello Stato e poi della Regione e, solo dopo, si passerà alla gara per l’esecuzione die lavori. Visti i tempi e le elezioni imminenti, francamente vedo problematico scavare prima di 6-10 mesi, ma è solo una impressione. Altri punti approvati su regolamenti e Piano Gestione del territorio.

Consiglio Comunale 2

Da Gianfelice Colonna, al suo ultimo giorno da Consigliere Comunale, riceviamo e ben volentieri pubblichiamo.

Consiglio Comunale di Latisana del 20 / 12 / 12. ORA, ben pochi sanno che cosa sia un Hospice e che a Latisana ce ne sia uno nuovo di zecca costato due milioni seicentomila euro.  Forse nessuno sa che c’e’ una RSA nuova di zecca non ancora attivata solo perché ospita attualmente altri reparti nell’attesa che siano ultimate le opere strutturali in costruzione: sale operatorie e area chirurgica. ORA, l’Azienda Ospedaliera sta svuotando l’Ospedale di Latisana:  mi riferisco al PUNTO NASCITE e di conseguenza la PEDIATRIA….. con le immancabili ripercussioni sull’operatività degli altri reparti: siamo di fronte a una Amministrazione Ospedaliera lontana geograficamente e politicamente. E la nostra Amministrazione Comunale in tutto questo cosa fa’?…. Come non bastasse quanto sta succedendo da’ una mano a svuotare l’Ospedale di Latisana di FUNZIONI e REPARTI   proponendosi essa stessa di realizzare una nuova struttura per Hospice ed RSA ! In casi come questo l’esclamazione è scontata:  ”E IO PAGO!”. Gia’, in questo caso il Cittadino latisanese paga due volte: prima come contribuente ha già appena pagato la realizzazione dell’Hospice e delll’RSA, ora , secondo le intenzioni dell’Amministrazione Comunale di Latisana, ripagherà nuovamente quelle strutture utilizzando ciò che, in questo momento, sarà possibile realizzare dal “lascito Teodolinda Toniatti “. Ma non si era detto basta agli sprechi?!  da qualsiasi parte provengano quei denari ?!. Non ci vogliamo proprio rendere conto  della situazione drammatica del nostro Paese!? E in tutto questo si aggiunge il paradosso: i tre milioni di euro resi disponibili dalla Regione e dalla politica per la realizzazione di questo, a mio dire, insensato progetto: vorrei non vi dimenticaste che anche questi soldi sono del Cittadino latisanese e non sono piovuti dal cielo!  Ma a che cosa dovrebbero servire quei tre milioni di euro? A realizzare, nell’ambito di quella “Cittadella della Salute” gli uffici e gli spazi per l’Ambito Socio Assistenziale.  Ma se si sta parlando di una ristrutturazione a livello regionale del numero e delle dimensioni degli Ambiti Socio Assistenziali, ha un senso parlare di appaltare progetti per questa incomprensibile e buia , lasciatemelo dire, buia, operazione? O non saranno piuttosto gli ennesimi denari buttati in progetti e consulenze?  Ricordiamoci dei 18.000 euro spesi per il progetto del parcheggio interrato Morassutti!  Ricordiamoci degli oltre 50.000 euro gettati da solo pochi mesi per i progetti “dell’abitare possibile”! Tutti progetti, per fortuna, rimasti nella carta e mai realizzati.  O non sarebbe piuttosto più giusto aspettare che venga ridefinito il Piano Sanitario Regionale e poi decidere?  E poi non ci e’ stato spiegato, qui dentro, che quel tanto discusso PISUS ( piano di sviluppo urbano sostenibile) da realizzarsi in area caserme doveva servire proprio per contenere le attivita’ dei servizi dell ‘Ambito Socio Assistenziale? Ci sono troppi  ”ma”  , troppe  ”macchie di grigio” in questa operazione Cittadella della Salute in un momento così buio per la nostra Italia. Ma veramente abbiamo così tanti soldi da buttare? E poi, alla luce di quanto succede ai valori degli immobili, non ritenete che questa sera anziché pensare a dare incarichi per progetti non sia invece il caso di rifarsi i conti in tasca e capire quanto ci resta di quel lascito?   Comincio a sentirmi stanco di impegnare inutilmente energie. Sento arrivato il momento di non condividere, neppure con un voto negativo, decisioni così pesanti, di non condividere un tale ingiustificato sperpero di denaro. Eppure proposte alternative serie e realizzabili sono state presentate sul come utilizzare quel lascito e quel possibile “pisus”.!   Avremmo potuto più semplicemente utilizzare quei soldi per una nuova Casa di Riposo. E’ ora, dicevo, che lasci il posto a forze ed energie nuove.  Sono certo di avere profuso non poco impegno civico per la mia Latisana.

– Nel 1990 (22 anni fa ) il nostro Ospedale stava correndo un rischio ben peggiore dell’attuale.  Fra l’altro avevamo un’area di emergenza nuova di pallino, tutta impacchettata, che non poteva essere attivata solo perché si doveva attendere la realizzazione di quella di Palmanova ancora in fase di progettazione. Come si può vedere è sempre Palmanova a dettare legge, a fare la voce grossa e farla da padrona.

– Nel 1995 l’Ospedale di Latisana era rimasto l’unico ospedale di rete di tutto il triveneto a non poter disporre per la sua diagnostica radiologica di una T.A.C. e i suoi ricoverati venivano accompagnati in ambulanza a Palmanova  o a San Donà per eseguire tale indagine.

– Da diciassette anni è attiva nel nostro territorio una Associazione di volontariato che è vanto per tutta la bassa occidentale.

E sempre queste iniziative, peraltro sempre brillantemente portate a termine, mi hanno visto in prima linea come coordinatore e promotore.  Oggi, qui dentro, stando così le cose, non ho più nulla da dare.  In questo contesto sono stato sempre espressione della società civile e ritengo più utile ritornare alla società civile.  Al nuovo Consigliere che subentrerà al mio posto e a Voi tutti un sincero ringraziamento e i migliori auguri di buon lavoro. Nei prossimi giorni provvederò a formalizzare l’annuncio di queste mie dimissioni dal Consiglio Comunale di Latisana.   Ora consegnerò al Segretario il testo di queste mie dichiarazioni con richiesta che vengano allegate al verbale della seduta di questo Consiglio Comunale.  Gianfelice Colonna

Tempo pieno a Pertegada

E’ l’argomento che appassiona mamme e famiglie a Pertegada. Fare o non fare la scuola a tempo pieno? E soprattutto renderla obbligatoria o facoltativa? Ricordiamo che il tempo pieno esiste sia a Latisana che a Precenicco. I favorevoli e i contrari stanno raccogliendo firme.

2°XTriM Cimenti Invernali – 6 Gennaio 2013 ore 11:30

Riceviamo e volentieri pubblichiamo, anche con il riferimento al 2012 per chi non c’era……

…solamente quando udirai l’urlo della tribuna tagliamento, potrai essere sicuro di essere sopravvissuto le paure primordiali dell’essere umano con la natura più’ ostile, e potrai urlare ”’survivor”’…

Il 6 Gennaio 2012, alla prima edizione dell’evento XTriM Cimenti Invernali, hanno partecipato 25 atleti di cui 3 donne e un sessantacinquenne. Essi provengono dal mondo del triathlon e dal nuoto master, atleti  Veneti e Friulani originari di Venezia, Treviso, Udine, Pordenone, Trieste, Tolmezzo, Caorle, Latisana, Porcia, Montebelluna, Travesio ed altre località minori.  Ci furono oltre 300 persone a vedere l’evento e questo e’ un vanto per l’organizzazione che e’ rimasta molto soddisfatto del riscontro e della visibilità ottenuta.  La 1^ edizione dell’XTriM Cimenti invernali e’ stato un tuffo nell’acqua gelida del fiume Tagliamento per festeggiare non solo l’anno nuovo o l’Epifania, ma anche per vivere l’ambiente naturale e la sua bellezza da una nuova prospettiva. Prima del cimento vero e proprio si e’ fatta una sorta di gara di nuoto di attraversamento delle due sponde, un’unione virtualmente tra Veneto il Friuli, tra San Michele al Tagliamento (provincia di Venezia) e Latisana (provincia di Udine). La temperatura dell’acqua era di 6°C e il tratto da percorrere era di 100 m, con la corrente a favore. Gli atleti hanno fatto l’attraversamento chi con muta e chi senza. I 25 atleti, sono stati suddivisi in 6 batterie da 4 o 5 atleti cadauna.  Alla fine dell’attraversata c’è stato il cimento vero e proprio, con il tuffo degli atleti nelle gelide acque del fiume Tagliamento, tutti rigorosamente senza muta.

Tutto e’ stato svolto in piena sicurezza. Infatti sia la traversata che  il cimento sono stati svolti sotto gli occhi vigili dei volontari di protezione civile, dei vigili del fuoco, degli assistenti bagnanti della F.I.S.A. della sezione del Friuli Venezia Giulia, di 4 sommozzatori in acqua e di altrettanti assistenti bagnanti pronti a tuffarsi dalle 4 imbarcazioni messe a disposizione apposta per l’evento. Un rinfresco e un te e cioccolato caldo e’ stato offerto dal gruppo alpini locale. Erano previsti due tendoni riscaldati, uno per sponda e un mezzo per trasportare gli atleti da una parte all’altra del fiume.

Programma della giornata:

Iscrizioni dalle 10:00 alle 10:30 e piccolo breafing:

verso le 10:45 inizio trasferimento verso San Michele al Tagliamento

ore 11:15 cambio e indosso muta

ore 11:30 attraversamento in gruppi di 4.

ore 12:00 cimento invernale con tuffo nell’acqua senza muta

ore 12:30 premiazioni

ore 13:00 corsetta riscaldante

ore 13:30 doccia al campo sportivo

ore 14:00 pizza tutti assieme

Organizzato da Matteo Benedetti, Alessandro Guerin e Alessandro Plaino . Evento Cus Udine in collaborazione con la Valo Club di Latisana, nuoto libero master UISP.  Con il patrocinio dei comuni di: San Michele al Tagliamento (Ve) e Citta di Latisana (Ud)

Condividi il post!

PinIt

8 commenti su “Xtrim 2013, tempo pieno, Gianfelice Colonna, Consiglio Comunale, Caserma Vigili, Equitalia, Mercato, Aster, dirigente e incidente”

  1. Una Mamma preoccupata ha detto:

    Volevo solamente precisare, che mentre per Latisana il genitore può optare per il suo bambino sia per il tempo pieno che per il tempo normale, a Pertegada se si deciderà per il tempo pieno, non ci sarà possibilità di scelta,e sarà obbligatorio per tutti.
    Il comune,attraverso l’assessore Garbuio, ha già messo le mani avanti dicendo che comunque i genitori che vorranno portare il proprio figlio a Latisana per fargli frequentare il corso a tempo normale dovranno farlo a proprie spese, non verrà quindi fornito alcun pulmino.
    Inoltre, l’edificio scolastico di Pertegada attualmente non dispone dei locali adeguati (ad es. mensa e laboratori), quindi qualora dovesse passare il tempo pieno, dovrà per forza essere ampliato e modificato con fondi che il comune a suo dire non ha ma che dovrà reperire in qualche maniera.

  2. Massimo Della Siega ha detto:

    Bisogna riconoscere a Gianfelice Colonna il grande e serio impegno cívico e político espresso in questi anni nelle istituzioni . Purtroppo sempre in un ruolo di mínoranza política , ma mai inutile o banale . Bravo Gianfelice .

  3. davide ha detto:

    … senza contare che la bozza di offerta didattica prospettata vedrebbe ben poco tempo dedicato a laboratori/attività extra, mentre i poveri infanti si troverebbero alle prese con matematica e italiano alle due del pomeriggio. Per correggere il Bacucco, non si stanno raccogliendo firme, bensì, entro oggi, si deve riconsegnare un’adesione di massima. Considerando che il voto non è segreto (viene richiesto nome del bambino e firme dei genitori), posso dire che io ho votato contro il tempo pieno (nonostante ne sia da sempre un sostenitore, purché fatto in un certo modo) integrando il mio voto con questa dichiarazione esplicativa: per come è prospettato, questo tempo pieno rappresenta più un comodo parcheggio per genitori che una reale opportunità per i bambini. Questa, naturalmente (e prima che qualcuno si risenta), è solo la mia opinione…

  4. claudia ha detto:

    sfortunatamente ieri ero a portogruaro alle 18 e vedendo colonna ho deciso di rientrare a latisana per l’autosatrda,dopo il casello ci hanno dirottati a san stino per poi prendere la statale. c’è da chiedersi come mai non ci fosse un cartello che indicasse la chiusura delll’autostrada.da san michele a latisana 40 minuti,sarebbe stato opportuno che dei vigili facessero un po di “ordine” visto il totale caos che c’era.

  5. claudia ha detto:

    in merito al progetto di tempo pieno a pertegada spero che se debba essere inserito un tempo pieno lo si faccia pensando ai bambni,con attività didattiche coerenti all’età e all’ora. Prendo esempio da altre scuole dove il dopo pranzo è dedicato ai compiti cosicchè a casa poi siano liberi e alle attività sportive.Concordo con Davide nell’aiuto che il tempo pieno da ai genitori ma per i bambini(mio parere personale) credo che sia insostenibile alle 14 prestare attenzione alle lezioni.

  6. davide ha detto:

    Scusa Claudia, non so se hai travisato il mio pensiero, ma io sono assolutamente contrario a qualunque soluzione di tempo pieno che rappresenti SOLO un comodo parcheggio per genitori a discapito di una reale offerta formativa per i bimbi…

  7. davide ha detto:

    … e tale sembra quella che ci è stata prospettata…

  8. claudi ha detto:

    si si davide,ho capito bene e ti do perfettamente ragione in merito.a ciò che hai detto,ovvero che sembra un comodo parcheggio ma non è assolutamente a favore dei bambini.

I commenti sono disabilitati.